Chiesa

di Roberto Signori

Colombia - Vescovi: no all’aborto

Abbonati agli albi cartacei de La Croce e all’archivio storico del quotidiano

“Perplessità e profondo dolore” sono stati espressi dalla Conferenza Episcopale della Colombia dopo la pubblicazione della nota della Corte Costituzionale secondo la quale “la condotta dell’aborto sarà punibile solo quando sarà eseguita dopo la ventiquattresima (24) settimana di gestazione e, in ogni caso, questo termine non sarà applicabile ai tre casi di cui alla sentenza C-355 del 2006”.

I Vescovi riconoscono che “in molte occasioni, la realtà dell’aborto risponde ai drammi che causano molteplici difficoltà e angosce alla madre e al suo ambiente”, e che “quando la donna é vittima, è ragionevole che sia la società civile che l’ordinamento giuridico cerchino la sua difesa e protezione”. Tuttavia ritengono che “la rivendicazione di un diritto cessa di essere legittima se implica negare o calpestare diritti altrui. Non si può nascondere o minimizzare il fatto che ogni gravidanza implica l’esistenza di un altro essere umano, diverso dalla madre, indifeso e vulnerabile, che a sua volta ha il diritto di far parte della famiglia umana”. Quindi ribadiscono: “Ritenere che i diritti alla vita e a ricevere la protezione dello Stato, tutelata dalla Costituzione, non lo coprano dal momento del suo concepimento, è un affronto alla dignità umana”.

Tutelare il supposto diritto a sopprimere una vita umana innocente, prosegue il comunicato dei Vescovi, “mette a rischio lo stesso fondamento del nostro ordine sociale e lo Stato di diritto. L’aborto diretto è un atto immorale e una pratica violenta contraria alla vita”.

Di fronte alla strada aperta dalla Corte Costituzionale, i Vescovi si chiedono se non ce ne possano essere altre che permettano di salvaguardare la vita delle madri insieme a quella dei loro figli che devono ancora nascere, e ribadiscono che “il problema dell’aborto non può essere limitato alle sole donne incinte, ma esige la solidarietà dell’intera società”. Secondo la Costituzione, ogni colombiano ha il dovere di operare secondo il principio della solidarietà sociale, rispondendo con azioni umanitarie alle situazioni che mettono in pericolo la vita o la salute delle persone. “Poiché questa virtù ci permette di creare alternative di bene, dove il male è ritenuto l’unica opzione, vogliamo essere i primi ad aiutare a trovare l’opzione buona quando l’aborto sembra essere la soluzione”.

Il comunicato, firmato dalla Presidenza della Conferenza Episcopale, si conclude ricordando “Colui che è venuto a portare la vita in abbondanza”, auspicando che anche lo Stato e tutti i compatrioti di buona volontà, “non risparmino alcuno sforzo per proteggere e promuovere la vita umana, anche nelle circostanze più complesse”.

Abbonati agli albi cartacei de La Croce e all’archivio storico del quotidiano

24/02/2022
0407/2022
Santa Elisabetta di Portogallo

Voglio la
Mamma

Vai alla sezione

Politica

Vai alla sezione

Articoli correlati

Chiesa

Bagnasco e l’impegno dei cattolici

La prolusione del Cardinale Angelo Bagnasco al Consiglio permanente della Cei è stata di impressionante nettezza. Il richiamo alla «famiglia come baricentro esistenziale da preservare» è stato condito da una serie di affermazioni che tracciano la strada all’impegno dei cattolici italiani

Leggi tutto

Politica

GLI IMPEGNI POLITICI DEL PDF ALLA RIPRESA

A ottobre si comincerà con le elezioni ad Ostia, municipio romano che con i suoi 231.723 abitanti sarebbe la tredicesima città d’Italia per popolazione, subito dopo Verona, territorio della periferia capitolina dominato dal M5S e dalle infiltrazioni mafiose, dove il governo municipale è stata sciolto due anni fa con decreto dell’esecutivo nazionale proprio per tali infiltrazioni. A novembre sarà la volta delle elezioni regionali in Sicilia e con questo si spiega il lavoro agostano del nostro coordinatore nazionale Nicola Di Matteo nell’Isola. Nei prossimi mesi si voterà poi per le regionali in Lombardia, dove il ruolo da protagonista è ovviamente svolto dal nostro segretario nazionale Gianfranco Amato, e probabilmente anche nel Lazio e in Friuli Venezia Giulia dove l’esperienza di governo a Cordenons con Lanfranco Lincetto vicesindaco ci fa ben sperare anche grazie al radicamento con Alessandro Cocco a Trieste e con i risultati ottenuti a Fontanafredda alle ultime amministrative.

Leggi tutto

Società

Droga: al via i congressi pisani

La cittadina toscana si prepara ad aprire i battenti, nel prossimo fine settimana, di una rassegna che con un poco di ironia si potrebbe dire “ricreativa”: il paradiso artificiale passato fugacemente dai pusher sarà intronizzato in bella mostra per tre giorni. Dolci, gelati, vini, birre e caffè alla “cannabis light”. E pazienza se il Consiglio Superiore di Sanità ha detto che non esistono droghe leggere…

Leggi tutto

Società

Il Consiglio di Stato francese e la vita di Vincent Lambert

L’udienza si è svolta venerdì 29 marzo 2019 e i giudici amministrativi supremi si sono concessi tre settimane per esprimere il loro giudizio. Giudizio che può spaziare dall’accettazione della cessazione delle cure (e quindi condannare a morte di Vincent Lambert) alla raccomandazione di trasferire Vincent Lambert in un istituto specializzato che abbia l’esperienza e la competenza per prendersi cura del suo stato semi-relazionale (coscienza minima), stato nel quale vivono circa 1.700 persone in Francia.

Leggi tutto

Società

L’unico aborto sicuro è quello che non si fa

Leggi tutto

Chiesa

Papa Francesco e la “terapia della dignità umana”

Per Papa Francesco, la sanità cattolica è “chiamata a testimoniare con i fatti che non esistono vite indegne o da scartare, perché non rispondono al criterio dell’utile o alle esigenze del profitto”. Il Pontefice enuncia queste parole incontrando la Biomedical Foundation, del Campus Bio-Medico di Roma

Leggi tutto

La Croce Quotidiano, C.F. P.IVA 12050921001

© 2014-2022 La Croce Quotidiano