Politica

di Roberto Signori

Cile: allarme su aborto e sessualità

Abbonati agli albi cartacei de La Croce e all’archivio storico del quotidiano

Pessima notizie giungono dal Cile dove la Commissione per i diritti fondamentali della Convenzione costituzionale ha approvato l’aborto come “diritto sessuale e riproduttivo” e, se ratificato dalla plenaria, sarà inserito nella prossima costituzione del Paese.

I testi approvati possono ricevere alcune modifiche dalla commissione che li studia e poi saranno votati dai 155 membri della Convenzione. In Cile c’è già una legge che permette l’aborto fino a 12 settimane di gravidanza in caso di stupro e senza limite gestazionale quando c’è non vitalità fetale e rischio per la vita della madre. Nonostante ciò, la Commissione per i diritti fondamentali ha respinto iniziative come quelle dell’Associazione per il “Diritto alla vita”, che ha raccolto più di 31.000 firme e che chiedeva la tutela del concepito, e ha invece approvato i cosiddetti diritti sessuali e riproduttivi - compreso l’aborto – per inserirli nella prossima Costituzione.

L’ONG ‘Comunidad y Justicia’ ha avvertito che l’articolo approvato favorisce “l’aborto libero”, cioè “non è più la depenalizzazione, né la legalizzazione, ma una norma costituzionale”. L’articolo costituzionale approvato “ha eliminato l’obiezione di coscienza personale e istituzionale”, “approva, garantisce e assicura l’aborto libero” e “i mezzi per abortire” e “apre le porte alle tecniche di riproduzione assistita, senza limiti, come l’utero in affitto”. Inoltre “approva l’educazione sessuale completa (ESI) ed elimina il diritto preferenziale dei genitori all’educazione sessuale.

L’articolo approvato recita: ““Lo Stato riconosce e garantisce a tutte le persone i loro diritti sessuali e riproduttivi, in condizioni di uguaglianza e senza discriminazione, incluso il diritto all’aborto senza interferenze da parte di terzi, istituzioni o agenti dello Stato. In particolare, riconosce e promuove il diritto delle persone a prendere decisioni libere e autonome sul loro corpo, la loro sessualità e la loro riproduzione, liberamente, senza violenza o coercizione, e lo Stato deve garantire l’accesso all’informazione e ai mezzi materiali per farlo. Lo Stato riconosce il diritto degli individui di beneficiare del progresso scientifico e dell’accesso all’informazione per esercitare i loro diritti sessuali e riproduttivi in modo libero, autonomo e senza discriminazione”.

Come se non bastasse la Commissione ha chiesto al Parlamento di approvare una “legge che crei un nuovo quadro istituzionale dal punto di vista sanitario che assicuri e garantisca, come minimo, lo sradicamento della violenza ginecologico-ostetrica, il parto rispettato, l’aborto gratuito, l’educazione e la prevenzione nella salute sessuale e riproduttiva secondo un’educazione sessuale completa e l’accesso ai servizi in questo ambito”.

Per quel che concerne l’educazione sessuale viene inoltre specificato che: “tutte le persone hanno il diritto di ricevere un’educazione sessuale completa che promuova il pieno e libero godimento della sessualità, focalizzata sul piacere; la responsabilità sessuale e affettiva; l’autonomia, la cura di sé e lo sviluppo del consenso; il riconoscimento delle diverse identità ed espressioni di genere e sessualità; che sradichi i mandati di genere e prevenga la violenza di genere e sessuale”.

Abbonati agli albi cartacei de La Croce e all’archivio storico del quotidiano

21/02/2022
2502/2024
San Tarasio

Voglio la
Mamma

Vai alla sezione

Politica

Vai alla sezione

Articoli correlati

Storie

Meditazione femminile sull’aborto

Tutti quelli che sono a favore dell’interruzione volontaria di gravidanza hanno una caratteristica: sono nati. Tutti abbiamo l’insopprimibile desiderio di vivere liberi, magari anche trascinando sciattamente la nostra propria esistenza

Leggi tutto

Chiesa

Papa Francesco ed il populismo

Non mi sento un uomo eccezionale sono un peccatore, un uomo che fa quello che può, “comune”. Sento che “non mi fanno giustizia con le aspettative”, “esagerano. “Non si dimentichi - precisa - che l’idealizzazione di una persona è una forma sottile di aggressione” e “quando mi idealizzano mi sento aggredito”.
Dal momento che sono stato eletto Papa non ho perso la pace. Capisco che a qualcuno non piaccia il mio modo di agire, ma lo giustifico, ci sono tanti modi di pensare, è legittimo ed è anche umano, è una ricchezza.

Leggi tutto

Chiesa

Il Papa: l’eutanasia mai ammissibile

Papa Francesco manda il proprio saluto al Meeting della World Medical Association sulle questioni del fine-vita, che termina oggi in Vaticano. Il testo è stato divorato e divulgato, dai media, come “il Papa contro l’accanimento terapeutico” (intendendo con ciò “il Papa per l’eutanasia”). In realtà il Santo Padre ha usato parole adamantine per riaffermare la dottrina cattolica tradizionale e negare ogni liceità alla pratica dell’uccisione del malato.

Leggi tutto

Società

NAPPI FILOSOFA ABORTISTA, I PENDII DELLA FOLLIA DI UNA PORNOSTAR

Scatenata su Instagram, la diva partenopea dell’hard si è lanciata in roboanti dichiarazioni: «Meglio abortire che non offrire il meglio ai figli»; «Non è omicidio se non c’è un livello minimo di complessità del sistema nervoso, e vale anche ai casi estremi di microcefalia». Nichilismo in plastilina.

Leggi tutto

Media

Giulia Bovassi e la bioetica

“Bioetica è una disciplina per certi versi ancora sconosciuta nel nostro territorio nazionale. Alcuni addirittura ritengono che il suo oggetto sia evanescente o,al contrario, di nicchia e non spendibile al di fuori delle mura accademiche. A mio avviso una visione di questo genere è lacunosa e forzatamente riduttiva rispetto al suo potenziale: il carattere interdisciplinare le conferisce complessità, senza dubbio, ma anche versatilità, rendendola un potenziale spendibile su larga scala, dall’ospedale cittadino agli organi internazionali di politica e cultura”

Leggi tutto

Politica

Il Popolo della Famiglia a piazza Cavour contesta il referendum - imbroglio

Contestazione da parte di Mario Adinolfi, fondatore del Popolo della Famiglia, contro il deposito delle firme in Cassazione per chiedere l’eutanasia legale

Leggi tutto

La Croce Quotidiano, C.F. P.IVA 12050921001

© 2014-2024 La Croce Quotidiano