Politica

di Raffaele Dicembrino

Papa Francesco: è tempo di fraternità

Abbonati agli albi cartacei de La Croce e all’archivio storico del quotidiano

Una visita indimenticabile: definisce così Francesco il suo viaggio apostolico in Iraq un anno fa, ed esterna emozione e gioia parlando stamani ai rappresentanti delle diverse Chiese cristiane del Paese incontrati nella Biblioteca del Palazzo Apostolico. Il Papa ricorda che le terre irachene sono terre assai significative, perché quelle degli “inizi delle antiche civiltà del Medio Oriente” e della storia della salvezza, “degli inizi cristiani” e delle prime missioni e anche “terre di esuli” - come gli ebrei - o dalle quali molti cristiani sono stati costretti all’esilio a causa di persecuzioni e guerre “che si sono succedute fino ai nostri giorni”.

Le vostre comunità appartengono alla storia più antica dell’Iraq e hanno conosciuto momenti veramente tragici, ma hanno offerto coraggiose testimonianze di fedeltà al Vangelo. Di questo ringrazio Dio ed esprimo a voi la mia riconoscenza. Mi inchino davanti alla sofferenza e al martirio di coloro che hanno custodito la fede anche a prezzo della vita.

L’auspicio di Francesco è che il sangue “di questi numerosi martiri del nostro tempo, appartenenti a diverse tradizioni”, come quello di Cristo che ha fatto fiorire la Chiesa, possa essere “seme di unità tra i cristiani e segno di una nuova primavera della fede”. Il Papa descrive poi “le relazioni fraterne” che esistono oggi fra le Chiese irachene, i “molteplici legami di collaborazione nel campo della pastorale” e “della formazione al servizio ai più poveri” e la radicata comunione tra i cristiani, incoraggia a proseguire su questa strada, con iniziative concrete e il dialogo costante e aggiunge:

Desidero affermare ancora una volta che non è possibile immaginare l’Iraq senza i cristiani. Questa convinzione non si basa solo su un fondamento religioso, ma su evidenze sociali e culturali. L’Iraq senza cristiani non sarebbe più l’Iraq, perché i cristiani insieme agli altri credenti contribuiscono fortemente all’identità specifica del Paese, un luogo in cui la convivenza, la tolleranza, l’accettazione reciproca, sono fiorite fin dai primi secoli, un luogo che ha la vocazione di mostrare il Medio Oriente nel mondo la pacifica convivialità delle differenze.
Per tale motivo, per il Pontefice, nulla “deve essere lasciato intentato affinché i cristiani continuino a sentire che l’Iraq è casa loro e che sono cittadini a pieno titolo chiamati a dare il loro contributo alla terra dove hanno sempre vissuto”. Da qui l’invito ai pastori del popolo di Dio, ad essere “sempre dediti e solerti ad assistere e confortare” i fedeli, ad essere loro vicini e a testimoniare con l’esempio e “la condotta di vita evangelica la prossimità e la tenerezza di Gesù, buon pastore”.
Ma ci sono pure le relazioni con le altre religioni da curare, e ai cristiani dell’Iraq, che dai tempi apostolici vivono fianco a fianco con differenti fedi, Francesco chiede impegno “affinché le religioni siano a servizio della fraternità”, offrano un prezioso apporto per costruirla e difendano, inoltre, la giustizia nella società.

Voi sapete bene che il dialogo interreligioso non è questione di pura cortesia. No. Va oltre. Non è questione di negoziazione o di diplomazia. No. Va oltre. È un cammino di fratellanza proteso alla pace, un cammino spesso faticoso, ma che specialmente in questi tempi Dio chiede e benedice. È un percorso che ha bisogno di pazienza e comprensione, ma ci fa crescere come cristiani perché richiede l’apertura del cuore e l’impegno ad essere concretamente operatori di pace. Porsi in dialogo è anche il miglior antidoto all’estremismo che è un pericolo per ogni aderente ad ogni religione e una grave minaccia alla pace.

