Politica

di Giuseppe Bruno

Buoni e cattivi

Abbonati agli albi cartacei de La Croce e all’archivio storico del quotidiano

Chi è o è stato insegnante può capire, anche se gli viene difficile giustificarlo, il comportamento del nostro governo su “green pass rafforzato obbligatorio” dal 15 febbraio per gli over 50, anche - e qui sta il “vulnus” più grave alle libertà costituzionali - per quelli che vorrebbero solo poter continuare a lavorare. Infatti ogni insegnante sa bene che, se ha minacciato di punire chi non avrebbe svolto un compito assegnato con un bel “due”, non può rimangiarsi la minaccia; pena non essere più preso sul serio dalla classe, cosa, si sa, dalle conseguenze perniciose. Così, dando sempre più l’impressione di arrampicarsi agli specchi, con l’aiuto di giornalisti o “esperti” che pensano con la loro sicumera di intontire gli italiani, il nostro governo, batte, di fatto, anche lui sul tasto della “punizione” senza riuscire a farci capire, però, quale sia la motivazione così grave da far punire in modo così altrettanto grave chi si ostina a non farsi vaccinare. Il contagio, infatti, l’hanno detto gli stessi virologi, ma era un fatto che si sapeva già da tempo, i vaccinati lo subiscono e lo trasmettono lo stesso. Si, si obietta, ma in misura minore rispetto ai non vaccinati e anche la gravità e la mortalità della patologia per i vaccinati è inferiore rispetto ai non vaccinati. Se così fosse, e probabilmente lo è, basterebbe che i dati fossero chiari e inconfutabili per convincere i dubbiosi senza arrivare ad una così grave punizione, ma i dubbi, invece restano e l’insistenza solo polemica e aggressiva e ora addirittura punitiva senza dati incontrovertibili a sostegno, anziché far recedere i “no vax” sembra rinforzarli, almeno nel loro “zoccolo duro”. Qualcuno arriva addirittura a ipotizzare che orami tra vaccinati e guariti la percentuale di chi si ammala seriamente o muore ancora per covid è talmente bassa da essere forse quasi uguale a quella di coloro che hanno subito effetti avversi più o meno gravi per il vaccino. Allora se le cose stanno così questo provvedimento così grave, non preso da nessun altro Paese democratico, di privare addirittura del sostentamento vitale (il lavoro e pare anche la cura della salute e l’assistenza sociale) chi non si è sottoposto al vaccino sembra a chiunque ragioni serenamente del tutto esagerato e fuori luogo. Specie ora che tutti gli stati stanno allentando la morsa delle restrizioni perché il virus sembra recedere più o meno dappertutto. Ma come capita all’insegnante che, avendo dato eccessiva importanza ad un compito che si è poi rilevato del tutto di routine comunque non tale da giustificare ritorsioni eccessive per chi non l’avesse svolto, non se la sente di tradire le aspettative della classe sia nel positivo che nel negativo, così il governo teme che il popolo italiano “ubbidente”, la stragrande maggioranza, si sentirebbe solo un popolo di “presi in giro” ad essersi sottoposti al vaccino quindi ad essersi esposti a rischi pur remoti, senza essere davvero sicuro dei vantaggi acquisiti, mentre gli altri, i pochi “disubbidienti”, sarebbero percepiti e forse si percepirebbero essi stessi come i “furbi”. I nostri governanti conoscono bene la “pancia” del loro elettorato e quindi devono far vedere che gli ubbidienti (i buoni) hanno fatto bene ad ubbidire e, vanno premiati, i disubbidienti (i cattivi) hanno fatto male a disubbidire e vanno puniti. Ma ovviamente non è solo questo, i vaccinati devono essere convinti che il vaccino abbia protetto loro e gli altri di più, molto, almeno abbastanza di più rispetto ai non vaccinati. Anche qui i proclami e gli anatemi senza il corollario di dati incontrovertibili lascia dubbi e perplessità in chi ragiona e fanatismo in chi vuole solo sicurezze. Per qualcuno ci vuole fede, fede in chi guida la carovana. Per altri questa fede è mal riposta. Questo clima di incertezze contrapposte senza il suffragio di dati inconfutabili da un lato e dall’altro genera una guerra senza quartiere tipica del fanatismo dove sedicenti verità si contrappongono senza possibilità né di verifiche vere né di confronto, e, alla fine, con aggressioni fra le parti contrapposte per ora verbali, ma se andiamo di questo passo, sempre più anche fisiche. Difficile situazione per il governo che come un insegnante che ha perso il controllo della classe, almeno per il momento, sembra promettere premi e comminare punizioni senza più neanche sapere bene perché. Sarebbe più facile e soprattutto onesto, ammettere: “scusateci, ragazzi, abbiamo commesso degli errori: la situazione del tutto nuova ci ha intontiti, ci ripromettiamo di studiare meglio la cosa, darvene ragione e di prendere provvedimenti più consoni alla situazione. Intanto diamoci tutti una calmata perché questo clima così non giova a nessuno. Se qualcuno ha sbagliato in mala fede ne pagherà le giuste conseguenze, però ora basta, ricominciamo”. Speriamo di sentire presto qualcosa del genere, speriamo ci sia, tra quelli che ci governano, perché no, qualche bravo “insegnante”.

