Politica

di Roberto Signori

Cile: allarme su aborto e sessualità

Abbonati agli albi cartacei de La Croce e all’archivio storico del quotidiano

Pessima notizie giungono dal Cile dove la Commissione per i diritti fondamentali della Convenzione costituzionale ha approvato l’aborto come “diritto sessuale e riproduttivo” e, se ratificato dalla plenaria, sarà inserito nella prossima costituzione del Paese.

I testi approvati possono ricevere alcune modifiche dalla commissione che li studia e poi saranno votati dai 155 membri della Convenzione. In Cile c’è già una legge che permette l’aborto fino a 12 settimane di gravidanza in caso di stupro e senza limite gestazionale quando c’è non vitalità fetale e rischio per la vita della madre. Nonostante ciò, la Commissione per i diritti fondamentali ha respinto iniziative come quelle dell’Associazione per il “Diritto alla vita”, che ha raccolto più di 31.000 firme e che chiedeva la tutela del concepito, e ha invece approvato i cosiddetti diritti sessuali e riproduttivi - compreso l’aborto – per inserirli nella prossima Costituzione.

L’ONG ‘Comunidad y Justicia’ ha avvertito che l’articolo approvato favorisce “l’aborto libero”, cioè “non è più la depenalizzazione, né la legalizzazione, ma una norma costituzionale”. L’articolo costituzionale approvato “ha eliminato l’obiezione di coscienza personale e istituzionale”, “approva, garantisce e assicura l’aborto libero” e “i mezzi per abortire” e “apre le porte alle tecniche di riproduzione assistita, senza limiti, come l’utero in affitto”. Inoltre “approva l’educazione sessuale completa (ESI) ed elimina il diritto preferenziale dei genitori all’educazione sessuale.

L’articolo approvato recita: ““Lo Stato riconosce e garantisce a tutte le persone i loro diritti sessuali e riproduttivi, in condizioni di uguaglianza e senza discriminazione, incluso il diritto all’aborto senza interferenze da parte di terzi, istituzioni o agenti dello Stato. In particolare, riconosce e promuove il diritto delle persone a prendere decisioni libere e autonome sul loro corpo, la loro sessualità e la loro riproduzione, liberamente, senza violenza o coercizione, e lo Stato deve garantire l’accesso all’informazione e ai mezzi materiali per farlo. Lo Stato riconosce il diritto degli individui di beneficiare del progresso scientifico e dell’accesso all’informazione per esercitare i loro diritti sessuali e riproduttivi in modo libero, autonomo e senza discriminazione”.

Come se non bastasse la Commissione ha chiesto al Parlamento di approvare una “legge che crei un nuovo quadro istituzionale dal punto di vista sanitario che assicuri e garantisca, come minimo, lo sradicamento della violenza ginecologico-ostetrica, il parto rispettato, l’aborto gratuito, l’educazione e la prevenzione nella salute sessuale e riproduttiva secondo un’educazione sessuale completa e l’accesso ai servizi in questo ambito”.

Per quel che concerne l’educazione sessuale viene inoltre specificato che: “tutte le persone hanno il diritto di ricevere un’educazione sessuale completa che promuova il pieno e libero godimento della sessualità, focalizzata sul piacere; la responsabilità sessuale e affettiva; l’autonomia, la cura di sé e lo sviluppo del consenso; il riconoscimento delle diverse identità ed espressioni di genere e sessualità; che sradichi i mandati di genere e prevenga la violenza di genere e sessuale”.

Abbonati agli albi cartacei de La Croce e all’archivio storico del quotidiano

21/02/2022
1408/2022
S.Massimiliano M. Kolbe

Voglio la
Mamma

Vai alla sezione

Politica

Vai alla sezione

Articoli correlati

Società

La commissione Giustizia USA dà udienza sullo scandalo Planned Parenthood

È arrivato ai più alti vertici dello Stato federale il caso della clinica abortista accusata di vendere pezzi di neonati. In aula si discutono i video del Center for Medical Progress. Testimoni bipartisan (presente anche Gianna Jessen) per una disputa politica e sociale che si fa incandescente ora dopo ora

