Politica

di Raffaele Dicembrino

Putin ha ragione: ecco il documento che imbarazza la NATO

Abbonati agli albi cartacei de La Croce e all’archivio storico del quotidiano

«Abbiamo promesso ufficialmente all’Unione sovietica nei colloqui 2+4, così come in altri contatti bilaterali tra Washington e Mosca, che non intendiamo sfruttare sul piano strategico il ritiro delle truppe sovietiche dall’Europa centro-orientale e che la NATO non dovrà espandersi al di là dei confini della nuova Germania né formalmente né informalmente». Se Gorbaciov avesse fornito il suo ok alla riunificazione tedesca all’interno della NATO, l’Occidente avrebbe mirato a stabilire un’architettura di sicurezza che tenesse conto degli interessi di Mosca.

Ma la parola data ha un senso nella società odierna? Per NOI si ma per molti altri non sembra essere così!

«Vladimir Putin ha ragione?» Il settimanale tedesco Der Spiegel interviene a gamba tesa sul botta e risposta a distanza tra il presidente russo e il segretario generale della NATO Jens Stoltenberg con uno scoop che sembra smentire la tesi dell’Alleanza secondo la quale, dopo la caduta del Muro di Berlino, mai sono state fatte promesse all’allora URSS sul fatto che la NATO non si sarebbe espansa a est. Affermazioni che Mosca ha rimandato al mittente dicendosi «imbrogliata e ingannata».

La lunga ricostruzione storica dei negoziati che accompagnarono la fine della Guerra fredda e che darebbe ragione a Mosca, ripresa dall’americano «Zerohedge» e da «Italia Oggi» in edicola domani, parte da una serie di verbali desecretati nel 2017 secondo i quali il leader sovietico Mikhail Gorbaciov ricevette una serie di assicurazioni che l’Alleanza non si sarebbe espansa oltre quello che allora era il confine della Germania orientale.

Tra i documenti, scovati nei British National Archives di Londra dal politologo americano Josh Shifrinson, ce n’è uno in particolare datato 6 marzo 1991 che riferisce dei colloqui tra funzionari statunitensi, francesi, britannici e tedeschi sull’impegno a non espandersi in Polonia e oltre. Il documento contiene molteplici riferimenti ai colloqui «2+4» sull’unificazione tedesca, con espliciti riferimenti al fatto che che la NATO non si sarebbe espansa a est.

«Abbiamo promesso ufficialmente all’Unione sovietica nei colloqui 2+4, così come in altri contatti bilaterali tra Washington e Mosca, che non intendiamo sfruttare sul piano strategico il ritiro delle truppe sovietiche dall’Europa centro-orientale e che la NATO non dovrà espandersi al di là dei confini della nuova Germania né formalmente né informalmente», si legge nel documento riportato da Der Spiegel che cita l’assistente segretario di Stato USA per l’Europa e il Canada, Raymond Seitz. Una posizione ribadita nella stessa occasione dal diplomatico della Germania occidentale Juergen Hrobog: «Avevamo chiarito durante i negoziati 2+4 che non avremmo esteso la NATO oltre l’Elba» e «non potevamo quindi offrire alla Polonia e ad altri l’adesione alla NATO». Raymond Seitz

Il settimanale tedesco dà conto inoltre di un’iniziativa portata avanti separatamente ma di concerto nel febbraio 1990 dal ministro degli Esteri tedesco Hans-Dietrich Genscher e dal segretario di Stato americano James Baker verso Mosca. Genscher assicurò al Cremlino: «Per noi è una certezza che la NATO non si espanderà a est». Baker offrì «garanzie ferree che la giurisdizione o le forze della NATO non si sarebbero spostate verso est». Il messaggio era chiaro.

Se Gorbaciov avesse fornito il suo ok alla riunificazione tedesca all’interno della NATO, l’Occidente avrebbe mirato a stabilire un’architettura di sicurezza che tenesse conto degli interessi di Mosca. In seguito sia Genscher sia Baker hanno minimizzato o fatto ricostruzioni, nella migliore delle ipotesi, ambigue. Comunque, da allora, Polonia, Ungheria, Repubblica Ceca, Lituania, Lettonia ed Estonia sono entrate nell’Alleanza.

FONTE: https://www.cdt.ch/mondo/putin-ha-ragione-la-nato-aveva-promesso-di-non-espandersi-AE5215020?refresh=true

Abbonati agli albi cartacei de La Croce e all’archivio storico del quotidiano

02/03/2022
1808/2023
Santa Elena

Voglio la
Mamma

Vai alla sezione

Politica

Vai alla sezione

Articoli correlati

Storie

Gallagher ricorda l’11 Settembre 2001

Nell’anniversario degli attentati alle Torri Gemelle e al Pentagono dell’11 settembre, il segretario vaticano per i Rapporti con gli Stati si esprime sul terrorismo di matrice religiosa: oltre a spezzare il flusso di armi e denaro, è necessario educare alla fraternità.

Leggi tutto

Società

Usa la pillola per abortire arriva via posta

il ricorso alla pillola diventerà sempre più accessibile per quelle donne che non potranno affrontare un viaggio dopo la decisione della Food and Drug Administration

Leggi tutto

Storie

UCRAINA - “Abbiamo bisogno soprattutto di pace oltre che di cibo”

“Qui la vita scorre senza panico, le fabbriche lavorano, il bombardamento dell’aeroporto non ha causato vittime, hanno colpito un vecchio magazzino in disuso, e nessuno sa il perché. Ormai ci siamo abituati a correre sottoterra nei rifugi”. Sono questi alcuni degli aggiornamenti riportati da padre Mikola Orach, OFM conv., a Leopoli.

Leggi tutto

Storie

Ucraina - Kiev, saccheggiato il seminario

Bombardato due volte dall’inizio della guerra, il seminario cattolico di Vorzel è stato oggetto di una razzia. Portato via di tutto: dalle pentole al calice con cui Giovanni Paolo II celebrò la Messa nel 2001 in Ucraina. Padre Ruslan Mykhalkiv: “Penso che siamo stati derubati anche da gente che vive in zona. Hanno fame ed è tutto chiuso, qui c’era cibo e si sono sfamati. Questo è giusto, il resto no”

Leggi tutto

Società

Il Parlamento russo contro il ‘satanismo Lgbt’

In discussione legge contro la “propaganda” delle relazioni sessuali “non tradizionali”. La Chiesa ortodossa vede la realtà Lgbt come “strumento di invasione dell’Occidente collettivo in una guerra ibrida contro la Russia”.

Leggi tutto

Storie

Yemen: armi britanniche e Usa nei raid sauditi

Un rapporto di Oxfam conferma l’uso di armamenti di produzione occidentale usate negli attacchi della coalizione araba a guida saudita. Un quarto dei 1.700 raid fra gennaio 2021 e febbraio 2022 hanno visto l’uso esclusivo di armi vendute da Londra e Washington. Uccisi 87 civili, altri 136 sono rimasti feriti

Leggi tutto

La Croce Quotidiano, C.F. P.IVA 12050921001

© 2014-2023 La Croce Quotidiano