Politica

di la redazione

A Forlì una luce per la vita

Abbonati agli albi cartacei de La Croce e all’archivio storico del quotidiano

È stato acceso il display del progetto “Una luce, una vita” promosso dall’Assessorato alle politiche sociali e alla famiglia del Comune di Forlì d’intesa con la Consulta delle Associazioni delle Famiglie. Si tratta di un pannello informativo sulla natalità che è posizionato presso l’accesso al Municipio di via delle Torri 3. Alla cerimonia inaugurale erano presenti il sindaco Gian Luca Zattini, l’assessore alla Famiglia Rosaria Tassinari e la Presidente della Consulta delle Associazioni delle Famiglie Maria Cristina Terenzi.

“Questo progetto affonda le sue radici nella preziosa sinergia d’intenti creatasi tra la Consulta delle Famiglie e questa Amministrazione comunale - afferma Tassinari -. L’idea di posizionare il monitor informativo in una posizione centrale e ben visibile del nostro centro storico, si coniuga perfettamente con l’obiettivo di sensibilizzare i cittadini forlivesi ai valori della natalità”.

“La nascita di un bambino rappresenta un momento di gioia e stupore - commenta Terenzi -. La denatalità è un’emergenza molto complessa e di lungo corso, che merita un approccio multidisciplinare e la volontà, da parte di tutte le istituzioni, di invertire la rotta e adottare strumenti concreti a beneficio delle nostre famiglie. L’installazione di questo monitor è un gesto simbolico di condivisione e speranza, nato dalla piena sintonia riscontrata con tutta la giunta Zattini”.

“Facciamo squadra attorno al tema della famiglia e della natalità - conclude Zattini -. L’emergenza che vivremo nei prossimi anni rischia di essere la progressiva e pericolosa decrescita dei nuovi nati. Parlare delle famiglie e dei loro bisogni, dunque, non è mai un tema scontato”. Il display resterà acceso tutti i giorni, tranne la domenica, dalle ore 8.30 alle 20.00.

Il Popolo della Famiglia plaude all’iniziativa: “Ringraziamo l’Amministrazione Comunale e la Consulta delle famiglie per avere ideato questo monitor informativo sul numero dei nuovi nati nella nostra città. Se da un lato sarà fonte di gioia per la comunità la notizia della nascita di nuovi cittadini, dall’altro non potrà passare inosservato il numero sempre decrescente dei nuovi nati, poiché anche Forlì non si sottrae all’andamento generale del calo delle nascite. L’attenzione alla natalità da parte dell’Amministrazione comunale dimostra grande consapevolezza e visione prospettica. Il sindaco Zattini ha giustamente sottolineato che l’inverno demografico è il primo vero cancro della nostra società e che le cause del fenomeno della denatalità sono tante, soprattutto culturali. D’altra parte il desiderio di avere figli è ancora molto forte nelle persone, come ha ricordato la Presidente della Consulta Cristina Terenzi citando il risultato di una recente indagine sul tema”.

“La frustrazione che nasce dal divario tra il desiderio di avere figli e la possibilità di realizzarlo è il nodo su cui si deve intervenire e che richiederà nel corso degli anni molteplici interventi, a partire dalla necessaria valorizzazione del ruolo della famiglia, luogo di realizzazione della coppia e di accoglienza della vita. Il futuro della nostra città sono i figli, i giovani vanno sostenuti e incoraggiati nel loro desiderio di fare famiglia e di diventare genitori; compito della politica è anche e soprattutto questo - concludono -. Per il bene della nostra città, ci auguriamo che il gesto simbolico compiuto oggi con l’installazione del monitor dei nuovi nati contribuisca ad innescare quel cambiamento culturale del quale abbiamo tanto bisogno”.