Leggi tutto

Società

Ospedali, quale destino nell’era postcristiana

La mutazione degli ospedali da luoghi di cura e di sostegno al malato in spazi fisici in cui si uccide la speranza è solo l’ultimo atto di una cultura che ha totalmente dimenticato le proprie radici cristiane. L’impressione è che l’operato dei medici britannici sia, in fondo, considerato legittimo da molti altri loro colleghi nel mondo. Al loro posto, in tanti avrebbero fatto lo stesso. Ci fa piacere che si siano mossi il Bambin Gesù di Roma e il Presbyterian Hospital di New York, ma è davvero triste costatare che non c’è stata una gara tra gli altri ospedali ad accogliere Charlie. Il caso è certo difficile, ma una risposta compatta delle strutture ospedaliere mondiali avrebbe forse fatto traballare ulteriormente i convincimenti dei medici del Gosh. Eppure, gli ospedali sono nati per alleviare le sofferenze. San Camillo de Lellis, di cui oggi facciamo memoria liturgica, fondò un Ordine religioso appositamente per aiutare gli ammalati. Volle che i suoi confratelli – come fece egli stesso – servissero i sofferenti «con quella carità e amorevolezza che sono solite avere le madri verso i propri figli infermi». Il fondatore dei Camilliani ha indicato dunque una precisa figura, la madre, come esempio per aiutare chi soffre: Connie che, senza alzare la voce, “grida” il suo amore e la sua speranza per il figlio, che gli resta accanto osservando ogni piccolo mutamento, è quel modello che chiunque sia avvicina ad un ammalato per curarlo dovrebbe coltivare dentro di sé, sperando di esserne sempre più degno. Ancora, Camillo de Lellis sentiva il cuore spezzarsi ogni volta che non poteva portare il soccorso che avrebbe voluto. È questo il sentire che ci rimandano oggi molte figure di medici? Camillo de Lellis – come l’altro grande sostegno degli ammalati, Giovanni di Dio, che voleva per gli infermi che assisteva condizioni igieniche migliori e cure specifiche – ci ha testimoniato che curare chi è sofferente è un compito altissimo da assolvere senza cercare la via più semplice. Grazie a lui, a Giovanni di Dio e ad altri cristiani, gli ospedali sono diventati nei secoli quei luoghi di speranza e di cura a cui fino all’altro ieri guardavano con fiducia.

Leggi tutto

Società

O sei per l’aborto o sei cristiano

Io credo davvero che invece non ci sia alternativa: o si è contro l’aborto o non si è cristiani. Molto semplice. Non solo perché il Catechismo della Chiesa Cattolica e tutto il Magistero anche recente e recentissimo è contro l’aborto, quindi chi lo considera accettabile e integrabile negli ordinamenti normativi contemporanei è palesemente in contrasto con l’insegnamento della Chiesa. Vorrei dire che anche se non ci fosse una riga scritta contro l’aborto, il cristiano dovrebbe essere istintivamente contro uno strumento di morte e schierato a difesa del soggetto più debole privato persino del diritto di parola, privato di qualsiasi strumento per difendere il proprio diritto a non essere ucciso.

Leggi tutto

Politica

Verso la stage dei penultimi

Leggo Renzi che dice a Conte che deve fare come il presidente del Trentino e modificare il Dpcm tenendo aperto tutto fino alle 22. Questi manco si mettono d’accordo tra loro prima di varare un provvedimento più dannoso che inutile. Ormai siamo al Governo di Pulcinellopoli. Tra sei giorni saremo a trentamila contagi/giorno. E dovranno fare un nuovo Dpcm. Non credo ricalcato su quello del Trentino.

Leggi tutto

Storie

Maschio e femmina li creò

Ciascun uomo, cerca un senso alla sua vita, cerca un faro che lo illumini. L’uomo cerca di conoscere e dominare il mondo intorno a sé e, sembra avere successo, ma… veramente lo conosce, lo domina?

Leggi tutto

Società

Transessuale: «I sessi sono solo due»

Un’intervista tutta da leggere rilasciata su Libero da Alessandra Gracis, avvocato transessuale che all’anagrafe è ancora Alessandro e che ha cambiato sesso nel 2012, ci mostra un altro modo di vivere la transessualità, lontano dai dogmi LGBT.

Leggi tutto

La Croce Quotidiano, C.F. P.IVA 12050921001

© 2014-2022 La Croce Quotidiano