Politica

di la redazione

PDF: delegazione campana ha partecipato alla manifestazione di Roma

Abbonati agli albi cartacei de La Croce e all’archivio storico del quotidiano

Una delegazione Campana” – annuncia Massimiliano Esposito, Coordinatore regionale del Popolo della Famiglia – “diversi mezzi a Roma ha partecipato, sabato 5 marzo, dalle ore 15 a piazzale Ugo La Malfa, per manifestare contro il governo Draghi che viola la Costituzione”.

La manifestazione – già annunciata alcune settimane fa dal Presidente Mario Adinolfi per chiedere la fine del GreenPass – assume in questi giorni dei significati ulteriori. “L’Italia – continua Presta – “ha sempre interpretato con successo un ruolo di mediazione nella geopolitica internazionale, arrivando a scongiurare un conflitto mondiale (Cuba 1962), grazie a personalità eccelse quali Amintore Fanfani e San Giovanni XXIII; questo patrimonio viene oggi dilapidato dal governo Draghi, che ha deciso di fomentare la guerra!”.

Mario Adinolfi chiama alla piazza il Popolo della Famiglia e tutte le associazioni, movimenti, persone che hanno a cuore la propria ed altrui libertà: “Alla richiesta originaria di far cessare immediatamente le limitazioni che centinaia di migliaia di famiglie italiane subiscono per via del green pass, strumento che deve assolutamente decadere al momento che decade lo stato d’emergenza pandemico, ora chiediamo con forza al governo Draghi di non violare l’articolo 11 della Costituzione che vieta all’Italia di considerare la guerra come mezzo di risoluzione delle controversie internazionali. L’Italia deve agire per disarmare Putin e invece ha scelto di armare i civili ucraini esponendoli al massacro. L’Italia deve agire per la pace e invece ha scelto di fare la guerra finanziando i fabbricanti di armi. Con che faccia le sinistre al governo hanno votato l’innalzamento delle spese militari? Con la stessa faccia con cui hanno ignorato i diritti di centinaia di migliaia di lavoratori privati del salario e della dignità tramite green pass, sempre calpestando la Costituzione negli articoli 1, 3 e 32. La risposta la daremo in piazza, con una festa in cui coinvolgeremo il nostro mondo che nel Popolo della Famiglia è composto da mamme e papà con i loro figli, ascoltando le voci autorevoli di molti amici dal costituzionalista Ugo Mattei alla scrittrice Costanza Miriano, dal giornalista Francesco Borgonovo ai rappresentanti dei consiglieri comunali schierati in tutta Italia contro il green pass, fino agli esponenti delle associazioni che hanno animato in questi mesi le piazze per il ripristino dei diritti costituzionali”.

Abbonati agli albi cartacei de La Croce e all’archivio storico del quotidiano

07/03/2022
0912/2022
San Siro vescovo

Voglio la
Mamma

Vai alla sezione

Politica

Vai alla sezione

Articoli correlati

Politica

IL PASSO DECISIVO DEL TEATRO ELISEO

Il Popolo della Famiglia, senza essere un soggetto politico confessionale ma davvero aperto al contributo di tutte le persone di ogni fede e di buona volontà, dice basta alla stagione della delega ad altri e si presenterà a tutti gli appuntamenti elettorali prossimi venturi chiedendo il consenso sul proprio simbolo quale soggetto politico autonomo, con le radici affondate nelle ragioni della grande mobilitazione popolare del Family Day, tradita dai politici dei partiti tradizionali che pure dicevano di volerne rappresentare le istanze. Preso atto del tradimento, la risposta è la nascita e la diffusione sempre più massiccia su tutto il territorio nazionale del Popolo della Famiglia, che dal teatro Eliseo esce con una missione da compiere: raggiungere il milione di voti che darebbero rappresentanza parlamentare in tutti e due i rami del Parlamento al Pdf, oltre che in Comuni e Regioni. L’obiettivo è andare al governo del Paese. Come ha detto sempre Amato, in prospettiva essere una forza non del 3% ma del 30% ed oltre. Il passo decisivo, il primo passo, è stato avviato al teatro Eliseo di Roma. Chi c’era ha sentito soffiare un vento che faceva capire di essere presenti ad un avvenimento di portata storica.

