Chiesa

di Raffaele Dicembrino

Carisma e creatività”, tra sfida e profezia

Abbonati agli albi cartacei de La Croce e all’archivio storico del quotidiano

«Viviamo un tempo in cui una riflessione intorno ai beni culturali è urgente nella Chiesa e particolarmente nelle Comunità di vita consacrata. In Europa, a fronte di un patrimonio culturale vastissimo, composto di beni immobili e mobili, archivi e biblioteche la popolazione dei consacrati negli ultimi trent’anni registra una flessione di oltre il 57 per cento nella sua componente femminile e del 44 per cento in quella maschile. Un assottigliamento, di fronte al quale occorre attivare con urgenza maggiori strumenti di osservazione e tutela». Un quadro ben preciso quello illustrato dal cardinale presidente del Pontificio Consiglio della cultura, Gianfranco Ravasi, nel suo intervento, questa mattina nella Sala stampa della Santa Sede, alla presentazione del convegno internazionale “Carisma e creatività. Catalogazione, gestione e progetti innovativi per il patrimonio culturale delle comunità di vita consacrata”, in programma il 4 e 5 maggio prossimi presso l’Auditorium Antonianum a Roma. Sono intervenuti anche il prefetto e il segretario della Congregazione per gli Istituti di vita consacrata e le Società di vita apostolica, il cardinale João Braz de Aviz e l’arcivescovo José Rodríguez Carballo, il delegato del Pontificio Consiglio della cultura, il vescovo Carlos Alberto de Pinho Moreira Azevedo, e suor Jolanta Maria Kafka, superiora generale delle Religiose di Maria Immacolata e presidente dell’Unione internazionale delle superiore generali.

Promosso dalla Congregazione per gli Istituti di vita consacrata e le Società di vita apostolica e dal Pontificio Consiglio della cultura e organizzato insieme, tra gli altri, all’Ufficio nazionale per i beni culturali ecclesiastici e l’edilizia di culto della Cei e dal Dipartimento dei beni culturali della Chiesa – Facoltà di storia e beni culturali della Chiesa della Pontificia università Gregoriana, il convegno è stato preparato tramite una call for papers rivolta agli stessi istituti di vita consacrata maschili e femminili e ai docenti e ricercatori, al fine di raccogliere ricerche e progetti stimolanti e buone pratiche in ordine alla tutela, conservazione, fruizione e riuso dei beni culturali di proprietà di tali istituti: beni architettonici e artistici, archivi e biblioteche, beni immateriali. I numerosi contributi, giunti da tutto il mondo, sono stati raccolti attorno a quattro tematiche, che costituiranno altrettante sessioni delle due giornate di studio: quadri di comprensione teorica, catalogazione, gestione, riuso. «Con questa conferenza — ha ancora sottolineato Ravasi — il nostro interesse non si concentra sui ruoli o sulla provenienza delle esperienze, ma sulle competenze e sulla esemplarità dei progetti, non per generare emulazione — cosa impossibile stante l’unicità dei casi e dei loro contesti — ma innescare nuovi processi». Una sfida che è stata vinta, ha ribadito il porporato, «perché sono giunte ben ottantadue proposte di intervento» e, con l’esclusione dell’Oceania, «tutti i continenti sono stati rappresentati». L’onere del conservare, ha tenuto a precisare il cardinale, può diventare quindi un’opportunità per ripensare il proprio carisma, comprenderlo nell’attuale contesto socio-culturale e progettarlo nel prossimo futuro.

Un futuro roseo se si garantisce il rispetto delle norme canoniche e si dà ampio spazio alla formazione, ha aggiunto José Rodríguez Carballo, azioni necessarie secondo il presule per evitare la dispersione e far acquisire coscienza del valore dei beni, soprattutto quelli nei monasteri, per una loro migliore gestione e conservazione.

Ricordando le “parole profetiche” di Papa Francesco nella lettera apostolica in forma di motu proprio Fidelis dispensator et prudens — «Come l’amministratore fedele e prudente ha il compito di curare attentamente quanto gli è stato affidato, così la Chiesa è consapevole della responsabilità di tutelare e gestire con attenzione i propri beni» — il cardinale Braz de Aviz ha osservato come partendo da esse nel marzo 2014 si sia dato avvio al primo simposio organizzato dalla Congregazione per gli Istituti di vita consacrata e Società di vita apostolica sulla gestione dei beni ecclesiastici. Un percorso diretto ad aiutare gli stessi istituti ad avere maggiore consapevolezza circa la rilevanza della materia economica, secondo professionalità e Vangelo, coordinate indicate dal Pontefice; ma anche «individuare i cambiamenti necessari nella cura e gestione di un patrimonio», «rispondendo con sempre rinnovata audacia e profezia alle sfide del nostro tempo» per continuare ad essere segno profetico dell’amore di Dio. «Sappiamo che non mancano iniziative di buona gestione dei beni culturali da parte degli istituti di vita consacrata — ha aggiunto Braz de Aviz — ma è difficile conoscerle, farle venire alla luce, così come è difficile quantizzare e descrivere il patrimonio dei consacrati». Da qui l’invito a tutti gli istituti, i monasteri e le società di vita apostolica a «fare cordata per un passo importante che è quello della catalogazione e della documentazione fotografica dei beni culturali».

