Società

di Nathan Algren

Ucraina - I frati francescani: “La grazia di Dio ha salvato la città”

Abbonati agli albi cartacei de La Croce e all’archivio storico del quotidiano

“Attualmente la città di Konotop è sotto assedio e a tutti gli ingressi ci sono posti di blocco russi che vietano ai civili di lasciare la città e non consentono la consegna di cibo e medicine. Pertanto, a causa di queste privazioni, c’è una grande carenza di carburante, medicinali e generi alimentari”. Cosi riferisce in un video messaggio, il frate minore padre Romualdo Zagursky OFM, che opera nella città di Konotop, nell’Ucraina nordorientale, a 90 chilometri dal confine con la Federazione Russa. “Insieme ai nostri parrocchiani - spiega - accogliamo varie persone nel nostro Convento, che mai abbiamo abbandonato, per poter offrire durante i bombardamenti un luogo sicuro per pernottare soprattutto per gli abitanti della città che vivono nei palazzi e che non hanno accesso a seminterrati o rifugi antiaerei. Tutti i giorni, dalle 9 del mattino - precisa - ci mettiamo in fila per comprare pane, latte, generi alimentari e medicinali.

Padre Zagursky racconta questi difficili giorni di guerra: “Verso le ore 11 del 2 marzo, è arrivato un trasportatore corazzato russo, insieme all’auto di scorta, per iniziare le trattative con le autorità locali. Ero presente a questo evento, perché in quel momento ero andato a comprare medicinali per le donne partorienti in ospedale. I militari russi - prosegue il frate- hanno minacciato di mettere in atto bombardamenti dell’artiglieria e di distruggere la città in caso di attacchi da parte della popolazione locale e hanno dato un’ora di tempo per decidere”.

Nonostante la tensione e la paura, i fedeli si sono uniti nella preghiera: “La sera prima - riferisce il francescano - avevo avvisato i nostri parrocchiani che la Santa Messa si sarebbe celebrata alle ore 12. Abbiamo pregato proprio nel momento in cui si stavano svolgendo le trattative da cui dipendeva il destino della città di 80mila abitanti. Tutti i presenti alla messa hanno potuto sperimentare quanto sia attuale la Parola di Dio, così come le parole della Prima Lettura del Libro di Gioele (Gl 2,12-18) ‘Radunate il popolo, indite un’assemblea solenne, chiamate i vecchi, riunite i fanciulli, i bambini lattanti. Tra il vestibolo e l’altare piangano i sacerdoti, ministri del Signore, e dicano: Perdona, Signore, al tuo popolo”.

“Ognuna di queste parole ci ha confermato la presenza del Signore e ha dato speranza per l’oggi che stiamo vivendo. Subito dopo la fine della liturgia, abbiamo appreso che i colloqui si erano conclusi pacificamente, a condizione che nessuna delle due parti si provocasse a vicenda”. “Credo pertanto che oggi sia stata l’opera della grazia di Dio a salvare la nostra città dalla devastazione e da un gran numero di vittime civili”.

Il religioso in conclusione ringrazia “per le preghiere di molte persone in tutto il mondo, per le donazioni provenienti da diversi paesi e città”, e lancia un appello: “Chiedo un’ulteriore preghiera per la pace, che questo conflitto posso finire al più presto, come richiesto dalla Madre di Dio a Fatima”.

Abbonati agli albi cartacei de La Croce e all’archivio storico del quotidiano

04/03/2022
3011/2022
Sant'Andrea

Voglio la
Mamma

Vai alla sezione

Politica

Vai alla sezione

Articoli correlati

Chiesa

Quer pasticciaccio brutto de li castighi divini

Nelle parole del saggio Benedetto c’è calore umano, c’è il mistero del dolore innocente associato, in maniera altrettanto misteriosa, alla Croce di Cristo. Su tutto regna la fiducia nella costitutiva bontà di Dio, un Padre buono che ama i propri figli. Una sola cosa non c’è nella risposta di papa Benedetto: un sistema di risposte a tutto, una FAQ teologica a misura della ragione umana. Ci sono invece appelli alla meditazione, inviti alla preghiera. Pregare, ce lo dice l’etimologia, implica il riconoscimento della propria precarietà: è un’esortazione ad affidarsi, atto antipelagiano per eccellenza.

