Chiesa

di Nathan Algren

VIETNAM - Il contributo della vita consacrata ad evangelizzazione e carità

Abbonati agli albi cartacei de La Croce e all’archivio storico del quotidiano

I consacrati in Vietnam sono chiamati ad un costante rinnovamento della vita spirituale e ad un gioioso ministero missionario per mostrare l’insegnamento di Gesù, per presentare il suo volto e diffondere il Vangelo agli altri. E’ quanto emerso dall’incontro “I religiosi nella comunità parrocchiale” tenuto da padre Alphonso Pham Hung, nell’ambito del percorso pre-sinodale, organizzato nei giorni scorsi nell’Arcidiocesi di Hanoi. Numerosi membri di istituti religiosi e di congregazioni religiose provenienti da tutta l’Arcidiocesi, hanno partecipato all’incontro, in presenza dell’Arcivescovo Joseph Vu Van Thien. I presenti hanno condiviso le difficoltà che si riscontrano nelle parrocchie e nel rapporto con gli istituti religiosi, indicando strade per armonizzare il ritmo di vita nella comunità religiosa e quello nella comunità parrocchiale. I partecipanti hanno auspicato una piena cooperazione tra religiosi, sacerdoti e laici allo scopo di “servire insieme alla salvezza e all’annuncio del Vangelo nella parrocchia”.

In particolare, è emersa la prospettiva missionaria, e tutti i presenti hanno espresso il desiderio di sviluppare più efficacemente il ministero missionario. L’Arcivescovo Joseph Thien ha ringraziato i consacrati e ha condiviso l’attesa dell’Arcidiocesi di Hanoi per una maggiore coinvolgimento di religiosi e religiose nelle attività apostoliche. L’Arcivescovo Joseph ha invitato religiosi e religiose a “mostrare al mondo che Dio esiste attraverso la loro vita e la loro missione”. E ha proseguito: “L’attuale contesto sociale è segnato da grandi sfide e sofferenze. In questo contesto ogni religioso o religiosa svolga la sua missione con gioia. Come ha detto Papa Francesco: Dove c’è un consacrato c’è la gioia”.

I religiosi, in tempo di pandemia hanno dato un contributo prezioso, ha ricordato in un altro raduno presso il Centro Pastorale dell’Arcidiocesi di Hochiminh, l’Arcivescovo Marek Zalewski, Nunzio Apostolico non residente in Vietnam, nel corso della sua visita pastorale In Vietnam. Il Nunzio ha menzionato i tanti sacerdoti, religiosi e volontari che hanno servito i malati di Covid-19. “Quello che fate per i malati, i vulnerabili, è per Gesù Cristo stesso”, ha asserito. L’Arcivescovo di Hochiminh city, mons. Joseph Nguyen Nang, ha osservato che “i sofferenti e i malati, oltre alle cure, hanno bisogno di un conforto spirituale e l’opera di volontari e religiosi ha dato loro speranza. Questa è una autentica testimonianza evangelica. Dio si serve della sua Chiesa per portare il suo amore all’umanità”.

Abbonati agli albi cartacei de La Croce e all’archivio storico del quotidiano

24/02/2022
0502/2023
Sant'Agata

Voglio la
Mamma

Vai alla sezione

Politica

Vai alla sezione

Articoli correlati

Storie

Hadjadj a Verona per un pensiero fecondo

Essere genitori, in definitiva, è farsi simili all’amore. E “per amore”, conclude Hadjadj, “significa “senza perché”, senza altra ragione estranea all’amore stesso. Per chi è fuori sembra un’assurdità. Per chi è dentro appare come una grazia”.

Leggi tutto

Storie

L’Ungheria del dopo voto raccontata da chi la conosce vermente

Un lettore marito di una donna ungherese racconta dal suo privilegiato punto di vista sui magiari l’elezione di domenica

Leggi tutto

Chiesa

Papa Francesco: chi ha la croce nel cuore non vede nemici

Alla Divina Liturgia celebrata in rito bizantino a Prešov, Papa Francesco esorta a non aspirare a un cristianesimo trionfalistico: senza croce - avverte - diventa mondano e sterile. L’invito del Papa è dunque a vedere nella croce l’opera di Dio, in Cristo crocifisso la gloria di Dio, che si offre volontariamente per ogni uomo.

Leggi tutto

Politica

E ORA? CINQUE ATTI PER VINCERE ANCORA

Il ddl Zan ha perso tra l’applauso del Senato, di quella parte della politica fiera di aver seguito la battaglia de Il Popolo della Famiglia ed aver salvato l’Italia da una legge violenta e liberticida. Avremmo tutti applaudito con vigore se fossimo stati li in quel momento.

Leggi tutto

Società

Benin - Conservare la memoria della Chiesa cattolica in Africa

Non si finirà mai di lodare l’opera dei catechisti in Africa”

Leggi tutto

Politica

Egitto: una chiesa per ogni moschea

“Dove c’è una moschea” ha detto tra l’altro il Presidente egiziano, sintetizzando i criteri che devono ispirare le scelte operative sul terreno “deve esserci anche una chiesa. E se la chiesa da costruire verrà frequentata anche soltanto da 100 persone, bisogna costruirla ugualmente. Così nessuno dovrà riunirsi in un appartamento e presentare quell’abitazione privata come una chiesa”.

Leggi tutto

La Croce Quotidiano, C.F. P.IVA 12050921001

© 2014-2023 La Croce Quotidiano