Politica

di Roberto Signori

La legge Gaillot sull’aborto ad un passo dall’approvazione in Francia

Abbonati agli albi cartacei de La Croce e all’archivio storico del quotidiano

Lo scorso 16 febbraio, la legge “volta a rafforzare il diritto all’aborto”, nota come legge Gaillot, è stata discussa al Senato francese nella sua terza e ultima lettura.

La maggioranza del Senato, in realtà, ha respinto il testo in blocco con 206 voti contro 129 e ha così lasciato la decisione finale all’Assemblea Nazionale (la Camera dei Deutati): quest’ultima discuterà il testo in lettura finale domani 23 febbraio, proprio a ridosso della fine della legislatura e in vista delle elezioni di primavera.

Ancora una volta la conciliazione tra le posizioni dei senatori e dei deputati sembra essere impossibile, poiché i disaccordi sono profondi. Alcune rappresentanti politiche della maggioranza sono arrivate al punto di “negare agli uomini il diritto di intervenire nel dibattito, perché questo è negare il loro ruolo nel processo di gravidanza, sia a livello personale che professionale”, ha accusato il senatore Alain Milon (LR).

Diversi senatori, come Xavier Iacovelli (RDPI), hanno deplorato la questione preliminare, che lascia in definitiva l’Assemblea dei deputati a legiferare da sola, “andando così contro il bicameralismo”. Ma è il vero problema che si sorge con questo governo Macron e con la maggioranza che lo sostiene è che non c’è alcuna volontà di confronto con le ragioni del Senato e delle opposizioni, svilendo così il senso del bicameralismo e la procedura delle ‘navette’, pensate appunto per evitare ‘colpi di mano’ e favorire la mediazione politica e legislativa.

Tra l’altro, su una legge così delicata e ingiusta, dove si liberalizza di fatto l’aborto in qualunque circostanza e si dilatano i tempi, la scorsa settimana nell’aula della Assemblea Nazionale erano presenti al voto solo 61 deputati su 568.

L’estensione del termine legale a 14 settimane di gravidanza è la misura principale di questa proposta pro-aborto, ma prevede anche l’autorizzazione delle ostetriche ad eseguire aborti strumentali. Il teleconsulto, inoltre, diventa possibile per le procedure di aborto negli ospedali e periodo di riflessione di due giorni dopo il colloquio psicosociale è abolito.

Resta fondamentale il mantenimento della clausola di coscienza specifica. tale clausola di coscienza “doppia” non è affatto una ridondanza e protegge tutti i professionisti della salute per la sua natura giuridica. A differenza della cosiddetta clausola generale, non è limitata da alcuna eccezione di emergenza.

Abbonati agli albi cartacei de La Croce e all’archivio storico del quotidiano

22/02/2022
0107/2022
Sant'Aronne

Voglio la
Mamma

Vai alla sezione

Politica

Vai alla sezione

Articoli correlati

Società

USA in marcia contro l’aborto

Migliaia di americani hanno manifestato per la vita a Washington, dove il “caso del Mississippi” porterà i giudici a esprimersi sulla Roe v. Wade. Tema della 49esima edizione, “l’uguaglianza ha inizio nel grembo materno”

Leggi tutto

Società

Virus: ora la minaccia è la Febbre di Lassa

I primi casi di Febbre di Lassa, virus “parente” dell’Ebola, sono stati segnalati nel Regno Unito. La conferma viene dalla Uk Health Security Agency, che fa sapere che una delle due persone infettate (viaggiatori rientrati dall’Africa Occidentale) è fortunatamente guarita e sta bene, mentre l’altra è ricoverata.

Leggi tutto

Politica

PDF: delegazione campana ha partecipato alla manifestazione di Roma

Una delegazione Campana” – annuncia Massimiliano Esposito, Coordinatore regionale del Popolo della Famiglia – “diversi mezzi a Roma ha partecipato, sabato 5 marzo, dalle ore 15 a piazzale Ugo La Malfa, per manifestare contro il governo Draghi che viola la Costituzione”.

Leggi tutto

Politica

Cuneo: il PDF a sostegno della coalizione per Lauria Sindaco

Amministrative 2022, Cuneo: il Popolo della Famiglia a sostegno della coalizione per Lauria Sindaco

Leggi tutto

Media

Amazon pagherà le donne che abortiscono

Bezos quindi, per darsi le arie di buon progressista - e dopo che l’ormai ex moglie MacKanzie Scott ha finanziato a suon di milioni le famigerate associazioni pro aborto come Planned Parenthood - pagherà tutte le spese alle dipendenti dell’azienda (fino a 4000 dollari) le quali, per abortire - magari sino al nono mese di gravidanza - dovessero recarsi in uno Stato più permissivo di quello in cui abitualmente risiedono.

Leggi tutto

Politica

Palermo al voto - Ciro Lomonte, candidato del PDF

Interessante intervista rilasciata da Ciro Lamonte candidato PDF a Palermo

Leggi tutto

La Croce Quotidiano, C.F. P.IVA 12050921001

© 2014-2022 La Croce Quotidiano