Chiesa

di Nathan Algren

BOLIVIA - I Vescovi: alla strumentalizzazione della giustizia

Abbonati agli albi cartacei de La Croce e all’archivio storico del quotidiano

“Chiediamo che il processo di riforma sia avviato, immediatamente, con la partecipazione e il consenso di tutte le istituzioni e le forze vive del paese”, in quanto “è urgente avere un sistema giudiziario adeguato e imparziale, che restituisca fiducia e speranza a tante persone che sono vittime del ritardo e della manipolazione della giustizia”. Sono le precise richieste del Consiglio Permanente della Conferenza Episcopale Boliviana (CEB), espresse in un comunicato del 17 febbraio, che è stato presentato da Mons. Giovani Arana, Segretario Generale della CEB, accompagnato da Padre Diego Plá, Vice Segretario Generale e da Susana Inch, Consulente Legale della CEB.

Il testo è intitolato “Giustizia per la Bolivia” e si apre citando il testo evangelico del giudice corrotto che resisteva a rendere giustizia a una povera vedova (Lc 18,1-8). “Questa parabola riflette in modo significativo l’attuale situazione del sistema giudiziario nel nostro paese, che sta vivendo un grave deterioramento – commentano i Vescovi -. Questo fatto ha portato alla perdita di ogni credibilità nella popolazione e ha sollevato crescenti richieste di una riforma profonda e radicale, che garantisca una amministrazione della giustizia equa, trasparente e libera da ogni pressione politica e sociale”.
I Vescovi citano due esempi: lo scandalo sollevato dal rilascio, per interessi economici, di diversi autori di femminicidi condannati alla pena massima di trent’anni, e il processo contro le autorità del governo costituzionale di transizione, che è condotto tra gravi carenze giuridiche e violazione dei più elementari diritti umani. “Ciò che il popolo boliviano vuole è che l’Amministrazione della Giustizia agisca nel rigoroso rispetto delle leggi, con trasparenza, autonomia e nel pieno rispetto della verità”.
Preoccupati che “le promesse di riforma della giustizia saranno dimenticate”, i Vescovi chiedono quindi che “il processo di riforma sia avviato, immediatamente” con la partecipazione e il consenso di tutti, per restituire fiducia e speranza a tante persone e per evitare “ulteriori atti di violenza e di scontro” nel Paese, affinché “tutti noi viviamo in pace, armonia, serenità e sacro rispetto per la vita, le persone e i diritti umani non scadono in nessuna circostanza”.
Il messaggio dei Vescovi si conclude ribadendo che “È ora di smettere di perdere tempo nella strumentalizzazione della giustizia” e ricordando che nella parabola citata all’inizio, “Gesù ci insegna che, grazie alla perseveranza e alla costanza della vedova, il giudice ingiusto decise di renderle giustizia”.

Abbonati agli albi cartacei de La Croce e all’archivio storico del quotidiano

19/02/2022
2801/2023
San Tommaso d'Aquino

Voglio la
Mamma

Vai alla sezione

Politica

Vai alla sezione

Articoli correlati

Chiesa

Ddl Cirinnà, ora serve una mobilitazione della Chiesa italiana

Il 7 maggio scade il termine per la presentazione degli emendamenti a una legge che introdurrebbe di fatto il matrimonio gay e legittimerebbe l’utero in affitto. Se saremo silenti, sarà approvata.

Leggi tutto

Politica

Le ragioni del voto di Domenica

PERCHE’ UN “RENZIANO DELLA PRIMA ORA” DEVE VOTARE NO

Leggi tutto

Chiesa

XAVIER NOVELL, il vescovo che gli LGBT detestano

Giovane, colto e carismatico vescovo spagnolo: stava commentando Amoris Lætitia con il suo popolo.
Gli omosessualisti insorgono tacciandolo di “omofobia”

Leggi tutto

Chiesa

Perego il vescovo pilota

Don Alessandro Guerinoni ha ricevuto una dura reprimenda dal suo vescovo, burocraticamente mediata dal Vicario generale e dal Cancelliere episcopale e confezionata con tutti i timbri del caso.
Motivo? La sua ospitalità al Popolo della Famiglia nei saloni parrocchiali. Il successore di mons.Negri sembra voler attuare le trame di un’ostilità politica al movimento politico del Family Day.

Leggi tutto

Chiesa

Gnosticismo e pelagianesimo: le ideologie che mutilano il Vangelo

La sintesi della trasmissione di ieri su Radio Mater “Temi di Dottrina sociale della Chiesa”. Dedicata alla terza Esortazione apostolica di Papa Francesco

Leggi tutto

Politica

Alabama “dolce casa” di tutti noi

Quello della vita è un tema che forse è anche riduttivo considerare tale: la gratuità dell’amore da una parte, l’economicismo dello scarto dall’altra. Un tema che accende gli animi, i “rumori di fondo” dei casi-limite e delle proiezioni egoistiche, spesso pilotati da lobbies potentissime. La nuova legge, assai restrittiva in fatto di aborto, segna in realtà un passo avanti per i diritti di tutti

Leggi tutto

La Croce Quotidiano, C.F. P.IVA 12050921001

© 2014-2023 La Croce Quotidiano