Politica

di Giampaolo Centofanti

Ucraina e problemi sotterranei

Abbonati agli albi cartacei de La Croce e all’archivio storico del quotidiano

La crisi ucraina nasce anche da altre problematiche meno evidenziate?

Viviamo in un’epoca di nuovi dominatori, finanza e big tech. Molte cose sembrano avvenire favorendo lo sviluppo del virtuale, ponendo le stesse compagini statali in forte soggezione a causa dell’imperversare del pensiero unico. Le nazioni rischiano di divenire semplici espressioni di queste dinamiche superiori.

In tale contesto la guerra può forse divenire anche un mezzo per creare emergenze di segno opposto rispetto alla virtualizzazione di tutto? La guerra è solo tra stati o ha anche altri obiettivi? Le fasce di protezione intorno alla Russia sono solo a scopo strettamente militare? È possibile trovare vie perché gli stati si impossessino di tali nuovi mezzi di dominio? O la globalizzazione di internet impedisce questo alla radice? Gli stati possono solo limitare transitoriamente i nuovi poteri con artifici alternativi come i conflitti bellici?

Forse paradossalmente l’unica liberazione, anche in questa direzione, possibile è dare spazio sin dalla scuola alla libera formazione e al solo allora più autentico scambio, ad una più matura e davvero libera partecipazione anche sui media, uscendo dai formalismi istituzionali che soffocano la crescita delle persone ed un’autentica ricerca del vero?

In tale contesto la Chiesa può accarezzare il sistema finendo per divenirne totalmente succube o ingaggiare una difficile lotta, disposta al martirio della continua manipolazione, diffamazione, varia mirata persecuzione. Forse anche e tanto più per la Chiesa una strada da tentare anche per contenere questa oppressione è quella di favorire una scuola davvero libera ed una sinodalità non di facciata, ma che appunto favorisca una partecipata, non formale, ricerca del vero? Un sempre nuovo ritorno al vangelo, piccoli alla sequela di Gesù.

Come mai le domande qui sopra poste non circolano così tanto sui media? Ulteriore conferma di una onnipervasiva teleguida? Cito un altro esempio che può apparire a molti lapalissiano, una volta esplicitato: https://gpcentofanti.altervista.org/la-fiat-la-superlega-ed-altri-passaggi/

D’altro canto i prodromi di questo andamento si sono manifestati da tempo, con i drammatici giochi finanziari delle cui conseguenze i poteri si sono dichiarati ignari scaricando tutto sui risparmi dei cittadini perché si trattava di banche “troppo grandi per poter fallire”. Alla faccia, tra l’altro, della arrogante ed esclusivista competenza dei dominanti.

Abbonati agli albi cartacei de La Croce e all’archivio storico del quotidiano

24/02/2022
0612/2022
San Nicola vescovo

Voglio la
Mamma

Vai alla sezione

Politica

Vai alla sezione

Articoli correlati

Chiesa

Una risposta a Melloni, inquisitore dei laicisti

In un disinvolto corsivo comparso ieri sulle colonne di Repubblica, lo storico bolognese del cristianesimo ha raccolto sotto i suoi consueti strali l’ormai crivellato padre Cavalcoli, Antonio Socci, Radio Maria e noi del Family Day. A questo punto è opportuno mettere in chiaro alcuni concetti

Leggi tutto

Chiesa

GRILLO E AVVENIRE, ADINOLFI (PDF): M5S È OPPOSTO ALLA CHIESA

Ma cosa hanno in comune la Chiesa ed il Movimento Cinque Stelle. Divergenze di opinioni in corso.

Leggi tutto

Società

L’infamia della giornata mondiale sull’aborto

Cos’è il “partial birth abortion”, la nuova frontiera dell’aborto “libero” che viene richiesta dalla giornata mondiale dell’aborto del 28 settembre? Semplice, è la possibilità per la donna di prendere la decisione di abortire sino alle ultime settimane di gravidanza. Ad oggi le varie legislazioni nazionali permettono l’interruzione volontaria di gravidanza fino al quinto mese in genere, l’Italia è più restrittiva e si ferma al terzo mese, anche se con il trucco dell’aborto “terapeutico” si finisce molto più in là. L’interpretazione della sentenza della Corte Suprema americana consegna però uno scenario infame secondo cui il nascituro non avrebbe diritti e sarebbe parte del corpo della donna che potrebbe farne quello che vuole fino al momento della nascita. In base a questa interpretazione la pratica dell’aborto a nascita parziale prevede l’induzione del parto anche al nono mese di gravidanza, un parto che viene indotto in posizione podalica stando attenti a mantenere la testa del nascituro all’interno del grembo della donna che non riesco a definire materno, per poi introdurre uno speciale forcipe e schiacciare la testa del bimbo per provocarne la morte completando poi il parto con l’espulsione del corpicino ormai senza vita.

Leggi tutto

Politica

Una strada per liberi e forti

Nei giorni in cui c’è stato e c’è chi insistentemente afferma che il Popolo della Famiglia non serve più a niente non avendolo condotto immediatamente al seggio parlamentare, dunque meglio acconciarsi a sostenere i nuovi potenti e il governo del Trentennio, io resto sempre più convinto del progetto pidieffino e provo a delinearlo per quello che è, per quello per cui l’abbiamo fondato nel marzo 2016, per quello per cui credo che abbia ancora lo stesso inalterato senso ventotto mesi dopo e nel futuro a venire.

Leggi tutto

Politica

Che fare ora che i fatti sono chiari

I risultati di Gela – dove il PdF ha raccolto un 5,64 alle amministrative e un 8,75 alle europee – mostrano che se è radicato nel territorio in sinergia con l’associazionismo e gli enti ecclesiastici un movimento politico di ispirazione cristiana ha un suo spazio politico, nel nostro contesto, stimabile attorno all’8/10%. Quel che resta da fare è operare concretamente per fare ciò che va fatto.

Leggi tutto

Società

Utero in affitto

Citiamo la politica poiché la lotta per legalizzare l’orrenda pratica è usata come bandiera da parte di una diversa politica schierata ideologicamente, famose per usare tristi vicende umane con lo scopo di acquisire voti: non è un caso che abbiano donne affette da agenesia uterina (Sindrome di Rokitansky) pretendano il riconoscimento della pratica “utero in affitto” come mezzo solidale.

Leggi tutto

La Croce Quotidiano, C.F. P.IVA 12050921001

© 2014-2022 La Croce Quotidiano