Chiesa

di Nathan Algren

Mediterraneo frontiera di pace

Abbonati agli albi cartacei de La Croce e all’archivio storico del quotidiano

Inizia oggi, mercoledì 23 febbraio, il singolare incontro di Vescovi cattolici e Sindaci dei Paesi mediterranei convocati a Firenze per attestare e riproporre il ruolo del Mare Mediterraneo come “frontiera di pace”, nel solco delle intuizioni profetiche coltivate negli anni della Guerra Fredda dal grande Sindaco fiorentino Giorgio La Pira. L’incontro prende il via nel pomeriggio di oggi con una prolusione del Cardinale Gualtiero Bassetti, e si concluderà domenica 27 con la Santa Messa celebrata da Papa Francesco nella Basilica di Santa Croce.

Nei giorni del Convegno, Patriarchi e Vescovi cattolici delle Chiese presenti nei Paesi che si affacciano sul Mare Mediterraneo parteciperanno anche a incontri sui Testimoni della fede legati alla storia del cattolicesimo fiorentino del Novecento, come Giorgio La Pira, il Cardinale Elia Dalla Costa, don Lorenzo Milani e don Divo Barsotti. La sera di venerdì 25 febbraio, nella Basilica abbaziale di San Miniato al Monte, si svolgerà un momento di preghiera in memoria dei martiri e testimoni della fede e della giustizia.

Alle giornate di incontri e preghiera parteciperanno, tra gli altri, Patriarchi e Vescovi provenienti da Siria, Turchia, Iraq, Libano, Egitto, Tunisia, Algeria, Marocco e dalla Terra Santa. Presso la Basilica di Santa Maria Novella, luogo degli incontri dei Vescovi, si svolgerà l’adorazione eucaristica continuata durante tutto il periodo del Convegno. Agli incontri riservati ai Sindaci verranno rappresentate 65 città da 15 Paesi di 3 Continenti (Europa, Asia, Africa).Il Convegno, ha sottolineato il Sindaco di Firenze Dario Nardella, “cade in un momento drammatico, mi riferisco alle tensioni al confine tra Ucraina e Russia, spero che da Firenze si levi un appello accorato per la pace”, da rivolgere soprattutto a un’Europa “spesso distratta, che deve avere più attenzione per quello che avviene nel Mediterraneo, non può voltarsi dall’altra parte”

In una fase storica in cui assi portanti del mondo, dal punto di vista economico e geopolitico, sembrano essersi spostati in altre aree del Globo, lo spazio mediterraneo rimane quello su cui si affaccia la Palestina, la terra in cui è nato, morto e risorto Cristo. Su una spiaggia mediterranea della Libia si è consumata una delle più impressionanti vicende di martirio degli ultimi anni, quella dei venti cristiani copti egiziani e del loro compagno di lavoro ghanese, trucidati da carnefici jihadisti nel febbraio 2015.

Il Mediterraneo rimane il posto in cui si intrecciano i destini e le comunità di fede – ebrei, cristiani e musulmani – che riconoscono la comune discendenza dal Patriarca Abramo, Padre di tutti i credenti. Proprio a quella comune radice abramitica guardavano le intuizioni profetiche di Giorgio La Pira, e i “Convegni Internazionali per la Pace e la Civiltà cristiana” la lui promossi tra il 1952 e il 1956. Intuizioni che oggi, nel contesto segnato da nuove crisi e nuovi conflitti, sono riaffiorate ad esempio nel Documento sulla Fratellanza umana per la pace mondiale e la convivenza comune, sottoscritto il 4 febbraio 2019 a Abu Dhabi da Papa Francesco e dallo Sheikh sunnita Ahmed al Tayyeb, Grande Imam di Al Azhar.

Nel frattempo, il Mediterraneo è diventato luogo di diseguaglianze e discriminazioni, area tormentata da guerre fratricide, da violenze che producono – insieme a altri fattori, come la povertà la corruzione e i settarismi - il fenomeno delle migrazioni di massa, che dalla sponda sud del Mediterraneo cercano di raggiungere i Paesi europei.

