Chiesa

di Tommaso Ciccotti

Papa: serve una profezia della non-violenza

Abbonati agli albi cartacei de La Croce e all’archivio storico del quotidiano

Non violenza, migranti, ambiente, rapporto con gli anziani e le nuove tecnologie. E una preghiera iniziale a Maria, Madre di Dio e Regina della Pace, perché protegga l’Ucraina, le famiglie, i giovani, le vittime degli attacchi partiti la scorsa notte. Papa Francesco dialoga virtualmente per oltre un’ora con gli universitari di tutta l’America per l’incontro sinodale “Costruire ponti Nord Sud” ideato e organizzato dal Dipartimento di Teologia della Loyola University, ateneo dei gesuiti a Chicago, in collaborazione con la Pontificia Commissione per l’America latina. “Buongiorno, buona sera, buona notte”, esordisce Francesco in riferimento ai vari fusi orari.

Dalle 19 alle 20.45, rimane collegato dal salone di Casa Santa Marta per il botta e risposta con Lorena, Leo, Paco, Alejandro, Priscilla, Jefferson e altri ragazzi e ragazze. Provengono da posti diversi – brasiliani, canadesi, statunitensi, argentini -, alcuni sono migranti, emigrati da un Paese all’altro o dalla periferia al centro delle proprie città in cerca di migliori opportunità di vita. Collegati da smartphone, tablet e computer, divisi in quattro blocchi, raccontano brevemente al Papa la propria storia, denunciano le emergenze dei loro Paesi o presentano progetti sviluppati in questi anni.
Condividere idee e iniziative sviluppate in varie latitudini dell’America è il modo per costruire quei “ponti” che propone il titolo dell’incontro virtuale. E il Papa proprio di ponti parla nelle prime battute del suo intervento, preceduto dal saluto del cardinale di Chicago, Blaise Cupich, e dalla segretaria della CAL, Emilce Cuda. “Costruire ponti è parte integrante della identità cristiana. Cristo viene per costruire ponti tra il Padre e noi. Un cristiano che non sa costruire ponti, ha dimenticato il suo Battesimo”, dice il Pontefice.

Per tutto il tempo delle domande dei giovani, prende appunti su fogli di carta. Fa parlare prima i ragazzi, poi interviene offrendo suggerimenti e indicazioni per il futuro. Dice che sarebbe bello che questo spazio sinodale potesse diventare costante tra i giovani studenti e i Pontefici. E poi risponde a una ragazza brasiliana che denuncia “la violenza dura e selvaggia” che ha vissuto e che vive il suo Paese. Alla violenza, afferma il Papa, bisogna rispondere con la “non-violenza attiva”: “Questa è la più grande sfida che si aspettano da voi, la denuncia della violenza”, dice ai giovani. “La violenza distrugge, la violenza non costruisce, e lo vediamo nelle dittature militari e non militari nel corso della storia. Abbiamo bisogno della profezia della non-violenza, è molto più facile dare uno schiaffo in faccia quando si riceve uno schiaffo, invece di porgere l’altra guancia”, afferma, ricordando l’esempio di Gandhi. “La gentilezza – aggiunge il Papa - è una delle cose umane più belle, nasce dalla tenerezza”. Francesco mette in guardia anche dal “gioco dell’ipocrisia”: “Avvelena la tua vita. La sincerità costa e ti porta avanti nella conversione all’armonia con il mondo”.

Di armonia il Papa parla anche a riguardo della creazione, questione che più di uno studente propone nel suo intervento. Si citano dati drammatici: 20 milioni all’anno di persone in fuga dalla propria terra per i cambiamenti climatici; una previsione di 1,4 miliardi di rifugiati climatici entro il 2060. Francesco ribadisce quindi l’invito alla cura della Casa comune e ricorda un detto spagnolo: “Il Signore perdona sempre, noi perdoniamo a volte, la natura non perdona mai”.
Nel dialogo, ampio spazio viene dedicato al tema delle migrazioni. Toccante l’intervento di una ragazza sudamericana emigrata con la famiglia che denuncia il trattamento ricevuto: “Non siamo stupratori, assassini, tossicodipendenti… Siamo sognatori laboriosi che offrono a questo Paese il meglio di noi stessi”. Il Papa risponde ribadendo il teorema fatto di quattro verbi, utili ad affrontare quello che descrive come “uno dei drammi più gravi” del nostro secolo. “Stiamo vedendo persone che lasciano la loro terra per problemi politici, guerre, problematiche economiche, culturali. Il principio è molto chiaro: il migrante bisogna accoglierlo, bisogna accompagnarlo, bisogna promuoverlo, bisogna integrarlo”.

