Politica

di Roberto Signori

Guerra Russia-Ucraina: il 77% dei giapponesi teme l’invasione cinese di Taiwan

Abbonati agli albi cartacei de La Croce e all’archivio storico del quotidiano

L’invasione russa dell’Ucraina preoccupa i giapponesi: per il 77% vi è il rischio di uso analogo della forza di Pechino verso Taiwan. Il sondaggio di Nikkei Inc. e TV Tokyo mostra che il dato sale all’83% fra i 40 e i 50enni. Sulla risposta di Tokyo, il 61% vuole l’inasprimento delle sanzioni contro Mosca che oggi incontra in Bielorussia delegati di Kiev per negoziati di cruciale importanza.

A tal proposito l’ex primo ministro del Giappone Shinzo Abe ha sollecitato gli Stati Uniti ad abbandonare definitivamente la dottrina della cosiddetta “ambiguità strategica” nei confronti di Taiwan, e a chiarire che interverrebbero a difesa dell’Isola nell’eventualità di una invasione da parte della Cina. “Gli Stati Uniti adottano una strategia di ambiguità, vale a dire che potrebbero o meno intervenire militarmente nel caso Taiwan sia attaccata”, ha dichiarato l’ex premier oggi, 28 febbraio, durante un programma di approfondimento dell’emittente televisiva “Fuji Tv”. “E’ tempo di abbandonare questa strategia. La gente di Taiwan condivide i nostri valori universali, perciò ritengo che gli Stati Uniti dovrebbero assumere una posizione netta. Abe ha avvertito che “una crisi a Taiwan sarebbe una crisi per il Giappone”, ed ha ricordato che l’isola di Yonaguni – il più occidentale tra i territori abitati del Giappone – dista da Taiwan appena 110 chilometri. Secondo l’ex premier, nel caso la Cina decidesse di sferrare una offensiva contro Taiwan, punterebbe per prima cosa a stabilire “la superiorità aerea e navale” attorno all’isola.

Abbonati agli albi cartacei de La Croce e all’archivio storico del quotidiano

01/03/2022
2909/2022
Ss. Michele, Gabriele e Raffaele arcangeli

Voglio la
Mamma

Vai alla sezione

Politica

Vai alla sezione

Articoli correlati

Media

Mark Zuckerberg “chiede scusa” al Congresso

«Ci avevano detto che avevano cancellato i nostri dati – ha dichiarato “Mr. Facebook” nella due giorni di interrogatorio davanti alle massime istituzioni
civili Usa –: abbiamo senz’altro fatto male a fidarci e a non controllare». Le spalle al muro sull’aborto e poi l’elusività: «Ci vorranno anni per sistemare le cose»

Leggi tutto

Politica

lL proposta di De Carli (PdF): “Un intergruppo comunale Italia-Cine libere”

In tanti, troppi, si riempiono la bocca con i diritti civili. E di quelli violati nelle c.d. “Cine libere” nessuno ne parla. Noi non voltiamo le spalle e proponiamo un intergruppo #PopolodellaFamiglia #taiwan

Leggi tutto

Chiesa

Papa Francesco e la giornata di digiuno per l’Ucraina

“La Regina della Pace preservi il mondo dalla follia della guerra”: è l’invocazione accorata del Papa al termine dell’udienza generale in cui chiama a raccolta soprattutto i credenti perché dedichino la prima giornata di Quaresima al raccoglimento per il Paese europe

Leggi tutto

Società

Ucraina - I frati francescani: “La grazia di Dio ha salvato la città”

“Attualmente la città di Konotop è sotto assedio e a tutti gli ingressi ci sono posti di blocco russi che vietano ai civili di lasciare la città e non consentono la consegna di cibo e medicine. Pertanto, a causa di queste privazioni, c’è una grande carenza di carburante, medicinali e generi alimentari

Leggi tutto

Storie

Vicini all’Ucraina, lontani dal prossimo

Sotto gli occhi di tutti Mariek era morto da 48 ore. Ma ci s’imbarca verso Kiev per i profughi.

Leggi tutto

Storie

Ucraina - Kiev, saccheggiato il seminario

Bombardato due volte dall’inizio della guerra, il seminario cattolico di Vorzel è stato oggetto di una razzia. Portato via di tutto: dalle pentole al calice con cui Giovanni Paolo II celebrò la Messa nel 2001 in Ucraina. Padre Ruslan Mykhalkiv: “Penso che siamo stati derubati anche da gente che vive in zona. Hanno fame ed è tutto chiuso, qui c’era cibo e si sono sfamati. Questo è giusto, il resto no”

Leggi tutto

La Croce Quotidiano, C.F. P.IVA 12050921001

© 2014-2022 La Croce Quotidiano