Società

di Roberto Signori

A Carnevale ogni aumento vale

Abbonati agli albi cartacei de La Croce e all’archivio storico del quotidiano

La guerra fra Russia ed Ucraina e gli effetti economici della stessa sul Carnevale sono ben chiari. Infatti gli alimenti tipici del periodo, soprattutto i dolci, sono in aumento e in vista del Martedì Grasso del 2022 gli italiani hanno speso molto di meno e lavorato molto di più sui tavoli di casa. Perché? Perché in tema di frappe, bugie e crostoli la Coldiretti ha stimato rincari fino al 20% che hanno generato un ritorno “obbligato” per molti italiani ai prodotti fatti in casa invece che comprati nelle pasticcerie.

Colpa dell’aumento dei prezzi del grano e dei derivati cosiddetti “aridi” a sua volta incentivato dalla difficile e tragica situazione geopolitica ad est, con i rincari a loro volta incrementati dal costo maggiorato dell’energia. Insomma, recuperare le ricette regionali non è più solo un vezzo da gourmet, ma una necessità da bilancio familiare in rosso. Non è un caso che molte ricette tradizionali la facciano da padrone nei mercati degli agricoltori di Campagna Amica. Ma di quanto è aumentato il grano? Le quotazioni in chiusura del mercato future di Chicago, la “mecca economica” mondiale del prodotto, sono arrivate a ben 8,59 dollari per bushel, il massimo da oltre 13 anni. Cos’è il bushel? Si tratta dell’unità di misura anglosassone, corrispondente al nostro “staio”, da 32 o 36 litri.

L’Italia ha un problema enorme, quale? Dato che in agricoltura da noi non si investe da decenni, il nostro paese importa il 64% del grano e perfino zucchero e grassi. E i costi energetici di cottura sono la croce finale che porta il prezzo finale a lievitare in maniera esponenziale. Di quanto per la precisione? Coldiretti dice in oscillazione fra i 20 ed i 40 euro al chilo per l’acquisto al forno o in pasticceria. Ecco perché ci sono in lista per questo Carnevale che si appresta a finire dolci ed alimenti tipici che sono tornati ad essere cimento domestico e non più acquisto esterno. E quali sono? Ecco una piccola panoramica indicativa esposta da Coldiretti: zuccherini in Toscana, cicerchiata in Abruzzo, aciuleddi in Sardegna, crema fritta in Veneto, lasagnette in Emilia Romagna, bugie in Liguria, taralli in Basilicata, sanguinaccio e struffoli in Campania, crostoli in Friuli, frappe e cacamariti nel Lazio, pignolata in bianco e nero in Sicilia e grostoli in Trentino, torettli in Lombardia e scroccafusi nelle Marche.

Abbonati agli albi cartacei de La Croce e all’archivio storico del quotidiano

28/02/2022
0210/2022
Ss. Angeli Custodi

Voglio la
Mamma

Vai alla sezione

Politica

Vai alla sezione

Articoli correlati

Politica

Il mondo che verrà

Che triste vita che preparano per chi verrà. Al concepimento subito ti mettono un revolver in testa e ti dicono: “Spara”. Hanno deciso la roulette russa negando il diritto alla vita a un bambino su 6. Se riesci a nascere hai fatto già incazzare gli ambientalisti, secondo i quali dovremmo essere sempre di meno e ogni nuova maternità avvelena la Terra, come pure i bioeticisti alla Peter Singer (Università di Princeton) che scruteranno bene che tu non abbia difetti fisici altrimenti sono pronti a sopprimerti anche post partum “ma entro due settimane dalla nascita altrimenti i genitori si affezionano pure ai figli difettati”

Leggi tutto

Politica

Il popolo della famiglia cresce in nome dei valori e del radicamento

“Auguriamo buon lavoro al Popolo della Famiglia e i suoi dirigenti, insieme stiamo facendo un grande lavoro che ci porterà a grandi soddisfazioni, in città come in provincia - così saluta il consigliere comunale Bianca D’Angelo (Napoli Capitale - Popolo della Famiglia) le due nomine fatte dal partito.”

Leggi tutto

Politica

PdF Marche: un Reddito di Maternità di 300 euro al mese

La nota del PDF Marche riguardante la richiesta di sostegno per famiglia e genitorialità presentata in Regione Marche.

Leggi tutto

Chiesa

“L’amore familiare: vocazione e via di santità”

Presentato il decimo Incontro Mondiale delle Famiglie che si svolgerà a Roma dal 22 al 26 giugno. Dopo il festival di apertura in Aula Paolo VI e i tre giorni di congresso, il sabato la celebrazione della Messa con il Papa in Piazza San Pietro.

Leggi tutto

Società

Povertà per le famiglie libanesi

Ecco alcuni dati emersi: l’84% delle famiglie non aveva abbastanza denaro per coprire le necessità; il 38% delle famiglie ha ridotto le spese per l’istruzione, rispetto al 26% dell’aprile 2021; il 60% ha ridotto le spese per le cure sanitarie, rispetto al 42% dell’aprile 2021; il 70% delle famiglie è costretto a chiedere un prestito per il cibo o ad acquistare alimenti a credito; il 36% delle persone che si occupano dei bambini si sente meno tollerante nei loro confronti e li tratta con maggiore severità.

Leggi tutto

Chiesa

Libero Stato in libera Chiesa

Pare che il tema sia questo: i giorni che ci separano dal 30 e dalla manifestazione di uno smisurato orgoglio popolare, forte e tenero come mamma e papà per i loro bambini, saranno minati da una capillare campagna di delegittimazione (di chi di quel popolo si è ritrovato ad essere voce e parola) e da un parallelo tentativo di addomesticare il cuore indomito di quella piazza. Soltanto tra una settimana si potrà sapere chi avrà vinto, o se avranno perso tutti.

Leggi tutto

La Croce Quotidiano, C.F. P.IVA 12050921001

© 2014-2022 La Croce Quotidiano