Società

di Nathan Algren

A Michael Lapsley il Premio Niwano per la pace

Abbonati agli albi cartacei de La Croce e all’archivio storico del quotidiano

Padre Michael Lapsley, leader religioso e attivista sociale, è il vincitore del 39.mo Premio Niwano per la Pace “in riconoscimento della sua incessante lotta contro l’apartheid e le discriminazioni sociali e per il suo sostegno al movimento di liberazione del Sud Africa e di varie attività per la costruzione della pace in altre parti del mondo”. Padre Lapsley - si legge in un comunicato della Fondazione buddista Niwano - ha mobilitato le comunità di fede “contro il razzismo, l’apartheid e tutte le forme di discriminazione sociale che persistono in diverse parti del mondo”. Oltre alla lotta al razzismo, il reverendo anglicano “ha anche sottolineato l’importanza del processo di guarigione per affrontare l’amarezza, l’odio e le altre conseguenze socio-psicologiche delle ingiustizie causate dalle discriminazioni”.

Padre Michael Lapsley è nato il 2 giugno 1949 in Nuova Zelanda. Ordinato prete anglicano nel 1973, ha iniziato la sua missione in Sud Africa negli anni più duri dell’apartheid. Da subito è diventato una delle voci più forti in difesa degli studenti neri sudafricani. Nel 1990, è stato vittima di un attentato dinamitardo: ha subito gravi ferite, tra cui la perdita di entrambe le mani, della vista dell’occhio destro e ustioni estese. Nonostante questa terribile vicenda, padre Michael ha continuato ad impegnarsi, con mezzi non violenti, per la libertà del popolo sudafricano. Nel 1993 è diventato cappellano del Trauma Center for Victims of Violence and Torture. Nel 1998 ha fondato l’Istituto per la guarigione della memoria (IHOM) a Città del Capo. Dopo la fine dell’apartheid, ha continuato il lavoro dell’Istituto in Sudafrica e a livello internazionale organizzando forum per combattere la xenofobia, la violenza contro i rifugiati e promuovendo iniziative per la pace e la difesa dei diritti umani. In questo modo, conclude la Fondazione Niwano, padre Michael Lapsley “ha contribuito immensamente alla causa della pace e della cooperazione interreligiosa”.

Abbonati agli albi cartacei de La Croce e all’archivio storico del quotidiano

22/02/2022
0708/2022
San Gaetano da Thiene

Voglio la
Mamma

Vai alla sezione

Politica

Vai alla sezione

Articoli correlati

Chiesa

La chiave che scioglie i nodi

L’intellettualismo imperante privilegia una parte dell’umanità della persona finendo per astrattizzarla e dunque distorcerla: la sua ragione. Si viviseziona così l’uomo, spegnendolo, in ragione astratta; anima, moralità, disincarnata; e resto emozionale, pratico, del soggetto

Leggi tutto

Chiesa

La comunità cattolica ucraina di Bergamo compie 20 anni

Domenica 19 dicembre festeggiano il 20° di costituzione della loro comunità nella nostra diocesi, avvenuta ufficialmente il 15 novembre 2001 con una Divina Liturgia (che è la loro Messa) nella chiesa parrocchiale di San Tomaso de’ Calvi. Attualmente sono seguiti da padre Vasyl Harchuk, che dipende dall’esarcato apostolico in Italia, che a sede a Roma, guidato attualmente dal vescovo esarca Dionisij Ljachovič, che fa riferimento da Svjatoslav Ševčuk, arcivescovo maggiore di Kiev-Halyc. Questo il programma di domenica nella chiesa di Santo Spirito: alle 12 Divina Liturgia (interviene il coto Trio di seminaristi).

Leggi tutto

Chiesa

Corea del Sud: lavorare insieme per la riconciliazione

Chiesa cattolica e governo coreano intendono operare insieme per la pace, la riconciliazione e la riunificazione della penisola coreana

Leggi tutto

Storie

MAMMA ANNA E RICCARDO, DUE VITE TENUTE LONTANE DAL GREEN PASS

Dalla Sardegna a storia di Anna e Riccardo, mamma e figlio che per diversi mesi sono stati lontani l’una dall’altro in quanto Anna era sprovvista di green pass e non le era consentito visitare Riccardo, ospite in una struttura privata e affetto da tetra paresi spastica.
Con questa breve intervista, vogliamo evidenziare quanto ingiusta sia una misura discriminatoria come il super green pass che il nostro governo ha, purtroppo, difeso a spada tratta sino a oggi.

Leggi tutto

Media

David di Donatello 2022: Paolo Sorrentino vince miglior film e miglior regia

È stata la mano di Dio conquista anche il David per la migliore attrice non protagonista, la migliore fotografia e il David Giovani

Leggi tutto

Politica

Speranza deve andare a casa

Chi vuole essere ucciso, può stare sereno: non deve pagare. O meglio, è giusto che al suo posto paghino tutti. Lo ha dichiarato apertamente nelle scorse ore il Ministro della Salute, Roberto Speranza. «Una volta che la procedura di verifica del rigoroso rispetto delle condizioni individuate dalla Consulta sia stata completata», ha detto parlando con La Stampa, «le strutture del servizio sanitario nazionale non possono assumere atteggiamenti ostruzionistici, né è ipotizzabile che i costi siano a carico del paziente».

Leggi tutto

La Croce Quotidiano, C.F. P.IVA 12050921001

© 2014-2022 La Croce Quotidiano