Perché forme di estremismo sono anche il clericalismo e la rigidità, dice il Papa, che esorta a “lavorare per sradicare le cause remote dei fondamentalismi di questi estremismi che attecchiscono più facilmente in contesti di povertà materiale, culturale ed educativa e vengono alimentati da situazioni di ingiustizia e di precarietà come quelli lasciati dalle guerre”.
E sono tante, osserva il Pontefice, quelle che ha vissuto l’Iraq, così come le “nefaste interferenze” che lo hanno colpito. Ora il Paese “ha bisogno di uno sviluppo autonomo e coeso”, rileva Francesco, “senza che, come troppe volte è tristemente accaduto, venga danneggiato da interessi esterni”, perché “ha la propria dignità, la propria libertà e non può essere ridotto a un campo di guerra”.
Infine il Papa confida di avere a cuore i cristiani dell’Iraq incoraggiandoli ancora ad andare avanti, e “mentre tanti a vari livelli minacciano la pace” invita a non distogliere “lo sguardo da Gesù, Principe della pace”, a non stancarsi “di invocare il Suo spirito, artefice di unità” e di chiedere “alla Santissima Trinità, modello della vera unità”, di rafforzare la comunione tra le Chiese, per “corrispondere all’accorato desiderio del Signore che i suoi discepoli siano una sola cosa”.

Abbonati agli albi cartacei de La Croce e all’archivio storico del quotidiano

01/03/2022
0812/2022
Immacolata Concezione della Beata Vergine Maria

Voglio la
Mamma

Vai alla sezione

Politica

Vai alla sezione

Articoli correlati

Politica

Cattolici ed evangelici uniti nella difesa della vita

Mi dispiace che in Italia nessuno ha capito il vero danno che avrebbe procurato Hillary Clinton all’umanità, espandendo la cultura della morte, l’ideologia di Obama, e la promessa di estirpare i dogma della chiesa Cattolica. Era difficile se non, raro di trovare un Italiano che non faceva il tifo per Hillary, sacerdoti inclusi. Mi rallegro nel pensare che il manto della Madonna di Medjugorje ha protetto i neonati. Lei e stata fedele al popolo Cattolico degli Stati Uniti che l’ha interpellata con tantissimi rosari, messe, e “all night vigils” davanti alle cliniche di Planned Parenthood, i centri più grandi dell’aborto, che poche settimane fa’ Obama, per tutelare la sua “legacy” ha voluto finanziare permanentemente con i fondi federali.

Leggi tutto

Chiesa

I Vescovi di Francia contro eutanasia e suicidio assistito

I 118 presuli d’Oltralpe vergano un importante documento contro le derive mortifere di una politica radicale di massa. Un testo luminoso e ragionevole. Quali che siano le nostre convinzioni, il fine vita è una tempo che vivremo tutti e un’inquietudine che condividiamo. Ciascuno deve quindi potervi riflettere il più serenamente possibile, schivando gli scogli delle passioni e delle pressioni.

Leggi tutto

Politica

Il Popolo della Famiglia all’alba del neo-bipolarismo

Dopo aver perso contro Salvini per averlo attaccato dal fronte piddino, ora la Chiesa sembra soppesare l’opportunità di provare a influenzarlo (e potrebbe essere un ulteriore errore). Peccato, perché il momento sarebbe propizio per la nascita di un vero nuovo bipolarismo: i fattori paiono esserci.

Leggi tutto

Chiesa

Papa Francesco ai giovani slovacchi: “ribellatevi alla cultura del provvisorio”

Nell’ultimo appuntamento del terzo giorno di viaggio Francesco ha esortato le nuove generazioni a non lasciarsi omologare. Intensa la catechesi sulla confessione: non dimenticate che il centro non sono i peccati ma il Padre che perdona e così diventerà “il Sacramento della gioia”.

Leggi tutto

Società

Vaticano, Vaccino obbligatorio per le Guardie Svizzere

Dal 1 ottobre in Vaticano per i dipendenti è divenuto obbligatorio il Green pass, mentre per le Guardie svizzere, che sono sempre a stretto contatto con il Papa e i suoi ospiti, si è scelta la strada del vaccino obbligatorio. E dei sei alabardieri No vax, tre hanno deciso di “lasciare liberamente” il servizio, mentre altri tre, che hanno accettato il vaccino, sono stati sospesi fino a quando non avranno completato il ciclo vaccinale.

Leggi tutto

Politica

Morawiecki “Non accettiamo ricatti dall’Ue”

“Per la prima volta in assoluto un tribunale di uno Stato membro rileva l’incompatibilità dei Trattati europei con la Costituzione nazionale. E questo ha gravi conseguenze per il popolo polacco perchè la decisione ha un impatto diretto sulla protezione e l’indipendenza della magistratura”. Lo ha detto la presidente della Commissione europea, Ursula Von der Leyen, nel suo intervento al Parlamento europeo, riunito in plenaria a Strasburgo, sullo Stato di diritto in Polonia.

Leggi tutto

La Croce Quotidiano, C.F. P.IVA 12050921001

© 2014-2022 La Croce Quotidiano