Come già in altre occasioni, il Papa ripete che i Paesi devono “onestamente” dire quante persone riescono ad accogliere, così che altri Paesi possano intervenire. In questo modo, si innesca quella “fraternità” necessario per questo mondo diviso. Il Pontefice dice che è bene insistere sul tema perché riguarda tutti, visto che tanti sono “figli di migranti”. “Io stesso – ricorda – sono figlio di migranti”, membro di una famiglia partita dal Piemonte quando “mio padre era un giovane contabile di 22 anni”. Gli Stati Uniti stessi sono “un Paese di migranti: irlandesi, italiani…” e “anche la mia terra, l’Argentina, è un cocktail di migranti”, dice il Papa. La questione, quindi, interpella ognuno di noi, in particolare gli universitari che, sottolinea, devono affrontare, studiare e farsi carico del problema attraverso i tre linguaggi “della testa, del cuore, delle mani”, non cadendo nel rischio di diventare “freddi, senza cuore”.

Non manca nel colloquio un richiamo al dialogo tra le generazioni. “Radici” è la parola, pronunciata da un ragazzo, che ispira Jorge Mario Bergoglio: “Una delle cose suicide per una società è quando nega le sue radici. Ognuno deve prendersi cura delle proprie radici, per questo insisto sul dialogo tra anziani e giovani. Gli anziani sono le radici, tutti i frutti vengono dalle radici”. Anche i migranti devono, sì, integrarsi nei Paesi di accoglienza, ma non dimenticare le proprie radici, altrimenti “vivranno con la colpa di questo”.

Infine, riflettendo sul tema della sinodalità, il Papa non manca di fare un appello a tutta la Chiesa ad essere una Chiesa “per strada”, “in uscita”, non una “Chiesa da museo statico”, dove tutto è pulito e in ordine ma tutto non funziona. Una Chiesa, dunque, che si mette in discussione. A tal proposito, Francesco racconta un aneddoto personale di quando, anni fa, in un barrio di Buenos Aires vide un prete trasformare a Natale e Pasqua la parrocchia in una sala da pranzo aperta a immigrati e a coloro che non avevano nessuno con cui trascorrere le feste: “Mi ha scandalizzato. Ma quello è stato uno schiaffo in faccia per me che ha cambiato il mio cuore”.

Abbonati agli albi cartacei de La Croce e all’archivio storico del quotidiano

25/02/2022
0412/2022
S.Giovanni Damasceno

Voglio la
Mamma

Vai alla sezione

Politica

Vai alla sezione

Articoli correlati

Società

Francesco lo chiede, noi non diserteremo

Eccoci, noi della Croce di certo non disertiamo. Di questo non possiamo essere accusati.

Leggi tutto

Società

Conosciamo i nostri figli?

Le statistiche sulle dipendenze (nuove e vecchie) dei giovani e giovanissimi mostrano una morsa di fragilità che si fa sempre più impenetrabile, oltre la cortina di sostanze psicotrope e di una pornografia dilagante. L’anno del Sinodo sui Giovani può essere per la Chiesa e per la società il momento in cui si chiuda una buona volta la stagione della complicità (dis)educativa e si volti pagina

Leggi tutto

Società

Greenwahing e Greta Thunberg

Il greenwashing è solo una moda, che per qualche oligarchia nasconde interessi finanziari, e certamente è impensabile che una leadership come quella di Greta Thunberg, la giovane attivista svedese, possa reggersi in piedi da sola. Tuttavia l’attacco alla sua persona è due volte miope: perché colpisce una ragazzina e perché sembra non vedere le verità indicate dalla sua voce.

Leggi tutto

Chiesa

Papa Francesco - Viaggio Apostolico a Budapest: Angelus

Durante l’Angelus Il Papa si rivolge alla “grande famiglia cristiana ungherese”, fratelli e sorelle “in cammino verso la piena unità”. Poi, scandito da un affettuoso applauso dei fedeli, il saluto di cuore al Patriarca Bartolomeo - che chiama ‘Fratello’ - alla Chiesa locale e a quanti si sono adoperati per i lavori del Congresso eucaristico internazionale e per l’organizzazione della visita apostolica

Leggi tutto

Chiesa

L’incontro delle Famiglie di Roma

Presentato in Sala Stampa vaticana l’evento in programma dal 22 al 26 giugno 2022, presieduto dal Papa. Sarà l’atto conclusivo dell’Anno pastorale Amoris laetitia. Nei nove mesi preparatori al via numerosi progetti solidali alla periferia della Capitale.

Leggi tutto

Chiesa

Cei: meno seminaristi

I dati di un rapporto della Conferenza episcopale italiana svelano che in soli dieci anni la flessione vocazionale ha toccato quota 28%: in cinquant’anni i seminaristi sono più che dimezzati.

Leggi tutto

La Croce Quotidiano, C.F. P.IVA 12050921001

© 2014-2022 La Croce Quotidiano