Abbonati agli albi cartacei de La Croce e all’archivio storico del quotidiano

21/02/2022
0602/2023
Ss. Paolo Miki e compagni

Voglio la
Mamma

Vai alla sezione

Politica

Vai alla sezione

Articoli correlati

Chiesa

Sinodo, La Croce risponde alle 46 domande

Dal 4 ottobre 2015 il Sinodo sulla famiglia prenderà decisioni importanti, forse decisive, per la Chiesa. Rispondiamo al Questionario inviato a seguito delle Relatio Synodi per la formazione dell’Instrumentum Laboris

Leggi tutto

Società

La famiglia nel nord Europa

Stando alle statistiche citate, sembra dunque che ciò da cui devono essere in primo luogo protetti i bambini siano i loro genitori. Per meglio distruggere la famiglia bisogna far passare il messaggio che sempre più spesso i genitori sono inadeguati, che i bambini devono innanzi tutto vivere in uno “spazio nel quale sviluppano la loro personalità e vi trovano protezione” e che questo “spazio” corrisponde sempre meno alla famiglia naturale. A tal fine è stato sufficiente introdurre il discorso sull’omosessualità e sul “diritto” degli omosessuali ad avere dei figli. Poiché gli omosessuali non sono in grado di procreare (ci stanno lavorando, ma per ora, né due uomini né due donne sono in grado di dare inizio ad una nuova vita), proteggere questo loro presunto diritto significa necessariamente passare per la negazione dell’importanza di tutto quanto fino ad oggi era parso indiscutibile: l’amore di papà e mamma, ma anche il valore della gestazione, dell’allattamento e di ciò che rappresentano i genitori (di diverso sesso), ugualmente importanti, ma fondamentalmente diversi, proprio perché diverse sono le necessità del bambino. Usando gli omosessuali – il verbo “usare” non è stato scelto a caso - in questa maniera è molto più facile mettere a tacere qualsiasi discorso discostante, perché si accuserà di omofobia chiunque la pensi diversamente. Addirittura molti omosessuali, favorevoli alla famiglia naturale, vengono pesantemente tacciati di omofobia e messi a tacere.

Leggi tutto

Politica

Ops, l’odiato Trump vince ancora

Trump che fa? Il misogino Trump, il riccastro Trump come risponde? Candida una donna ma stanzia un budget di appena quattro milioni di dollari. Oddio, ho scritto appena, ma per una elezione distrettuale è comunque una montagna di danaro. Certo, paragonata ai cinquanta milioni in dote al candidato dei democrats sembra un topolino. Ma la donna è coriacea, sa di doversi battere, in quel distretto di Atlanta alle presidenziali Trump ha vinto sì, ma per pochissimi voti e ora tutti dicono che l’inquilino della Casa Bianca è odiatissimo, che ha vinto solo per il bizzarro sistema elettorale americano ma in realtà ha preso meno voti di Hillary Clinton e insomma il 29enne democratico è praticamente certo di diventare deputato, ha il sostegno di tutta la stampa e di tutte le star dello spettacolo e delle principali televisioni. Con quei cinquanta milioni di dollari si è potuto comprare undicimila spot televisivi che hanno bombardato i cittadini di Atlanta notte e dì, spiegando come fosse importante dal punto di vista simbolico quella elezioni, che di lì l’America sarebbe ripartita alla riscossa e menate del genere.

Leggi tutto

Società

Perchè aggrediscono il PDF

Noi siamo fatti oggetto di violenza continua, dai profili social imbavagliati agli spettacolini come quelli di Novara, dagli insulti sanguinosi alle quotidiane vere minacce, perché non ci siamo rassegnati ad un generico e sterile borbottio, ma l’abbiamo trasformato in azione sociale e politica. Questo proprio non ce lo perdonano. E poiché a Novara come la sera dopo a Torino come quella precedente a Terni, l’OCOM tour fa segnare solo sale piene e sold out, allora hanno alzato il livello di intimidazion

Leggi tutto

Media

Notte di veglia con Alfie Evans, all’Alder Hey e in Italia

Non è ancora terminata la vicenda terrena, umana e giudiziaria del ragazzino disabile la cui vita era stata definita “futile” dal giudice che l’ha condannato a morte e che invece muove diplomazie e cuori al punto che anche noi siamo venuti nel Regno Unito per offrirvi un’informazione pulita. Ecco il racconto di quest’estenuante e gloriosa nottata.

Leggi tutto

Società

Carceri e madri, nodo da risolvere

Stavolta nessun bambino ha mangiato per sbaglio il veleno per topi: una spacciatrice in crisi di depressione e verosimilmente di astinenza ha scaravantato per le scale i due figlioletti, uccidendo il minore e tramortendo il maggiore. In linea teorica le soluzioni ci sono, ma la verità è che non possono esistere soluzioni valide per tutte le decine di casi presenti in Italia: occorre valutare singolarmente.

Leggi tutto

La Croce Quotidiano, C.F. P.IVA 12050921001

© 2014-2023 La Croce Quotidiano