Papa Francesco, nel suo magistero, ha sempre tenuto presente che i problemi delle comunità possono essere risolti solo da approcci che tengano conto delle interconnessioni globali.

Abbonati agli albi cartacei de La Croce e all’archivio storico del quotidiano

23/02/2022
2102/2024
Sant'Eleuterio

Voglio la
Mamma

Vai alla sezione

Politica

Vai alla sezione

Articoli correlati

Storie

Due giorni di preghiera e penitenza per il futuro del Gabon

Domenica 8 luglio, Ali Bongo Ondimba ha annunciato che si candiderà per un terzo mandato alle elezioni presidenziali del 26 agosto. Questi era succeduto a suo padre, Omar Bongo, dopo la sua morte nel 2009, perpetuando il potere di una dinastia familiare iniziata nel 1967 con l’insediamento dell’allora Albert-Bernard Bongo, poi divenuto El Hadj Omar Bongo Ondimba dopo la sua conversione all’Islam.

Leggi tutto

Storie

Affidamento esclusivo al padre se la madre fa uso di cannabis e “minimizza”

A pesare sulla scelta del giudice anche la fragilità della figlia più grande, in cura presso un ospedale psichiatrico per disturbi dell’umore. Tanto basta al Tribunale per decidere nell’interesse superiore delle due minorenni. Soddisfatto per il provvedimento l’avvocato del padre delle minori Giorgio Vaccaro che sottolinea l’importanza di un passaggio della decisione «Il Tribunale ha affermato che un genitore per avere una corretta condotta educativa non deve sottovalutare, mai, le conseguenze dannose dell’assunzione di sostanze stupefacenti da parte dei figli. Non può sminuire o rendersi complici dell’uso di sostanze, può essere sanzionato pesantemente».

Leggi tutto

Storie

Caseifici Open day: il 23 e 24 settembre

Il 23 e 24 settembre i caseifici agricoli e artigianali italiani aprono le porte a famiglie, appassionati, esperti e curiosi per raccontare, far degustare e conoscere le storie dei formaggi.

Leggi tutto

Storie

Il cammino sinodale nelle Filippine valorizza le Comunità ecclesiali di base

Nella vita della Chiesa filippina la partecipazione al processo sinodale - in vista della Assemblea del Sinodo che sta per cominciare in Vaticano - è stata ampia, con una consultazione di base in tutte le diocesi e una feconda riflessione. Una determinazione di fondo, tra quelle emerse, è continuare e rafforzare l’esperienza delle Comunità ecclesiali di base (Basic Ecclesial Communities, BEC)”, rileva Antonio Ledesma, SJ, arcivescovo emerito dell’Arcidiocesi metropolitana di Cagayan de Oro, che ha guidato dal 2006 al 2020.

Leggi tutto

Politica

La Apostolico continua la “guerra” al governo

Ancora un decreto pro-migranti dal giudice Iolanda Apostolico, che dopo essersi chiusa in camera di consiglio ha deciso di non convalidare i trattenimenti nel Cpr di Pozzallo disposti dal questore di Ragusa nei confronti di quattro migranti tunisini. Una sentenza che, a grandi linee, sembra ricalcare in toto quella di fine settembre con la disapplicazione del decreto Cutro. La procura di Catania, con le decisioni dei suoi giudici della sezione Immigrazione, sembra aver lanciato una sfida al governo, che non si esclude possa ricorrere anche contro questa decisione, così come ha già annunciato che farà per la precedente sentenza di Apostolico. Il gruppo di Catania sembra essere compatto, come dimostra anche la sentenza del giudice Rosario Maria Annibale Cupri.

Leggi tutto

Società

Scusateci, siamo bianche

Post scriptum: la prima squadra maschile dell’Arsenal conta in organico 14 calciatori di colore su 31. Un’altra minoranza.

Leggi tutto

La Croce Quotidiano, C.F. P.IVA 12050921001

© 2014-2024 La Croce Quotidiano