Chiesa

di Nathan Algren

Via Crucis ogni venerdì nella Basilica di San Pietro

Abbonati agli albi cartacei de La Croce e all’archivio storico del quotidiano

La Via Crucis meditata fra le navate della Basilica di San Pietro. A proporla, nel contesto del tempo liturgico della Quaresima, la Fabbrica di San Pietro che invita i fedeli ogni venerdì, alle 16, dal 4 marzo all’8 aprile, a prendere parte ad un percorso suggestivo che avrà inizio sotto la statua della Veronica, alla sinistra del Baldacchino di San Pietro. Le 14 stazioni sono offerte dai Musei Vaticani che esporranno per la prima volta alla devozione popolare, all’interno di un edificio sacro, i quadri pittorici della “Passione di Cristo” realizzati dall’artista italiano Gaetano Previati (Ferrara 1852 – Lavagna 1920). Le opere d’arte resteranno in esposizione nella Basilica Vaticana fino al 20 aprile. L’eccezionale iniziativa artistica e spirituale è stata resa possibile grazie alla collaborazione tra la Fabbrica di San Pietro e i Musei Vaticani.

Previati aveva realizzato “la Passione” per favorire la preghiera attraverso l’arte. A 120 anni dalla realizzazione dell’opera, la Basilica San Pietro offre ora questa possibilità. Grazie ad un accurato e attento restauro ad opera dei Musei Vaticani, sono state riportate alla luce le immagini e i vividi colori con cui è “raccontato al vivo Cristo Gesù crocifisso”. La sequenza dei quadri pittorici della Via Crucis di Previati, custodita dai Musei del Papa, sottolinea il tema del dolore e della Passione di Cristo non solo grazie alla imponente, tragica e monumentale figura del Salvatore, ma anche al ritmo cromatico incalzante e alla parabola luministica che coinvolge la successione delle immagini a partire dal primo riquadro sino all’oscurità dell’ultimo, nel quale si compie la Passione di Cristo.

Abbonati agli albi cartacei de La Croce e all’archivio storico del quotidiano

03/03/2022
0412/2022
S.Giovanni Damasceno

Voglio la
Mamma

Vai alla sezione

Politica

Vai alla sezione

Articoli correlati

Politica

Dieci faq per i militanti del Popolo della Famiglia

Ora che le liste sono state consegnate e accolte in tutti i 97 collegi del Paese, comincia la parte più faticosa in vista del 4 marzo: la vera e propria campagna elettorale, con i dibattiti televisivi in par condicio e le discussioni in ogni angolo della nazione, fin dal fruttivendolo e dal barbiere. Per essere incisivo un piccolo movimento politico deve anzitutto uscire dall’anonimato in cui perlopiù vaga il suo simbolo. Oltre a questo, c’è tutta una ridda di questioni più o meno ricorsive che per comodità vengono qui compendiate in un decalogo. Evitare di dissipare tempo ed energie è il motto.

Leggi tutto

Politica

ORA OCCORRE SOPRATTUTTO STARE UNITI

Il ddl Zan è esattamente questo, una legge che calpesta la libertà d’espressione. Non è una legge che tutela gli omosessuali dalle violenze, perché gli omosessuali sono persone e tutte le persone sono tutelati dalla legge se subiscono violenze. Se poi si intende aggredire un gay o una lesbica proprio per l’orientamento sessuale compresi le aggravati dall’articolo 61 del codice penale, che aumenta la pena per i “motivi abietti e futili” del gesto violento. Dunque, l’impostazione intenzionale dei proponenti è impedire il dissenso e la proposta alternativa a quella dello stravolgimento dell’istituto matrimoniale, della modifica del concetto stesso di famiglia come costituzionalmente definito all’articolo 29 della Carta repubblicana, dell ’ imposizione della cultura genere e omogeneità della pratica anche attraverso la pratica criminale dell’utero in affitto. Vorrei che chi si oppone a questo programma politico sia impossibilitato a esprimere le sue idee e tacciato come omofobo, se alzato la voce finirà immediatamente catalogato come istigatore all’odio e la pena arrivare arrivare fino ai sei anni di carcere.

Leggi tutto

Chiesa

Papa Francesco: aborto e eutanasia e l’abitudine a uccidere

Il Papa: l’aborto è omicidio, la Chiesa sia vicina e compassionevole non politica A questo grido, il Papa aggiunge quello delle tante “vittime della cultura dello scarto”: “C’è lo scarto dei bambini che non vogliamo ricevere, con quella legge dell’aborto che li manda al mittente e li uccide direttamente. E oggi questo è diventato un modo ‘normale’, una abitudine che è bruttissima, è proprio un omicidio”,

Leggi tutto

Chiesa

Papa Francesco: a Gesù che tutto può, la preghiera chieda tutto

All’Angelus, Papa Francesco si sofferma sulla figura di Bartimeo, il mendicante cieco narrato nel Vangelo di Marco, e lo indica come esempio di fede “concreta e coraggiosa”.

Leggi tutto

Chiesa

Tutela abusi, O’ Malley: indagini chiare

Come trasformare il sistema? Serve “un’indagine onesta, un’indagine indipendente e un’azione informata” perchè, afferma il cardinale O’Malley, “non possiamo riparare ciò che non riconosciamo. Non possiamo ripristinare una fiducia infranta se non entriamo nel cuore della questione”.

Leggi tutto

Storie

Serena Grandi: “Sarò suora laica”

“Ho iniziato da un paio di mesi un percorso che potrebbe portarmi a essere una suora laica” ha dichiarato l’attrice Serena Grandi

Leggi tutto

La Croce Quotidiano, C.F. P.IVA 12050921001

© 2014-2022 La Croce Quotidiano