Società

di Roberto Signori

Accademia nazionale di medicina francese: attenti ai bambini

Abbonati agli albi cartacei de La Croce e all’archivio storico del quotidiano

L’Accademia Nazionale di Medicina francese con un comunicato ufficiale, intitolato “La medicina di fronte alla trans-identità di genere presso bambini e adolescenti”, ha preso posizione, alcuni giorni fa, sugli annosi e delicati temi della disforia di genere e sul problema del cambio di sesso tra i minori.

L’identificazione a un sesso diverso rispetto a quello biologico “può causare una sofferenza significativa e prolungata”. E questa “disarmonia” appare in “forte aumento in America del Nord e nei paesi del nord Europa”.

Eppure, secondo l’Accademia, “nessuna predisposizione genetica è stata dimostrata” nei bambini e i giovani che si sentono del sesso opposto. Che fare allora? Continuare come si è fatto negli scorsi anni, specie in Gran Bretagna e in America, con il celere cambiamento di sesso, detto anche transizione di genere, mediante chirurgia e fermaci?

Secondo l’Accademia vari rami della medicina sono implicati nella delicata questione: dalla psichiatria alla ginecologia, dall’endocrinologia alla chirurgia. E nella collaborazione tra questi ambiti, a cui aggiungerei la bioetica, può trovarsi la risposta.

Secondo gli esperti francesi tuttavia “una grande prudenza medica deve essere attuata in relazione ai bambini e agli adolescenti”. Anzitutto, per “la vulnerabilità, in particolare psicologica” dei ragazzi. Ma anche per i “numerosi effetti indesiderati, per non dire delle gravi complicazioni, che possono derivare da certe terapie disponibili”.

La prudenza quindi è d’obbligo. Anzi, i medici francesi si appellano all’Ospedale universitario di Stoccolma il quale, affermano, ha deciso “di vietare l’uso degli ormoni bloccanti”.

Se in Francia questi ormoni sono legali, con l’autorizzazione dei genitori, l’Accademia di medicina invita tutti i responsabili “alla più grande riserva nel loro uso”. Anche per gli effetti secondari che si sono registrati, tra cui “l’impatto sulla crescita, l’indebolimento osseo, il rischio di sterilità, le conseguenze emotive e psicologiche e, per le ragazze, certi sintomi che ricordano la menopausa”.

Ancora maggior prudenza si chiede per gli interventi chirurgici che toccano gli organi genitali, per “il loro carattere irreversibile”. Si segnala infine il caso non raro di uomini e donne i quali, dopo la “transizione di genere”, hanno avuto dei seri ripensamenti, fino a richiedere la “de-transizione”. Ovvero di tornare al sesso biologico originario.

Abbonati agli albi cartacei de La Croce e all’archivio storico del quotidiano

08/03/2022
1408/2022
S.Massimiliano M. Kolbe

Voglio la
Mamma

Vai alla sezione

Politica

Vai alla sezione

Articoli correlati

Media

Da Sanremo in lode di Mauro Coruzzi

Cantando al festival una canzone (brutta) pro ideologia gender, l’inventore di Platinette si è messo a nudo. Con risultati sorprendenti, forse pure per lui stesso.

Leggi tutto

Società

Esiste il gender? A Bologna sì

Istituto comprensivo Salvo d’Acquisto, Gaggio Montano, provincia di Bologna: ecco cosa succede da giugno a proposito di un “progetto didattico” che sembra voler erotizzare fortemente i ragazzi in età prepuberale. In un clima surreale in cui da un lato si nega che esista un nugolo di “gender studies” assimilabili sotto l’etichetta di “pensiero gender” e dall’altra si cerca ossessivamente di farli entrare in ogni interstizio della società, partiamo dai fatti per capire come stanno le cose

Leggi tutto

Storie

La storia di Joan bimbo da tutelare

Era stato brandito come la “mascotte” dell’Umbria Pride, il bambino a cui Chiara e Laura hanno deliberatamente negato la possibilità di avere una vita normale a contatto con l’uomo da cui discende, e in più gli hanno scientemente parcellizzato la figura materna, poiché una ha dato l’utero, l’altra l’ovulo con cui il bambino è stato fabbricato. Ora la trascrizione dell’atto di nascita.

Leggi tutto

Politica

Anche solo il nostro esistere

Il Popolo della Famiglia va avanti: 355 cittadini hanno sottoscritto la mia candidatura a deputato del collegio Roma 1, abbiamo avuto la forza organizzativa per fare la raccolta in una settimana, siamo l’unica organizzazione cristianamente ispirata in grado di fare questo nel campo politico. Non ci è piaciuto il governo gialloverde, ancora meno ci è piaciuto il governo giallorosso che candida nel collegio addirittura il ministro dell’Economia Roberto Gualtieri, quello che ha irriso la famiglia con uno stanziamento di venti volte inferiore a quello necessario e promesso. Se i cattolici hanno un minimo di spina dorsale e coerenza, non possono votare per lui. A chi, come noi, non ha gradito neanche le inesistenti politiche di bilancio a favore della famiglia del governo precedente, noi offriamo un’alternativa.

Leggi tutto

Società

Il professore ai suoi studenti: «Sono una donna».

Il professore (la professoressa) fa coming out e si presenta in classe dai suoi studenti: «Sono una donna». Accade a Ivrea, allo storico liceo Botta, dove Andrea Perinetti, il primo giorno di scuola, si è presentato in classe come la professoressa Perinetti, dopo oltre vent’anni di insegnamento: 61 anni, ex allieva del liceo, ha deciso così di rendere pubblica la sua “nuova” identità di genere.

Leggi tutto

Politica

Fondi italiani per la Francia?

Che cosa ha deciso il Comint (Comitato interministeriale per le politiche relative allo spazio) sui fondi del Pnrr?. L’Agenzia spaziale europea (Esa) gestirà 1,3 miliardi di euro di fondi del Pnrr per lo spazio destinati all’Italia.

Leggi tutto

La Croce Quotidiano, C.F. P.IVA 12050921001

© 2014-2022 La Croce Quotidiano