Abbonati agli albi cartacei de La Croce e all’archivio storico del quotidiano

17/02/2022
1308/2022
Ss. Ponziano e Ippolito

Voglio la
Mamma

Vai alla sezione

Politica

Vai alla sezione

Articoli correlati

Politica

Omofobia in Umbria: si fa presto a dire “legge”

Lo statuto speciale della regione italiana a più alta concentrazione di santi ha permesso il varo di tante leggi regionali, la cui inefficacia dimostra il marchio ideologico

Leggi tutto

Politica

Riflessioni a mente fredda

Ora la domanda è: perché? Perché passano i giorni e ancora sembra essere ossessiva l’attenzione nei nostri confronti, nei confronti del nostro risultato? Se fosse stato così trascurabile come qualcuno a caldo ha provato a dire, non saremmo finiti subito nel dimenticatoio con una prece e un fiore sulla tomba? Riflettendo a mente fredda possiamo provare a darci alcune spiegazioni.

Leggi tutto

Politica

La Chiesa che si immischia

Nel 1982 il papa diceva ai confratelli convenuti da tutti i paesi europei, parlando del rapporto tra le Chiese locali e l’Europa: Il cristianesimo può scoprire nell’avventura dello spirito europeo le tentazioni, le infedeltà ed i rischi che sono propri dell’uomo nel suo rapporto essenziale con Dio in Cristo. Ancor più profondamente, possiamo affermare che queste prove, queste tentazioni e questo esito del dramma europeo non solo interpellano il Cristianesimo e la Chiesa dal di fuori come una difficoltà o un ostacolo esterno da superare nell’opera di evangelizzazione, ma in un senso vero sono interiori al Cristianesimo e alla Chiesa.

Leggi tutto

Politica

La scuola è già in ginocchio: è già tempo di DAD

Si allargano a macchia d’olio i casi di classi in quarantena: un fenomeno che ha preso corpo nei primissimi giorni di scuola prima a Bolzano, per poi trovare terreno fertile anche in Lombardia, Emilia Romagna, Sardegna e Lazio. Le lezioni sono riprese da una settimana è già si contano già un centinaio di classi costrette a rimanere a casa, quindi a tornare a quella dad che chi governa la scuola ha detto che ci eravamo messi alle spalle. La triste realtà sta emergendo anche grazie agli screening negli istituti “sentinella” caldeggiati dall’Anief, sui quali il Parlamento ha appena legiferato ma che andavano allargati a tutti gli studenti, di qualunque età, e al personale scolastico oltre che universitario.

Leggi tutto

Politica

Afghanistan: mandato all’Onu per la crisi umanitaria

Soddisfacente e fruttuoso”. Così il Premier italiano, Mario Draghi, ha riassunto l’incontro straordinario del G20 riguardo l’emergenza in Afghanistan svolto questo pomeriggio. Un incontro che ha portato a diversi risultati, di cui il più rilevante è stato che il G20 ha dato “mandato all’Onu di agire e rispondere alla gravissima crisi umanitaria” in atto nel Paese.

Leggi tutto

Politica

Nessun aumento per le persone con invalidità

Nessun aumento per le persone con invalidità. In una Legge di Bilancio da 30 miliardi di euro, infatti, non è stato reperito nemmeno un centesimo per l’incremento degli assegni che a fine mese vengono erogati agli invalidi.

Leggi tutto

La Croce Quotidiano, C.F. P.IVA 12050921001

© 2014-2022 La Croce Quotidiano