Leggi tutto

Chiesa

XAVIER NOVELL, il vescovo che gli LGBT detestano

Giovane, colto e carismatico vescovo spagnolo: stava commentando Amoris Lætitia con il suo popolo.
Gli omosessualisti insorgono tacciandolo di “omofobia”

Leggi tutto

Media

La nostra risposta: fare 5 cose

Contro il Popolo della Famiglia e i suoi dirigenti, invece, c’è una furia feroce che probabilmente è degna di miglior causa. Per la lobby che noi apertamente sfidiamo, per la sua politica contro la vita e contro la famiglia, per la visione del mondo che vuole trasformare le persone in cose, c’è un solo nemico da attaccare con tutte le energie fino a zittirlo: il Pdf. Torniamo alla domanda. Perché? Perché siamo ostinati e organizzati. Due fattori molto temuti: ostinazione e organizzazione. Sanno che ormai in ogni angolo del Paese c’è un nucleo territoriale organizzato del Popolo della Famiglia. Si tratta del frutto di due anni di lavoro casa per casa, compiuto dal Pdf attraverso l’esperienza di ben tre tornate amministrative ma anche con la presenza quotidiana e fattiva di monitoraggio di quel che accade. E così ogni settimana in Italia ci sono almeno dieci iniziative con dirigenti del Popolo della Famiglia che incontrano persone sul territorio, più di cinquecento all’anno. Ci sono gli iscritti, ci sono le liste, ci sono i candidati, ci sono 48.750 firme da raccogliere che saranno agevolmente raccolte, ci sono centinaia di migliaia di voti che certamente i nostri militanti otterranno alle prossime politiche sui 945 coraggiosi che candidandosi alla Camera e al Senato diranno: fate una croce sul simbolo del Popolo della Famiglia, tutto il resto l’abbiamo già sperimentato e ha portato al disastro attuale.

Leggi tutto

Chiesa

Beatificazione di padre Tiburcio Arnaiz Munoz

Tiburcio Arnaiz Muñoz nacque a Valladolid, in Spagna, l’11 agosto 1865. I suoi genitori, Ezequiel e Romualda, di professione tessitori, lo portarono al fonte battesimale della parrocchia di Sant’Andrea due giorni dopo la nascita, nel giorno in cui si ricorda appunto san Tiburzio. Ad appena cinque anni, rimase orfano di padre. Sua madre, allora, cercò in ogni modo di mantenere sia lui che l’altra figlia, Gregoria, che aveva sette anni in più. Anni dopo, lui raccontò che da piccolo, una notte, ebbe un incubo: sognò di cadere all’inferno. Impaurito, chiamò sua madre, ma lei non lo sentì. Sempre più terrorizzato, invocò la Madonna Addolorata, che gli apparve dicendo: «Non cadi all’inferno né mai vi cadrai» e lo coprì col suo manto.

Leggi tutto

Società

Al Campus bio-medico di Roma non si insegna l’#aborto, e l’AMICA insorge

Chiedono la sospensione dell’istituto come “ente formativo” i membri dell’Associazione degli abortisti: la colpa sarebbe la fedeltà al giuramento di Ippocrate. Il sistema bio-politico che appiattisce le differenze (ovvero l’uniformità che diviene controllo), sono un modo per dettare legge sul pensiero delle masse: per il gender riguarda le differenze fisiche che non devono essere valorizzate, nel caso dell’economia si tratta dell’eliminazione del merito… non è però l’uguaglianza, quella della quale la cultura ha bisogno, perché il rispetto non nasce dall’equiparare le differenze. Si tratta solo di una forma di controllo: eliminare la libertà educativa, che in questo caso riguarda il presupposto col quale effettuare interventi chirurgici ginecologici ma in altri può significare molto di più (si pensi ai corsi scolastici su bullismo o erotismo) è una forma di controllo.

Leggi tutto

Società

Una famiglia-Chiesa

Leggi tutto

La Croce Quotidiano, C.F. P.IVA 12050921001

© 2014-2022 La Croce Quotidiano