Chiesa

di Roberto Signori

India, l’appello per i cristiani di monsignor Machado

Abbonati agli albi cartacei de La Croce e all’archivio storico del quotidiano

Un appello al governo, affinché protegga i cristiani, i loro luoghi di culto, i simboli religiosi e le loro strutture, è stato lanciato il 17 febbraio – riporta UCA News - dall’arcivescovo di Bangalore, monsignor Peter Machado, alcuni giorni dopo la demolizione di una statua di Gesù e di un paio di stazioni della Via Crucis, nello Stato del Karnataka, perché secondo i funzionari locali invadevano il terreno del governo. “È stato straziante vedere centinaia di persone versare lacrime”, ha affermato il presule nel comunicato stampa.

L’arcidiocesi aveva presentato una petizione all’Alta Corte dello Stato nel sud dell’India contro la demolizione delle strutture cristiane il 10 febbraio scorso, ricordando come da quasi trenta anni la chiesa di San Francesco Saverio facesse uso di quel terreno appartenente al governo. Le autorità sono andate avanti con la demolizione anche prima che la Corte emettesse un ordine finale, violando la legge, il Karnataka Religious Structures (Protection) Act, entrata in vigore il 22 ottobre 2021, per garantire la protezione delle strutture religiose costruite su terreni governativi.

Monsignor Machado ha detto di temere ora che molti altri attacchi, altrettanto “duri, orchestrati e insensibili”, si verifichino nei prossimi giorni. Negli ultimi due anni, infatti, si è “assistito a demolizioni in sei luoghi simili sulle colline e attacchi sistematici alle chiese in tutto lo Stato”, nonostante questi luoghi religiosi siano stati patrocinati e preservati in quanto luoghi di devozione per decenni a Bangalore e dintorni. Il presule ha espresso dunque la speranza e pregato che il governo protegga i luoghi di culto, i simboli e le strutture cristiane. In Karnataka, i cristiani stanno affrontando una crescente ostilità da parte di gruppi di destra indù, che ultimamente li hanno presi di mira, accusandoli falsamente di convertire gli indù al cristianesimo con la forza e con mezzi fraudolenti. I leader della Chiesa hanno ripetutamente chiarito che essi “non convertono nessuno con mezzi illegali come viene sostenuto”.

Abbonati agli albi cartacei de La Croce e all’archivio storico del quotidiano

22/02/2022
0708/2022
San Gaetano da Thiene

Voglio la
Mamma

Vai alla sezione

Politica

Vai alla sezione

Articoli correlati

Chiesa

Aborto, Chiesa e misericordia

Si è scatenato un polverone mediatico che riduce la Lettera apostolica di Papa Francesco alla
(presunta) abolizione del peccato di aborto. Nella scia di questa declinazione disonesta si sono
inseriti gli opportunismi politici e culturali di Monica Cirinnà e Roberto Saviano. La Lettera rischia
di essere vanificata dalle consuete dinamiche propagandistiche. Attacco all’obiezione di coscienza

Leggi tutto

Chiesa

Il Papa ringrazia per don Milani

Il vero motivo del viaggio a Barbiana, dalle parole stesse del Pontefice, è quello di dare finalmente una risposta alla richiesta di don Milani al suo vescovo, cui chiedeva «un qualsiasi atto solenne», perché altrimenti il suo apostolato sarebbe «apparso come un fatto privato». Sì, concede il Papa, dal Cardinale Silvano Piovanelli in poi, gli arcivescovi di Firenze hanno dato riconoscimento a don Lorenzo ma, ieri, lui lo ha fatto come vescovo di Roma e, questo, «non cancella le amarezze che hanno accompagnato la vita di don Milani – non si tratta di cancellare la storia o di negarla, bensì di comprenderne circostanze e umanità in gioco –, ma dice che la Chiesa riconosce in quella vita un modo esemplare di servire il Vangelo, i poveri e la Chiesa stessa».

Leggi tutto

Società

Australia, l’attore-giocatore che forza la linea sul gay marriage

Si chiama Ian Roberts, ora fa l’attore ma in passato era stato un famoso rugbista australiano. Il suo outing personale risale al 1995, ma ora sta raccogliendo consenso attorno all’agenda LGBT.

Leggi tutto

Chiesa

Beatificazione di padre Tiburcio Arnaiz Munoz

Tiburcio Arnaiz Muñoz nacque a Valladolid, in Spagna, l’11 agosto 1865. I suoi genitori, Ezequiel e Romualda, di professione tessitori, lo portarono al fonte battesimale della parrocchia di Sant’Andrea due giorni dopo la nascita, nel giorno in cui si ricorda appunto san Tiburzio. Ad appena cinque anni, rimase orfano di padre. Sua madre, allora, cercò in ogni modo di mantenere sia lui che l’altra figlia, Gregoria, che aveva sette anni in più. Anni dopo, lui raccontò che da piccolo, una notte, ebbe un incubo: sognò di cadere all’inferno. Impaurito, chiamò sua madre, ma lei non lo sentì. Sempre più terrorizzato, invocò la Madonna Addolorata, che gli apparve dicendo: «Non cadi all’inferno né mai vi cadrai» e lo coprì col suo manto.

Leggi tutto

Politica

I temi etici non sono politici?

Cosa ha provato a spiegare il Popolo della Famiglia? Che spendere decine di milioni di euro delle casse pubbliche per avviare una pratica generalizzata di selezione eugenetica finalizzata alla soppressione dei nascituri down era una scelta di stampo nazista. Il Nipt senza ombra di dubbio ha quella finalità: è stato reso gratuito in Islanda e in Danimarca a seguito del programma governativo “Down Syndrome free” ottenendo nell’ultimo quinquennio la soppressione del 100% in Islanda e del 98% in Danimarca dei nascituri down individuati dal test. Non sto a dire che per un cattolico tale comportamento e anche tale scelte politica di impiego delle risorse pubbliche dovrebbe implicare una immediata presa di distanza. Ma anche per chiunque abbia un minimo a cuore la sorte dei bambini down, al di là di qualsiasi orientamento religioso, un governatore che avvia questo tipo di “sperimentazioni” dovrebbe risultare immediatamente invotabile.

Leggi tutto

Chiesa

Febbraio 1945: Bosnia Erzegovina: i 30 martiri di Široki Brijeg

Durante la dominazione turca della Bosnia-Erzegovina, dodici francescani originari dell’Erzegovina e provenienti da Kresevo in Bosnia, decisero di costruire un monastero nella loro terra d’origine, come segno della fede, e scelsero la località di Široki Brijeg. Si sistemarono in questo piccolo villaggio e, dopo aver comprato un caro prezzo un grande appezzamento di terreno, iniziarono a costruire la chiesa dedicandola alla Madonna Assunta in Cielo. Subito iniziarono anche i lavori per edificare il monastero e successivamente un edificio da adibire a seminario.

Leggi tutto

La Croce Quotidiano, C.F. P.IVA 12050921001

© 2014-2022 La Croce Quotidiano