Politica

di la redazione

PDF - Denatalità è vera pandemia sottotraccia

Abbonati agli albi cartacei de La Croce e all’archivio storico del quotidiano

Risulta essere interessante e poderoso l’elenco dei 39 progetti già finanziati ed approvati per l’Umbria presentati in conferenza stampa dalla Presidente Tesei per illustrare gli investimenti che saranno attivati con le risorse del PNRR nella regione.

Una prospettiva di sviluppo che genererà fiducia ed ottimismo nel tessuto economico e che consentirà di poter ridistribuire le risorse regionali anche su altri fronti, in passato penalizzati e trascurati. La maggior disponibilità di spesa nei bilanci regionali permette di indirizzare fondi alla famiglia ed alle politiche che possono far ripartire la natalità, elemento indispensabile per rendere durevole gli effetti positivi degli investimenti ed assicurare un futuro alle società», ha dichiarato Marco Sciamanna presidente del Popolo della Famiglia Umbria.

«Ad aprile dello scorso anno, ricevuti a Palazzo Cesaroni dai consiglieri regionali promotori della Legge regionale sulla famiglia, abbiamo già avanzato, come PdF, alcune proposte concrete per invertire la rotta in termini di nuove nascite e sostegno alla famiglia:

  • l’istituzione di un Reddito di maternità regionale per le madri che svolgono questo compito nell’esclusivo ambito familiare;
  • un bonus per quelle mamme che vorranno tornare al lavoro subito dopo la maternità; un incentivo da utilizzare esclusivamente per migliorare le competenze e la professionalità nella propria azienda;
  • sostegni alle famiglie numerose per le rette delle scuole materne e per gli abbonamenti scolastici per il trasporto pubblico».

«Chiediamo con insistenza e fermezza alla Presidente Tesei ed alla prima firmataria della proposta di modifica della LR n°11/2015 (Testo unico sanità e servizi sociali), Paola Fioroni, di non trascurare quella che riteniamo essere l’emergenza più drammatica e devastante soprattutto per l’Umbria: l’asimmetrico invecchiamento della popolazione, con le relative conseguenze sul sistema sociale, sul mercato del lavoro e sul sistema sanitario. Trascurare tali aspetti potrebbe essere fatale per vanificare gli effetti della spinta propulsiva dei fondi del PNRR attesi ed auspicati dai cittadini e dalle imprese di questa regione», ha concluso Sciamanna sottolineando che la questione denatalità va affrontata con lo stesso rigore di una pandemia.

Abbonati agli albi cartacei de La Croce e all’archivio storico del quotidiano

21/02/2022
1708/2022
San Giacinto confessore

Voglio la
Mamma

Vai alla sezione

Politica

Vai alla sezione

Articoli correlati

Società

A Milano per parlare di famiglia

Miriano, Adinolfi, padre Botta e Scicchitano rispondono alle polemiche sul convegno in Regione Lombardia

Leggi tutto

Politica

I risultati del Popolo della Famiglia

Tutti i numeri del Pdf alle amministrative del 5 giugno

Leggi tutto

Politica

Un giudizio sulla legislatura

UN GIUDIZIO SULLA LEGISLATURA

Leggi tutto

Società

L’infamia della giornata mondiale sull’aborto

Cos’è il “partial birth abortion”, la nuova frontiera dell’aborto “libero” che viene richiesta dalla giornata mondiale dell’aborto del 28 settembre? Semplice, è la possibilità per la donna di prendere la decisione di abortire sino alle ultime settimane di gravidanza. Ad oggi le varie legislazioni nazionali permettono l’interruzione volontaria di gravidanza fino al quinto mese in genere, l’Italia è più restrittiva e si ferma al terzo mese, anche se con il trucco dell’aborto “terapeutico” si finisce molto più in là. L’interpretazione della sentenza della Corte Suprema americana consegna però uno scenario infame secondo cui il nascituro non avrebbe diritti e sarebbe parte del corpo della donna che potrebbe farne quello che vuole fino al momento della nascita. In base a questa interpretazione la pratica dell’aborto a nascita parziale prevede l’induzione del parto anche al nono mese di gravidanza, un parto che viene indotto in posizione podalica stando attenti a mantenere la testa del nascituro all’interno del grembo della donna che non riesco a definire materno, per poi introdurre uno speciale forcipe e schiacciare la testa del bimbo per provocarne la morte completando poi il parto con l’espulsione del corpicino ormai senza vita.

Leggi tutto

Media

Andrea Torquato “Papà senza controllo.O dell’essere padri e non padreterni”

Ma il libro di Giovanoli è anche occasione per leggere la società odierna, le sue derive, la cultura di morte che vi aleggia. È anche momento di riflessione sul dato evangelico, sulla necessità di predicare ancora i Novissimi, su Maria e il suo amore materno. Non è un libro esclusivamente per padri. È per tutti quelli – uomini e donne – che vogliono sostare un attimo per contemplare, attraverso le maglie della quotidianità, la bellezza del disegno di Dio. È per tutti quelli che non vogliono fermarsi solo al livello di un mondo che appare confuso, inselvatichito perché preda di passioni non più frenate (nonostante l’etichetta di “civile”). Di questo mondo, del contesto in cui viviamo, potrebbe sfuggirci facilmente l’essenziale, travolti come siamo da proposte che vanno in senso contrario al messaggio evangelico.

Leggi tutto

Società

Avanza la pratica dell’utero in affitto

La Corte di Appello di Parigi, per la prima volta, ha accettato che una coppia di omosessuali possa adottare “di pieno diritto” (quindi senza il consenso della madre biologica) una coppia di gemelli acquistati tramite la brutale pratica dell’utero in affitto. In pratica con l’istituto della «adoption plénière», vengono tagliati in radice, anche giuridicamente, i legami dei due piccoli sventurati con la loro mamma

Leggi tutto

La Croce Quotidiano, C.F. P.IVA 12050921001

© 2014-2022 La Croce Quotidiano