Della necessità di una più esaustiva catalogazione ha parlato anche suor Jolanta Maria Kafka che, in riferimento ai dati di un questionario elaborato dalla Congregazione per i religiosi e degli organi internazionali di rappresentanza delle superiori generali e dei superiori generali, ha evidenziato al contempo come siano i monasteri sui iuris di vita contemplativa a vantare un catalogo completo dei propri beni unitamente ad altre congregazioni che hanno dichiarato il completamento di un’azione censuaria omogenea, estesa a tutte le comunità e province. Da qui l’auspicio, espresso dalla religiosa, che il convegno di maggio «segni una svolta e una “conversione”, per sensibilizzare ancora di più, anticipare le situazioni critiche, passando dall’emergenza all’offerta di progetti e di strumenti di catalogazione e di tutela».

Abbonati agli albi cartacei de La Croce e all’archivio storico del quotidiano

18/02/2022
0702/2023
San Riccardo

Voglio la
Mamma

Vai alla sezione

Politica

Vai alla sezione

Articoli correlati

Chiesa

Sacerdoti oggi

Vi sembrerà impossibile, lo so. Anche a me oggi, a 45 anni, fa ancora lo stesso effetto. A volte mi sveglio di notte da incubi spaventosi e mi domando: ma è stato tutto vero o me lo sono inventato io? Durante l’esperienza del liceo e poi dell’università ci ho provato a staccarmi. Per fortuna allora non esistevano i cellulari. Ma vi posso assicurare che la sua presenza era totalizzante anche a distanza. Non esagero se vi dico che ci sono state settimane e mesi nelle quali mi arrivano non meno di trenta telefonate al giorno tutte sue. Ero suo e non era immaginabile che io prendessi il volo per sempre. Mi controllava. Durante la fase della tesi di laurea ho iniziato a soffrire di attacchi di panico. Quest’anno festeggio i 22 anni di convivenza con questa brutta bestia che ti schianta il cuore e il fisico. La vita è sempre stata una vista passata a scappare. A fare non-scelte. Compresa quella di entrare in seminario dopo la laurea in filosofia. E ne ero convinto in un certo senso, ero convinto di avere la vocazione. In realtà non era così: scappavo ancora una volta dal mostro. A venticinque anni che cosa potevo fare nella vita? Non ero capace di fare niente. E allora perché non entrare in seminario? Il prete sapevo farlo, figuriamoci, con tutta l’esperienza di anni e anni passata a fare ogni cosa in parrocchia ed in oratorio! E poi, forse, se fossi diventato prete avrei finalmente avuto la scusa giusta per allontanarmi dal mostro. Il Vescovo mi avrebbe spedito a chilometri di distanza dal prete-mostro e allora la mia prigione sarebbe finita. In seminario ci sono restato 9 mesi. Il periodo più importante e decisivo per la mia vita. Decisivo per affrontare di petto per la prima volta chi ero davvero e che cosa volevo davvero diventare.

Leggi tutto

Politica

IL PDF TRA NUOVI ELETTI E NUOVE GRANDI SFIDE

La nostra sfida per un progetto politico autonomo di ispirazione cristiana che cresce e va al governo delle comunità si sposta da qui a otto mesi alle elezioni nelle grandi città  del maggio 2021. Siamo un popolo, non ci faremo trovare impreparati. Dovremo affrontare due settimane dei ballottaggi importanti in cui saremo protagonisti grazie ai risultati ottenuti a Chieti (0,6%) ma soprattutto a Matera (3,5%) e Castrovillari (11,1%). Non solo, tra due settimane il Popolo della Famiglia torna in campo anche per il primo turno delle amministrative siciliane ad Agrigento, a Tremestieri ed a Mislimeri

Leggi tutto

Chiesa

Papa Francesco all’Angelus invita ad essere Chiesa che accoglie e non dei “primi della classe”

Una calda domenica ha celebrato l’appuntamento di fine settembre con Papa Francesco e l’Angelus. All’Angelus, il Papa ricorda che l’atteggiamento della chiusura è la radice di “tanti mali della storia”. Chiudersi, dividersi, escludere e giudicare. Papa Francesco, spiegando all’Angelus il Vangelo del giorno, mette in guardia dalla tentazione presente nel mondo e nella Chiesa di creare gruppi che credono di detenere la verità. Guardando agli apostoli che impedirono ad un uomo di scacciare i demoni, pur avendone le capacità, Gesù li invita a non ostacolare chi si adopera per il bene.

Leggi tutto

Chiesa

Papa Francesco e l’ncontro con le Clarisse al Protomonastero di Assisi

Il Papa incontrando le Clarisse ha sottolineato l’importanza di avere una mente in pace ed un cuore sereno.

Leggi tutto

Chiesa

L’arcivescovo di Parigi, Michel Aupetit, ha offerto le sue dimissioni al Papa

L’arcivescovo di Parigi, Michel Aupetit, ha offerto le sue dimissioni a papa Francesco, in seguito alle rivelazioni del settimanale Le Point su una sua presunta love story con una donna nel 2012.

Leggi tutto

Chiesa

Messaggio del Papa per la Giornata Missionaria Mondiale 2022

Nel messaggio per la Giornata Missionaria Mondiale 2022 che verrà celebrata domenica 23 ottobre, e che ha assunto come tema le parole di Gesù, Papa Francesco offre alcune riflessioni sulle parole chiave che descrivono la vita e la missione dei discepoli.

Leggi tutto

La Croce Quotidiano, C.F. P.IVA 12050921001

© 2014-2023 La Croce Quotidiano