Politica

di la redazione

Furlan (PdF Padova) :NO ALLE INTIMIDAZIONI - LA VITA VA DIFESA SEMPRE

Abbonati agli albi cartacei de La Croce e all’archivio storico del quotidiano

Il Popolo della Famiglia di Padova attraverso una dichiarazione del presidente Gianpaolo Furlan esprime piena solidarietà ai volontari del Centro aiuto alla Vita di Padova la cui sede è stata oggetto di atti vandalici in concomitanza della giornata per la festa della donna.

“Constatiamo che nel 2022, esiste ancora chi sostiene con atteggiamento bullista le ideologie abortiste e eutanasiche indicandole come “diritti”, ma come movimento politico che si batte in difesa della vita, continueremo a definirli omicidio di un soggetto debole e indifeso.”

Continua Furlan: ”In occasione dell’8 marzo è necessario rimarcare nuovamente come la più grande violenza verso le donne sia quella di far credere loro che liberarsi dal proprio figlio sia un atto esente da conseguenze fisiche e psichiche, e che divenire madri sia una colpa agli occhi della società. Condanniamo fermamente ogni atto vile e intimidatorio a sostegno di queste ideologie di morte, perpetrato contro chi quotidianamente lavora per sostenere le difficoltà dei più indifesi nel rispetto di quel dono inestimabile che è la vita. Non esiste diritto alla morte, ma il diritto alla vita”.

Anche il coordinatore nazionale del Popolo della Famiglia, Nicola Di Matteo, esprime solidarietà ai CAV del Veneto che hanno subito questo ignobili attacchi. “Difenderemo e appoggeremo sempre chi si dedica alla salvaguardia della vita nascente, sempre e ogni giorno. Esprimo a nome di tutto il Popolo della Famiglia la nostra solidarietà anche agli agli altri CAV del Veneto vittime di una stupida ideologia anti vita. Chi si batte per la Vita, non sarà certo fermato da qualche barattolo di vernice”.

Ha concluso Gianpaolo Furlan a nome del PdF Padova: “Ora restiamo in attesa che il Sindaco Giordani e la giunta Comunale prendano le distanze da simili provocazioni ‘squadriste femministe’ condannandole senza tentennamenti. Le elezioni si avvicinano”.

Danilo Bassan per Circolo PdF Padova

Abbonati agli albi cartacei de La Croce e all’archivio storico del quotidiano

08/03/2022
0712/2022
Sant'Ambrogio vescovo

Voglio la
Mamma

Vai alla sezione

Politica

Vai alla sezione

Articoli correlati

Società

Scozia e matrimoni gay

Per il nuovo “matrimonio” gay si è battuta in prima linea la Sturgeon da quando era vice-primo ministro scozzese, preparando il testo e questa sua recente uscita con alcune discusse consultazioni pubbliche che, nei mesi precedenti la “legge”, avevano accreditato il fronte dei favorevoli ai “matrimoni” gay al 64%. La reazione al suo clamoroso annuncio aveva trovato a suo tempo una reazione decisa e unitaria da parte delle Chiese e comunità cristiane scozzesi. Protestanti, evangelici e cattolici avevano infatti innalzato un fronte comune contro questo «pericoloso esperimento sociale», com’è stato definito il “matrimonio” gay. Il cardinale Keith O’Brien aveva persino intimato all’allora Governo in carica di ritornare sui suoi passi e di indire un referendum consultativo nelle land. Ma, subito, la risposta arrivata per bocca dei vari portavoce è stata senza speranza: «Niente referendum, è una questione di coscienza

Leggi tutto

Società

L’infamia della giornata mondiale sull’aborto

Cos’è il “partial birth abortion”, la nuova frontiera dell’aborto “libero” che viene richiesta dalla giornata mondiale dell’aborto del 28 settembre? Semplice, è la possibilità per la donna di prendere la decisione di abortire sino alle ultime settimane di gravidanza. Ad oggi le varie legislazioni nazionali permettono l’interruzione volontaria di gravidanza fino al quinto mese in genere, l’Italia è più restrittiva e si ferma al terzo mese, anche se con il trucco dell’aborto “terapeutico” si finisce molto più in là. L’interpretazione della sentenza della Corte Suprema americana consegna però uno scenario infame secondo cui il nascituro non avrebbe diritti e sarebbe parte del corpo della donna che potrebbe farne quello che vuole fino al momento della nascita. In base a questa interpretazione la pratica dell’aborto a nascita parziale prevede l’induzione del parto anche al nono mese di gravidanza, un parto che viene indotto in posizione podalica stando attenti a mantenere la testa del nascituro all’interno del grembo della donna che non riesco a definire materno, per poi introdurre uno speciale forcipe e schiacciare la testa del bimbo per provocarne la morte completando poi il parto con l’espulsione del corpicino ormai senza vita.

Leggi tutto

Società

Partendo da un fumetto di Zerocalcare

Abbandonare l’inconsistenza. Ecco l’obiettivo che dovremmo porci, noi tutti, ogni giorno. E dopo averlo posto, sforzarci di vederlo proposto agli altri, in particolare ai giovani che altrimenti vivranno sempre in condizione sradicata, da canne esposte ad ogni vento.

Leggi tutto

Politica

E la ripresa valoriale?

Niente per le famiglie numerose, nessuna politica per la natalità, nessun sostegno all’impresa di famiglia, nessuna politica per i giovani che vogliono metter su famiglia, niente sulla libertà scolastica e sulla possibilità di far scegliere ai papà e alle mamme la scuola dove mandare i propri figli: il “contratto di governo” di Lega e Movimento 5 Stelle si annuncia come uno scriteriato prospetto per varare (in deficit) il reddito di cittadinanza e la flat tax.

Leggi tutto

Politica

A Camaldoli per il bene comune

A Camaldoli per il bene comune e per la festa de La Croce Quotidiano

Leggi tutto

Politica

La scelta di essere mamma

Gregory Pincus (pillola) era un uomo, Robert Edwards (PMA), Patrick Steptoe (PMA), Julius From (preservativo), tutti uomini. Quindi, tornando al convegno sulla fertilità, non trovo granché strano che siano uomini, i medici che sono stati invitati. E non mi si dica che di donne scienziate non ne esistono poiché obbligate al focolare, perché  Marie Curie e Irène Joliot-Curie, Rita Levi Montalcini, Rosalind Franklin, Dorothy Crawfoot Hodgkin, Francoise Barré-Sinoussi, sono tutte donne (alcune anche madri). Le donne, all’interno del mondo della fertilità, esistono, ma alcune si distinguono non certo per grande spirito femminile, o meglio, fanno parte di tutte quelle donne che credono di sostenere le donne attraverso la promozione dell’aborto volontario (che, per inciso, uccide anche le donne nel grembo materno, quindi
non è certo campanilismo femminista): parliamo di Faye Alyce Wattleton o Margaret Louise Higgins Sanger, ‘mamme’ di Plannet Parenthood, ente non proprio sano e a favore della salute pubblica. Per contro noi possediamo Flora Gualdani e Paola Bonzi (e tantissime altre volontarie e ostetriche che si muovono nel silenzio e nel nascondimento), che difendono la vita del bambino sapendo che la donna che riesce a non abortire, poi ringrazierà dell’essere divenuta madre.

Leggi tutto

La Croce Quotidiano, C.F. P.IVA 12050921001

© 2014-2022 La Croce Quotidiano