Politica

di la redazione

PDF al rettore: “Il gender non esiste, ritiri il Gep”

Abbonati agli albi cartacei de La Croce e all’archivio storico del quotidiano

Ci colpisce il fatto che anche ai vertici di quella che dovrebbe essere una culla del sapere, come l’Università di Pisa, non si voglia prendere atto ideologicamente che non esiste nessun ‘gender’, ma solo i due sessi, maschile e femminile”. Lo affermano in una lettera aperta al rettore dell’ateneo pisano, Paolo Mancarella, i referenti di Pisa e Firenze del Popolo della famiglia, Maria Cristina Tanzi e Pier Luigi Tossani, commentando la recente adozione del Gender equality plan da parte dell’ateneo pisano e sottolineando “che, casomai, si dovrebbe parlare di pari opportunità tra i due sessi e non di gender, dissentiamo pertanto severamente, da cittadini e da contribuenti, dagli investimenti spropositati, in risorse umane e finanziarie, che si vanno a fare nell’errata promozione di questa ideologia”. Il Gender equality plan dell’Università di Pisa si articola su cinque aree tematiche: equilibrio tra lavoro e vita privata e cultura organizzativa; equilibrio di genere nella leadership e nel processo decisionale; parità di genere nel reclutamento e nella progressione di carriera; integrazione della dimensione di genere nei contenuti della ricerca e dell’insegnamento; misure contro la violenza di genere, comprese le molestie sessuali. Secondo Popolo della famiglia le teorie gender anziché “mettere pace tra l’uomo e la donna, fanno esattamente il contrario, creano un recinto falsamente protettivo per il sesso femminile, tipo quote rosa, che a sua volta suona come una valutazione di diminutio delle capacità della donna, e prospetta ideologicamente un’astratta uguaglianza fra i due sessi, in luogo della naturale complementarietà, anche nel ruolo che ciascuno dei due assume nella società”. “E’ evidente che tutto quanto sopra destabilizza profondamente l’umano, attua la demolizione delle basi antropologiche della nostra civiltà e va a conseguire l’esito finale della degradazione dei rapporti umani e sociali, nonché del collasso dello Stato”.

Abbonati agli albi cartacei de La Croce e all’archivio storico del quotidiano

02/03/2022
2811/2022
San Giacomo della Marca

Voglio la
Mamma

Vai alla sezione

Politica

Vai alla sezione

Articoli correlati

Società

Contro l’ideologia gender a scuola, 7 pratici consigli ai genitori

Sta per cominciare l’anno scolastico, piccola guida operativa e concreta per difendere i nostri figli

Leggi tutto

Società

Il fallimento delle unioni civili

Credo che i Family Day abbiano ottenuto concretamente lo stralcio della stepchild adoption, lo stop alla legalizzazione di fatto dell’utero in affitto e abbiano anche reso evidente la presenza di un popolo pronto a dare battaglia politicamente, cosa che si è verificata poi con la nascita del Popolo della Famiglia. Le manifestazioni Lgbt hanno portato a casa una brutta legge che non piace neanche a chi si è battuto per averla, peraltro con una mancanza di soggettività politica reale. Sbaglierò ma vedo il mondo Lgbt frastagliato in mille sigle e siglette tra loro anche in conflitto aspro. Esiste poi una dimensione lobbistica in cui invece credo che siete un passo avanti a noi.

Leggi tutto

Politica

Verdini butta la maschera: «Sono io il regista di tutto»

L’ex braccio destro di Berlusconi rivendica come proprio merito anche le unioni civili

Leggi tutto

Politica

PERCHE’ IL PDF RIPARTE DA CAMALDOLI

Tre quarti di secolo fa, in un tempo davvero davvero difficile e se leggete le date seriamente coraggioso, cioè dal 18 al 24 luglio 1943, un gruppo di intellettuali (laici e religiosi) cattolici si riunì, presso il monastero benedettino di Camaldoli, sotto la guida di mons. Adriano Bernareggi, assistente ecclesiastico dei laureati dell’Azione Cattolica, con l’intento di confrontarsi e riflettere sulla dottrina sociale della Chiesa e sui problemi della società, sui rapporti tra individuo e stato, tra bene comune e libertà individuale.

Leggi tutto

Politica

Le leggi formano il costume

Quando si propone una norma va valutata anche dal punto di vista etico anche se questo aggettivo sembra non piacere più a nessuno, ma chi ritiene di far premio su una visione cristiana della vita la scorciatoia dell’amoralità non può permettersela.

Leggi tutto

Politica

La crescita passa dalla nascita di figli

Investire sulla maternità è definito da alcuni un provvedimento assistenzialistico e retrogrado, oppure una boutade per raccogliere voti centristi. Sono invece i conti a dimostrare che solo il ricambio generazionale può mantenere e incrementare la ricchezza di un popolo. I numeri dell’aborto in Italia rendono anche conto del plurimiliardario buco nel nostro bilancio statale. Serve invertire la rotta.

Leggi tutto

La Croce Quotidiano, C.F. P.IVA 12050921001

© 2014-2022 La Croce Quotidiano