Politica

di Marko Rus

Torino, primo grande Comune in Italia“ Amico della Famiglia”.

Abbonati agli albi cartacei de La Croce e all’archivio storico del quotidiano

Ho letto con molto interesse il breve articolo pubblicato ieri, con il succinto commento della vice sindaca Michela Favaro e della capogruppo Nadia Conticelli del PD, che specifica che si “agirà in tutti i settori, come biblioteche, scuole e asili nido, ma anche sui servizi pubblici come teatri, cinema e musei offrendo magari voucher per gruppi famigliari” Le iniziative “saranno aperte a tutti i tipi di famiglie comprese quelle uniparentali, adottive, affidatarie, e omogenitoriali.

Quale candidato alle elezioni amministrative dello scorso mese di ottobre, ho partecipato al gruppo di lavoro del Popolo della Famiglia che ha discusso e preparato il programma del partito. Tale programma è stato pubblicato in sei
articoli su “Torino Oggi” e riprodotto su vari profili delle reti sociali. Le assenze di alcune attività di fondo dal programma descritto mi hanno lasciato interdetto.
Elenco qui alcune delle priorità che vedo mancanti dal programma enunciato, con la speranza che vengano prese in considerazione, almeno come proposte dei partiti di opposizione:

- l’amministrazione deve promuovere la natalità, attraverso un congruo
reddito di maternità e sgravi fiscali
- le giovani coppie hanno bisogno di adeguati supporti finanziari per formare una famiglia, come per l’acquisto di un appartamento, degli arredi, ecc.
- il comune deve dare adeguati supporti finanziari alle imprese famigliari, agli artigiani e professionisti, in particolare per ridurre gli effetti della pandemia
- il comune deve provvedere adeguati fondi per le scuole paritarie e iniziative di scuole parentali
- devono essere previsti fondi adeguati per combattere le dipendenze, specialmente fra i giovani, da alcol, sesso, droga e gioco d’azzardo, e per il recupero da esse
- manca la promozione di attività sportive per bambini e ragazzi nonché voucher o biglietti gratis per trasporti pubblici
- infine, il breve articolo non fa il minimo accenno ai sussidi necessari alle case di riposo per anziani, un gruppo sociale in crescita a Torino, e di sussidi necessari alle famiglie per la loro cura a casa.

Infine, reitero due concetti di fondo: la famiglia è composta da madre e padre. I bambini e ragazzi hanno bisogno di una figura femminile e di una maschile per crescere equilibrati. Le autorità devono proibire formalmente la propagazione nelle scuole e istituti pubblici della teoria del gender, che è falsa, non ha fondamento scientifico e mira alla distruzione della famiglia.

Abbonati agli albi cartacei de La Croce e all’archivio storico del quotidiano

25/02/2022
2711/2022
San Virgilio

Voglio la
Mamma

Vai alla sezione

Politica

Vai alla sezione

Articoli correlati

Politica

La riforma della scuola è legge, ora un milione di sentinelle

Il gender entra in classe, la risposta deve essere dei genitori, lo strumento è quello del “consenso informato”: no alla colonizzazione ideologica, giù le mani dai nostri figli

Leggi tutto

Media

La presenza politica dei cattolici secondo Torriero

Dopo avere ascoltato, ascoltato e ancora ascoltato Fabio Torriero, sento confermati i pensieri nati in questi mesi di attività politica con il Popolo della Famiglia. Ciascuno di noi, come cattolico e come cittadino, ha il dovere di attivarsi nella polis, a favore della comunità, per il bene comune, secondo le proprie possibilità, i propri talenti, i propri impegni. Ma deve farlo. Non c’è più tempo. Il nostro disimpegno ha creato un vuoto che altri hanno riempito, attraverso l’imposizione di una nuova antropologia. Si può, si deve coniugare preghiera ed azione: la prima sia carburante per le nostre mani, le nostre gambe, la nostra mente. Ma, perché l’impegno dei cattolici in politica si traduca in attività proficue ed efficaci, non si può prescindere da una formazione strutturata, organizzata, che coinvolga tutto il Popolo della Famiglia. È importante comunicare bene agli altri - cattolici e non - perché siamo nati, in che direzione andiamo e quali sono le nostre battaglie.

Leggi tutto

Politica

Le polemiche inutili

Chi ha spacciato dati diversi non ha calcolato i voti ottenuti da tutte le 19 liste, ha compiuto errori banali come conteggiare le percentuali sui votanti e non sui voti validi, ha voluto deliberatamente chiudere gli occhi su dati che hanno del miracoloso, preferendo sviluppare le odiose polemiche inutili di soggetti che possono sfogarsi solo su Facebook o sui blog. Chi ha osato criticare il fatto che calcolassimo la percentuale solo considerando i comuni in cui ci siamo presentati, poi, ha toccato vette in cui la polemica inutile sconfina nel delirio da rabbia incipiente.
E veniamo alla questione politica. Perché siamo noi il quarto polo? Semplice: perché noi ci siamo. Sa dirmi l’augusto collega dell’Espresso quanti voti in una città chiave come Verona ha preso Alternativa Popolare di Alfano e Lupi o Energie per l’Italia di Stefano Parisi? Mi dice ad Avola o a Conegliano quanti consensi ha raccolto Idea di Quagliariello e Roccella? Siamo il quarto polo per assenza di competitori. Siamo tanti, prendiamo molti voti e pazientemente sopportiamo le polemiche inutili. Meno riusciamo a sopportare la fabbrica di veleni di cui è sempre capace l’Espresso, che quando il Circo Massimo lo riempiamo noi scrive che la capienza è trentamila, quando lo riempie Sergio Cofferati sono tre milioni.

Leggi tutto

Chiesa

Padre Arsenio beato a Milano

«Tu vuoi morire da santo? – si chiedeva il giovane sacerdote, entrato già prete nella Compagnia di Gesù – Ebbene, vivi da santo. Fa’ da santo secondoil tuo stato di religioso. Sii santo negli sguardi, santo nei discorsi, santo nell’udito, nel tratto, nel gusto, nel tatto. In breve, sii perfetto nell’uso dei tuoi sensi. Santo nell’obbedienza, e allora, certo, morirai da santo».

Leggi tutto

Politica

Come Ponzio Pilato

I giudici costituzionali hanno solo pavidamente dato un calcio alla palla facendola rotolare in tribuna. Davvero sembra incredibile che di fronte a una domanda semplice (”è incostituzionale l’articolo 580 del codice penale?”) non si sia proceduto con l’ovvia sentenza di rigetto dell’istanza. Ora il presidio, evidentemente, diventa politico.

Leggi tutto

Storie

“Noi”: storia di una chiesa domestica

Leggi tutto

La Croce Quotidiano, C.F. P.IVA 12050921001

© 2014-2022 La Croce Quotidiano