Società

di Giuseppe Udinov

Sud Sudan - Il duro lavoro è la chiave del successo per i giovani

Abbonati agli albi cartacei de La Croce e all’archivio storico del quotidiano

Dobbiamo lavorare sodo, essere onesti, impegnarci come se non fossimo noi a godere dei frutti del Sud Sudan. Siamo noi a porre le basi” ha affermato il Vescovo della diocesi di Tombura Yambio, Mons. Eduardo Hiiboro Kussala, in occasione dell’ordinazione episcopale di Mons. Mark Kadima Wamukoya.

Mons. Hiiboro ha messo in guardia i giovani della nazione dell’Africa centro-orientale dai politici che li ingannano e li usano per raggiungere i loro obiettivi egoistici e ha sottolineato la necessità che i giovani sud-sudanesi mettano al primo posto gli interessi del loro Paese. “Stiamo esortando i nostri giovani a non farsi fuorviare nelle scelte di cattive politiche, cattivi linguaggi soprattutto sui social media. Evitare le cose che possono dividere le persone, essere uniti e mettere davanti a tutto il loro paese”. L’Ordinario della diocesi cattolica di Tombura-Yambio ha sottolineato la necessità di un duro lavoro, dicendo che è la chiave del successo oltre che una soluzione alle molte sfide che il paese più giovane del mondo sta affrontando.

“Sporchiamoci le mani, e se lo faremo, la generazione che verrà dopo di noi si godrà il Paese. Quindi lavoriamo; eliminiamo la pigrizia. Essere onesti significa usare le risorse in modo corretto per l’intero popolo”. Il Sud Sudan ha dovuto affrontare numerose sfide, tra cui l’insicurezza, la crisi umanitaria causata dalle inondazioni e i conflitti interraziali, che hanno rallentato la realizzazione della pace nel paese. Nello specifico, lo stato dell’Equatoria occidentale, nel quale rientra la diocesi di Tombura Yambio, è stato caratterizzato da mesi di violenza etnica (vedi Agenzia Fides 23/12/2021). “L’unità nella diversità manifestata dai leader religiosi in Sud Sudan - ha affermato Mons. Hiiboro - ci ha aiutati a risolvere molti conflitti nell’area e lo stiamo ancora facendo”.

Abbonati agli albi cartacei de La Croce e all’archivio storico del quotidiano

24/02/2022
0107/2022
Sant'Aronne

Voglio la
Mamma

Vai alla sezione

Politica

Vai alla sezione

Articoli correlati

Chiesa

Papa Francesco: aiutiamo chi scappa per vivere

Papa Francesco incontra 50 giovani di Scholas Occurrentes nel Pontificio Collegio Internazionale Maria Mater Ecclesiae.

Leggi tutto

Società

Demografia, ecco il vero terrore

Lo Stato Islamico ha rivendicato la strage che a Manchester ha causato 22 morti e 59 feriti, prevalentemente tra i giovani e i giovanissimi che erano andati a seguire il concerto della cantante Ariana Grande. Tra i morti anche una bambina di 8 anni. Nel comunicato di rivendicazione l’Isis afferma: «Uno dei soldati del Califfato ha posizionato ordigni esplosivi in mezzo a un raduno di crociati.

Leggi tutto

Chiesa

Libano - Giovani e cammino sinodale

Le Chiese del Medio Oriente sono chiamate a riscoprire e a riattivare a tutti i livelli la loro vocazione sinodale, se vogliono custodire la trasmissione della fede e delle proprie tradizioni apostoliche alle giovani generazioni in mezzo ai tumulti e alle crisi che agitano le società mediorientali

Leggi tutto

Società

Baby Gangs imperversano a Ostia: è il “Paese dei Palocchi”

15enne minaccia con la pistola giocattolo un NCC. È il collasso di una società radical chic costruita sull’ ipocrisia del denaro, del successo o su valori che escludono. E il Santo Padre indica all’Angelus: «Vicinanza, compassione e tenerezza: sono queste le trasgressioni di Dio».

Leggi tutto

Chiesa

Nasce il progetto “Lavoro per tutti”

L’annuncio da parte di suor Alessandra Smerilli, nel corso della presentazione in Sala Stampa Vaticana del Messaggio del Papa per la 55.ma Giornata Mondiale della pace.

Leggi tutto

Società

Ecco la Balena Blu

Nel miserabile tentativo di azzardare un’analisi del fenomeno è ovvio che, in primo luogo, venga da puntare il dito sul gioco della Balena blu, ed è giustissimo farlo. Allo stesso tempo, però, è opportuno non dimenticare che quel gioco è un parto dei giorni nostri, un prodotto dell’odierna comunità umana globale. Il mondo non è mai stato un luogo perfetto ed ogni epoca ha conosciuto le sue nefandezze ma oggi la stupidità e la malvagità di pochi possono espandersi e amplificarsi come mai prima era stato possibile. Prendendo spunto dalla famosa e profonda riflessione di Hannah Arendt “La banalità del male” potremmo concludere che ciò che è banale nasce da menti banali e, contemporaneamente, attrae menti altrettanto banali.

Leggi tutto

La Croce Quotidiano, C.F. P.IVA 12050921001

© 2014-2022 La Croce Quotidiano