Società

di la redazione

Giovani dove siete?

Abbonati agli albi cartacei de La Croce e all’archivio storico del quotidiano

Mentre i nostri fratelli e le nostre sorelle ucraini/e imbracciano un fucile per difendere la loro casa, la loro dignità dalla malvagità “satanica” del potere dittatoriale noi ci lamentiamo se non possiamo comprare l’ultimo cellulare di moda, se non riusciamo a raggiungere mille like su Facebook o su Instagram, se non facciamo “colpo” sulle persone o - peggio - rendiamo la vita difficile al prossimo. Ma la domanda è... giovani dove siete? Anzi dove siamo!

Siamo a lamentarci nei pub, nelle strade quanto ingiusta e ingrata è questa vita senza però muoverci, sacrificarci e scendere nelle piazze a far rispettare i veri valori della vita umana e non quelle “quattro chiacchiere da bar” che inseguono false mode e falsi dei come la droga, la violenza e l’indifferenza.

Ripeto… giovani dove siete? Perché non venite con noi?

Ah è vero perché il PdF non ha il 2% nelle statistiche politiche, perché Mario Adinolfi non organizzi festini, perché non ha rappresentanti al Governo che vengono pagati da noi senza far nulla pur di non lasciare la poltrona…

Forse anche perché si ha pura di urlare “W la Vita” e lottare contro l’aborto. Sapete che diceva Madre Teresa di Calcutta? Chi abortisce è capace a questo punto anche di uccidere perché lo sta già facendo.

Però è vero… i giovani a questo non pensano… si pensa ad altri. Quanti siamo siamo in Italia? Ecco appunto se solo potessimo potremmo dire la nostra.

Ecco il mio invito: alzate il culo e imbracciate l’arma del sorriso e del sacrificio, al posto della lamentela camminiamo per costruire il nostro presente per edificare un futuro massiccio per una classe dirigente degna e unità che possa sovrastare l’ipocrisia che regna maleficamente sovrana nel contesto sociale. Giovani il 10 marzo c’è un piccolo incontro online con altri ragazzi/e di cuore che vogliono costruire quel futuro, che vogliono dire la loro e che possano dimostrare che quel 2 % che qualche partito commenta possa diventare un domani un bel 10% per dire la nostra!

Io ci sono… e TU?

Il Coordinatore Provinciale Giovani Viterbo

Natali Fausto Maria

Abbonati agli albi cartacei de La Croce e all’archivio storico del quotidiano

02/03/2022
2801/2023
San Tommaso d'Aquino

Voglio la
Mamma

Vai alla sezione

Politica

Vai alla sezione

Articoli correlati

Storie

8 Marzo: ecco la vera storia!

Mentre davvero in molte parti del mondo (e anche in Occidente) le donne si vedono negati diritti essenziali del loro essere (primo fra tutti quello a non essere declassate se hanno figli e li educano in via esclusiva), qualche figlia di papà gioca a fare l’amazzone mentre ancora è qualcuno grazie a suo padre.

Leggi tutto

Società

Vecchie, nuove e nuovissime #dipendenze

L’Università Gregoriana ha ospitato un convegno organizzato dalla Fondazione Internazionale don Luigi Di Liegro e dedicato alle dipendenze che minano i percorsi battuti ogni giorno dai nostri ragazzi. Molti gli specialisti, nonché i testimoni (specialmente membri delle famiglie): queste ultime concordano nell’affermare che i percorsi di recupero sono efficaci quando i genitori del ragazzo agiscono insieme, di comune accordo.

Leggi tutto

Politica

NON È UN CASO, È IDEOLOGIA

Non è un caso che il ministro Azzolina stia deliberatamente agendo per escludere le scuole paritarie (in maggioranza cattoliche) dal sostegno che viene riconosciuto invece a qualsiasi altro settore in difficoltà e per questo la metà delle scuole cattoliche a settembre non riaprirà. Non è un caso che una circolare del ministero dell’Interno per giorni abbia obbligato i cattolici italiani a non poter entrare in una chiesa (da singoli, per dire una preghiera magari per un caro defunto) sé quella chiesa non si trovava “sul tragitto” verso un’altra attività considerata essenziale, tipo andare dal tabaccaio. Non è un caso che settori del governo abbiano provato a pretendere la chiusura totale delle chiese, a cui alcune diocesi s’erano persino acconciate prima che la voce ferma di Papa Francesco richiamasse tutti a riaprirle subito con tanto di camminata solitaria del Pontefice per andare a pregare davanti al crocifisso di San Marcello a via del Corso a Roma. Non è un caso che sia stata vietata ogni manifestazione pubblica “cum populo” di natura religiosa per la Pasqua. Non è un caso che si sia addirittura arrivati a vedere l’irruzione e il tentativo di interruzione di una messa da parte della forza pubblica. Non è un caso che nel corso della conferenza stampa Conte abbia accennato a contrasti che evidentemente ci sono stati anche in seno alla task force di Colao e al comitato scientifico sulla riapertura delle messe da lasciare “sine die”, evidentemente delle forze hanno agito con determinazione per ottenere questo obiettivo. Non è un caso, è ideologia.

Leggi tutto

Politica

Laura Terrana: candidarsi per essere cambiamento

Laura Terrana: perché candidarsi con il Popolo della Famiglia? Perché nonostante i nostri problemi, le nostre difficoltà, la nostra vita, il nostro lavoro, siamo un popolo che continua a fare esperienza di chiarezza in quanto in questa nostra realtà, dove non c’è più nulla, non c’è lealtà, non c’è passione, non c’è amore, non c’è addirittura: un padre e una madre. Ecco che bisogna essere forti e continuare la “buona battaglia”. Il Popolo della Famiglia porta avanti la buona politica, intesa come ricerca del bene comune, come capacità di interpretare e rappresentare i bisogni delle persone, di orientare il nostro Paese alla cultura della vita; l’importanza di sperare nel futuro; dare spazio alla “questione antropologica” perché la denatalità condanna gli italiani all’estinzione.

Leggi tutto

Politica

Curiosità sul G20

Vaccini, clima e salute al centro dell’agenda del capi di Stato. In programma oggi il meeting congiunto dei ministri delle Finanze e della Salute per fare il punto sui vaccini e sulla situazione pandemica.

Leggi tutto

Politica

“Signora Von der Leyen, stia calma… Dio esiste, ma non è lei!

“Signora, stia calma… Dio esiste, MA NON E’ LEI!…”

Leggi tutto

La Croce Quotidiano, C.F. P.IVA 12050921001

© 2014-2023 La Croce Quotidiano