Leggi tutto

Politica

AGNESE E LO STERMINIO

Al Copenhagen Post non farà piacere sapere però che nella corsa nazista allo sterminio la Danimarca è stata surclassata dall’Islanda, dove l’aborto per i bambini con diagnosi prenatale che fa emergere la Trisomia 21 riguarda il 100% dei casi e “da cinque anni non nascono i Down”. Evviva. Inutile ricordare che la Danimarca è il primo paese europeo ad aver legalizzato le unioni civili gay (1989) e come in Islanda vengono consentite formazioni familiari derivanti da utero in affitto: il bambino, insomma, è per quegli ordinamenti giuridici una “cosa” acquistabile appartenente agli acquirenti. In una visione antropologica e giuridica di questo tipo ovviamente la “cosa” fallata va eliminata.

Leggi tutto

Politica

Strage di Bologna: Mambro, Fioravanti e l’Italia che non sa

Non sono un giustizialista, non proverei libidine nel vederli ai ceppi. Ma un po’ il mondo l’ho girato e mi rendo conto che una storia come questa possiamo raccontarla solo noi in Italia. Mettono una bomba nella sala d’aspetto di una stazione, uccidono nella maniera più vigliacca possibile una valanga di bambini, donne, anziani. Non in un grado di giudizio, non un solo giudice, ma una marea di giudici fino alla Cassazione indicano in Francesca Mambro e Giusva Fioravanti gli esecutori materiali della strage. Il 23 novembre 1995 la Repubblica italiana certifica con il terzo grado di giudizio la sentenza definitiva di colpevolezza, nel 1998 la Mambro è già in semilibertà, Fioravanti poverino deve aspettare il 1999. Lo sapevate? Ve l’hanno mai detto? Ve lo immaginate che possa accadere negli Stati Uniti d’America o in qualsiasi paese civile che i condannati per la strage più grave della storia di quel paese, a tre anni dalla sentenza definitiva possano camminare liberi per il centro della capitale? Il tutto, attenzione, senza mai aver collaborato con la giustizia, avendo mantenuto sempre orgogliosamente le bocche cucite e forse il premio è arrivato proprio per questo.

Leggi tutto

Storie

Manuel Agnelli, Jax Fedez e le parole false

Fedez, compagno di merenda lautamente pagata da Sky Italia nei “live” di XFactor, seduto allo stesso banco di Agnelli si è illuminato e ha esultato quando ha sentito il cantante leader degli Afterhours insultare il mio nome. Già, perché lo stesso Fedez insieme a JAx, sempre leggendo in maniera imbarazzante un testo scritto da altri, nel corso della trasmissione le Iene qualche mese fa si era reso protagonista di un altro vergognoso insulto, con tanto di gestualità, rivolto a me come personificazione di tutte le famiglie che avevano partecipato ai Family Day.

Leggi tutto

Storie

Per la bella Addormentata (e per il Principe)

Desta doloroso stupore – per l’inconsistenza della nostra temperie culturale – il consenso virale raggrumatosi attorno al tweet di tale Sarah Hall che invitava a bandire la lettura de La bella addormentata in quanto gravemente diseducativa, con quel bacio non consensuale che dischiude la fiaba al lieto fine. È già molto triste che degli occidentali non sappiano cogliere gli archetipi del genere fiabesco, ma che li si ascolti è anche peggio

Leggi tutto

Società

Una capitale uccisa

Tra gli ultimi arrestati per spaccio di droga e usura a Roma c’era anche una dipendente del Comune. Immagine tragica di una città non più decadente ma decaduta, a partire dalle sue istituzioni. E la Raggi pensa a togliere i manifesti di ProVita contro l’utero in affitto…

Leggi tutto

La Croce Quotidiano, C.F. P.IVA 12050921001

© 2014-2022 La Croce Quotidiano