{if 0 != 1 AND 0 != 7 AND 0 != 8 AND 'n' == 'n'} Malawi aiuti ed istruzione per i bambini in difficoltà

Storie

di Nathan Algren

Malawi aiuti ed istruzione per i bambini in difficoltà

Abbonati agli albi cartacei de La Croce e all’archivio storico del quotidiano

Aiutare un bambino nell’alimentazione e nell’educazione è un gesto concreto che dona vita e costruisce futuro” dice suor Franca Zonta, Superiora generale della Congregazione delle Figlie di Maria Immacolata di Agen (Marianiste). “Un bambino amato e sostenuto nella sua crescita diviene un adulto capace di agire per il suo benessere e quello della collettività” sottolinea nel suo invito a collaborare all’emergenza educativa dei bambini di Karonga.

“In questa area rurale del Malawi, i piccoli sono totalmente ignoranti”, non esiste infatti un centro educativo per i bambini dai 2 ai 5 anni di età. In loro aiuto le missionarie vogliono rispondere avviando un asilo per 60 bambini provenienti da famiglie vulnerabili, emarginati a causa di discriminazione di genere o stigmatizzati perché affetti da malattie come l’Hiv (Aids).

Nel Paese i minori costituiscono quasi metà della popolazione e la maggior parte di loro è spesso privata dei diritti essenziali: cibo, acqua, salute, istruzione. “L’istruzione primaria dai 6 anni ai 14 anni è obbligatoria, ma solo la metà degli studenti conclude questo ciclo di studi. Inoltre sovraffollamento delle classi e mancanza di docenti fa sì che molti bambini, raggiunta la classe quarta, non siano ancora in grado di leggere e scrivere. Sono poi ben pochi coloro che terminano il ciclo di studi secondario e l’abbandono scolastico delle ragazze, a causa di matrimoni precoci, è all’ordine del giorno”. In questo difficile scenario operano le suore marianiste impegnate nella formazione di bambine e bambini, ragazze e ragazzi dei villaggi di Karonga.

Abbonati agli albi cartacei de La Croce e all’archivio storico del quotidiano

03/03/2022
0912/2022
San Siro vescovo

Voglio la
Mamma

Vai alla sezione

Politica

Vai alla sezione

Articoli correlati

Chiesa

Bagnasco e l’impegno dei cattolici

La prolusione del Cardinale Angelo Bagnasco al Consiglio permanente della Cei è stata di impressionante nettezza. Il richiamo alla «famiglia come baricentro esistenziale da preservare» è stato condito da una serie di affermazioni che tracciano la strada all’impegno dei cattolici italiani

Leggi tutto

Chiesa

Francesco & Kirill: una nuova geopolitica ecumenica

Storico incontro con la firma di un importante documento condiviso: Europa e mondo, famiglia e matrimonio, vita umana dal concepimento alla morte naturale sono solo alcuni dei temi di un testo decisivo. E poi tra il Patriarca e il Papa c’è stato un fitto colloquio privato, di due ore. Trump e l’America (wasp e liberal) osservavano preoccupati da sopra l’isola caraibica. Forse facevano bene

Leggi tutto

Società

La lobby lgbt bullizza gli studenti di Bergamo

In nome della libertà di tutti si chiude il giornalino studentesco. Gesto ridicolo e tanto più inquietante in quanto colpisce un oggetto dal raggio effettivo più che modesto. Appunto perché simbolico, la punizione che subisce dev’essere esemplare: così l’Arcigay locale tira le leve giuste perché pochi adulti ricchi e potenti possano imbavagliare pochi studenti liberi.

Leggi tutto

Politica

DEF: provare a leggere i numeri

Nel 2050 l’Italia avrà perduto il 17% della popolazione. In un trentennio accadrà quanto non è accaduto nel trentennio che andò dal 1915 al 1945, quando l’Italia fu squassata da due violentissime guerre mondiali e perse meno del 10% della sua popolazione. L’emergenza demografica, che si annuncia sicurissima all’orizzonte, non è un tema di nicchia: è la questione centrale italiana oggi.

Leggi tutto

Politica

6 domande a Nicola Di Matteo

Sono molte le domande che i nostri lettori, ma anche le persone che si incontrano quotidianamente ci pongono. Per dissipare dubbi ed ottenere risposte esaurienti le abbiamo girate a Nicola Di Matteo che si candida per il Popolo della Famiglia in Europa.

Leggi tutto

Chiesa

Il crocifisso a scuola si può esporre regolarmente

La Cassazione ei è pronunciata nell’ambito del ricorso presentato da un docente che era stato sanzionato in via disciplinare perché invocando la libertà di insegnamento e di coscienza in materia religiosa si era opposto alla circolare di un dirigente scolastico di Terni che ordinava di esporre il crocifisso in aula.

Leggi tutto

La Croce Quotidiano, C.F. P.IVA 12050921001

© 2014-2022 La Croce Quotidiano