Chiesa

di Giuseppe Udinov

Somalia - Monsignor Bertin invita all’unione

Abbonati agli albi cartacei de La Croce e all’archivio storico del quotidiano

“La missione della Chiesa in Somalia è quella di essere sempre bene informata di quanto avviene e non dimenticare questa parte del mondo. Il mandato che vedo per me e la Chiesa qui, è continuare è tenere desta l’attenzione e aiutare la popolazione in ogni modo possibile”. Così Monsignor Giorgio Bertin, Amministratore Apostolico di Mogadiscio e Vescovo di Gibuti, descrive il senso della presenza della Chiesa nel tormentato Paese del Corno d’Africa.

La Somalia, alle prese con gravissimi problemi, resta sospesa dal punto di vista politico e quindi esposta al caos, anche a causa dell’incerto processo elettorale. Un accordo aveva stabilito che le elezioni si dovessero tenere entro il 25 febbraio, ma il perdurare delle tensioni fa pensare a un ennesimo posticipo.

Aggiunge poi Monsignor Bertin: “Ci auguriamo che si svolgano al più presto queste elezioni. Ma qui non si può escludere nulla. Se il capo di una delle regioni o altri influenti politici, pongono veti, si ricomincia da capo. L’impressione è che si dovrebbe finalmente onorare questo impegno. Il problema è che l’elezione della Camera bassa (la Camera alta è già stata eletta a novembre, ndr) è molto più complessa: la spartizione dei 275 seggi è secondo le quattro maggiori etnie somale, mentre una esigua rappresentanza va ai clan minoritari. Trovare un accordo in questa intricata situazione non è semplice”.

Nel vuoto politico, si inseriscono i terroristi del gruppo islamista al-Shabaab che negli ultimi mesi sembrano aver rialzato la testa. al-Shabaab ha messo a segno un’ondata di attentati a cadenza impressionante. Un minibus all’interno del quale viaggiavano alcuni delegati delle elezioni parlamentari somale è stato fatto saltare in aria a Mogadiscio, il 10 febbraio, causando almeno 6 morti e una dozzina di feriti. La responsabilità dell’attacco è stata rivendicata dal gruppo al-Shabab. Il 16 gennaio scorso, a Mgodiscio, è stato ferito Mohamed Ibrahim Moalimuu, portavoce del primo ministro; il 18, invece, nello scoppio di un’autobomba, sono rimaste uccise quattro persone.
“È chiaro che al-Shabaab – nota Mons. Bertin - vedendo la litigiosità della classe politica livello statale e regionale, ha deciso di riprendere le attività. Si approfitta del vuoto per mandare un messaggio alla popolazione: questo governo federale non è capace di mantenere ordine e stabilità, siate al nostro fianco e sarete sicuri. Il messaggio è indirizzato soprattutto alla popolazione delle zone rurali, ma non si dimentica quella delle città. La risposta giusta a questi messaggi sarebbero le elezioni e l’avvio di un processo politico di governo stabile”.

Oltre agli attentati, la popolazione è minacciata da un altro gravissimo problema, la siccità. Le piogge sono scarsissime da tempo e se non si agirà in tempo, milioni di persone saranno a rischio. Rileva l‘Amministratore Apostolico di Mogadiscio: “Si dice che almeno 2 milioni di persone siano a rischio fame nel Paese. Bisogna tenere conto del fatto che questa situazione di carestia è ormai ricorrente. Mentre nel passato avveniva ogni 10-15 anni, ultimamente è diventata molto più frequente, ogni 2-3 anni, a volte anche meno. In alcuni casi ci sono fenomeni inversi, inondazioni e troppe acque, ma questo è il minore dei problemi, la questione più grave è la siccità. Ma anche la siccità, che è un problema della natura, può essere affrontata meglio con una autorità capace di governare e convogliare le forze contro un nemico comune. L’azione politica e governativa deve essere in grado di coordinare la popolazione anche nel prevenire e contrastare tali fenomeni. Bisogna lasciare da parte le discordie perché i nemici sono tanti e forti. La Chiesa ha un compito importantissimo, quello di mantenere una finestra aperta su questo Paese e un’attenzione costante ed avviare microprogetti di sostegno alla popolazione”.

Abbonati agli albi cartacei de La Croce e all’archivio storico del quotidiano

21/02/2022
0712/2022
Sant'Ambrogio vescovo

Voglio la
Mamma

Vai alla sezione

Politica

Vai alla sezione

Articoli correlati

Società

Ecco la Balena Blu

Nel miserabile tentativo di azzardare un’analisi del fenomeno è ovvio che, in primo luogo, venga da puntare il dito sul gioco della Balena blu, ed è giustissimo farlo. Allo stesso tempo, però, è opportuno non dimenticare che quel gioco è un parto dei giorni nostri, un prodotto dell’odierna comunità umana globale. Il mondo non è mai stato un luogo perfetto ed ogni epoca ha conosciuto le sue nefandezze ma oggi la stupidità e la malvagità di pochi possono espandersi e amplificarsi come mai prima era stato possibile. Prendendo spunto dalla famosa e profonda riflessione di Hannah Arendt “La banalità del male” potremmo concludere che ciò che è banale nasce da menti banali e, contemporaneamente, attrae menti altrettanto banali.

Leggi tutto

Chiesa

Nel 2021 uccisi nel mondo 22 missionari

Fides: l’Africa è tristemente in testa ai Paesi del mondo per numero di missionari uccisi. Seguono America, Asia ed Europa. Dal 2000 al 2020, in tutto il globo, si registra l’omicidio di 536 evangelizzatori

Leggi tutto

Chiesa

OSTIA CAMBIA DALLA LUCE DELLA CROCE DEI GIOVANI

Venerdì 11 ore 20.30, Via Crucis dei giovani cristiani dal Porto di Ostia al Pontile. Il giovane vescovo Dario Gervasi e il responsabile dei giovani di Ostia il diacono Generoso Simeoni con tutti i ragazzi delle parrocchie

Leggi tutto

Storie

NIGERIA - Fermare la violenza: imperativo della politica e della Chiesa

L’ondata di violenze non si ferma e mette in ginocchio la popolazione.

Leggi tutto

Storie

Nigeria - Arresti per la strage di Pentecoste

Non ci fermeremo finché non arriveremo in fondo all’indagine su questo crimine e vi assicuro che gli autori e i loro sponsor saranno catturati”, ha detto Adetunji Adeleye, comandante della Ondo State Security Network Agency, nota come “Amotekun Corps”, la polizia dello Stato di Ondo, nel sud-ovest della Nigeria, nell’annunciare l’arresto di alcuni sospetti in relazione al massacro di domenica 5 giugno, nella chiesa cattolica di San Francesco Saverio ad Owo

Leggi tutto

Storie

UNICEF: quasi 1.000 bambini uccisi o feriti nella guerra in Ucraina

“Almeno 972 bambini in Ucraina sono stati uccisi o feriti dalla violenza da quando la guerra si è intensificata quasi sei mesi fa, una media di oltre cinque bambini uccisi o feriti ogni giorno. E queste sono solo le cifre che le Nazioni Unite hanno potuto verificare. Crediamo che il numero reale sia molto più alto”. È la denuncia lanciata oggi, 22 agosto, dal direttore generale dell’UNICEF, Catherine Russell.

Leggi tutto

La Croce Quotidiano, C.F. P.IVA 12050921001

© 2014-2022 La Croce Quotidiano