Politica

di Roberto Signori

USA: le scuole private per l’ideologia gender

Abbonati agli albi cartacei de La Croce e all’archivio storico del quotidiano

Molte associazioni di scuole private americane stanno educando gli insegnanti ad esporre ai bambini, a partire da quattro anni di età, contenuti sessualmente espliciti - in segreto e all’insaputa dei genitori – sotto l’egida della National Association Independent Schools (NAIS) come parte di un curriculum “queer-inclusive”.

Il quotidiano on-line Breitbart News ha esaminato un’ampia raccolta di documenti della NAIS e i corsi di formazione per insegnanti forniti alle scuole private di tutta la nazione, che, con la scusa di essere “queer” e “LGBTQ+ inclusive”, sollecitano l’uso di materiale sessualmente esplicito nelle classi a partire dalla Pre-K (4 anni di età).

Esempi? un workshop di formazione di quasi un’ora illustra come parlare ai bambini di “genere, sessualità e identità”, compreso come parlare ai bambini nella Pre-K dei “loro corpi”, di “peni e vagine” e di “come si sentono dentro, se si sentono come un ragazzo o una ragazza”.

“A partire dalla Pre-K - spiega un docente - parliamo dei loro corpi, delle parti con cui sono nati, dei peni e delle vagine e se questi attributi sessuali posso identificare un ragazzo o una ragazza. Ma anche dei loro sentimenti, come si sentono dentro, se si sentono un ragazzo o una ragazza? Cosa dice la loro testa? E se il loro cuore e il loro corpo corrispondono”.

I documenti illustrano anche come un’insegnante una volta abbia parlato ai bambini in Pre-K della “la vulva e delle labbra” vaginali e di come essi abbiano accolto con orrore e confusione tali informazioni. La stessa educatrice, come trapela dai testi esaminati, spiega che ai bambini di sette anni (Grade 2) si dovrebbe insegnare l’identità di genere, “in termini di testa, cuore e parti del corpo che coincidono e cosa succede se non è così”. Continua poi con i dettagli su ciò che dovrebbe essere insegnato in Grade 5, spiegando che gli studenti che hanno 10 anni dovrebbero essere istruiti sui “genitali interni ed esterni, su ormoni e cromosomi, sul corpo come qualcosa che si può cambiare”, ma anche termini e concetti come “identità di genere”, “espressione di genere” e “orientamento sessuale”.

Breitbart News ha ottenuto i materiali da una rete di “Madri in incognito” che in tutto il Paese operano contro il forzato indottrinamento LGBTI dei propri figli, contro il declino degli standard accademici e l’opacità della gestione scolastica di molti istituti. Il gruppo di mamme ha partecipanti provenienti da tutto lo spettro politico, compreso un certo numero di donne che un tempo o anche nel recente passato erano democratiche politicamente attive.

Per reazione, le scuole private facenti parte della NAIS in tutta l’America stanno includendo disposizioni nei contratti d’iscrizione che proibiscono ai genitori di “[esprimere] un forte disaccordo” con la politica scolastica o i programmi di studio, sotto la velata minaccia di espulsione dei bambini se i genitori si opponessero a tali insegnamenti, dunque all’indottrinamento ipersessualizzato dei loro figli.

Abbonati agli albi cartacei de La Croce e all’archivio storico del quotidiano

04/03/2022
0410/2022
S. Francesco d'Assisi

Voglio la
Mamma

Vai alla sezione

Politica

Vai alla sezione

Articoli correlati

Chiesa

Vaticano: costruire un sistema di sicurezza collettiva

La Pontificia Accademia delle Scienze pubblica una lunga dichiarazione sulla prevenzione della guerra nucleare, elencando i rischi che essa porterebbe all’intera umanità

Leggi tutto

Storie

Faisalabad: rapita da un collega 2 mesi fa

Un nuovo caso di sequestro di una ragazza cristiana a scopo matrimonio in Pakistan. L’autore della violenza è noto e ci sono testimonianze contro di lui, ma anche le udienze in tribunale non hanno dato alcun risultato

Leggi tutto

Società

UK. Per gli Lgbt i bambini di 2 anni possono essere transgender

L’organizzazione LGBT con sede nel Regno Unito “Stonewall” è sotto accusa per aver twittato che i bambini di appena due anni possono “riconoscere la loro identità trans” e per aver suggerito che gli asili nido dovrebbero modificare le loro policy per essere più inclusivi rispetto ai bambini trans.

Leggi tutto

Società

A Milano per parlare di famiglia

Miriano, Adinolfi, padre Botta e Scicchitano rispondono alle polemiche sul convegno in Regione Lombardia

Leggi tutto

Società

USA: La pupa secchiona

Pare il paradosso dei paradossi, ma anche il Presidente non scherza: ok per l’aborto, ma qualche sovvenzione la mantenga!

Leggi tutto

Storie

TURCHI, CURDI E LA BONINO PRIMA DELL’APERICENA

Abbiamo una insopprimibile necessità di iscriverci a una curva, perché sui social così possiamo distillare perle di saggezza che ovviamente sono solo maldestre copiature dei riassunti del mainstream, ingaggiando feroci quanto inutili flames con gli appartenenti alla fazione opposta. Ne muore, così, la reale e profonda comprensione dei fenomeni che sono sempre complessi persino se parliamo di Temptations Island, figuriamoci se ci azzardiamo a discettare di una guerra.
Allora, proviamo a spiegarla questa guerra. Così ci risparmieremo scene oscene tipo il massacro sui social di Under e Demiral, due ragazzi turchi che giocano nella Roma e nella Juve che come tantissimi ragazzi turchi sono cresciuti considerando quella curda come una grave minaccia e ora si schierano con la loro patria salutando i loro coetanei connazionali in guerra.

Leggi tutto

La Croce Quotidiano, C.F. P.IVA 12050921001

© 2014-2022 La Croce Quotidiano