Società

di Roberto Signori

Accademia nazionale di medicina francese: attenti ai bambini

Abbonati agli albi cartacei de La Croce e all’archivio storico del quotidiano

L’Accademia Nazionale di Medicina francese con un comunicato ufficiale, intitolato “La medicina di fronte alla trans-identità di genere presso bambini e adolescenti”, ha preso posizione, alcuni giorni fa, sugli annosi e delicati temi della disforia di genere e sul problema del cambio di sesso tra i minori.

L’identificazione a un sesso diverso rispetto a quello biologico “può causare una sofferenza significativa e prolungata”. E questa “disarmonia” appare in “forte aumento in America del Nord e nei paesi del nord Europa”.

Eppure, secondo l’Accademia, “nessuna predisposizione genetica è stata dimostrata” nei bambini e i giovani che si sentono del sesso opposto. Che fare allora? Continuare come si è fatto negli scorsi anni, specie in Gran Bretagna e in America, con il celere cambiamento di sesso, detto anche transizione di genere, mediante chirurgia e fermaci?

Secondo l’Accademia vari rami della medicina sono implicati nella delicata questione: dalla psichiatria alla ginecologia, dall’endocrinologia alla chirurgia. E nella collaborazione tra questi ambiti, a cui aggiungerei la bioetica, può trovarsi la risposta.

Secondo gli esperti francesi tuttavia “una grande prudenza medica deve essere attuata in relazione ai bambini e agli adolescenti”. Anzitutto, per “la vulnerabilità, in particolare psicologica” dei ragazzi. Ma anche per i “numerosi effetti indesiderati, per non dire delle gravi complicazioni, che possono derivare da certe terapie disponibili”.

La prudenza quindi è d’obbligo. Anzi, i medici francesi si appellano all’Ospedale universitario di Stoccolma il quale, affermano, ha deciso “di vietare l’uso degli ormoni bloccanti”.

Se in Francia questi ormoni sono legali, con l’autorizzazione dei genitori, l’Accademia di medicina invita tutti i responsabili “alla più grande riserva nel loro uso”. Anche per gli effetti secondari che si sono registrati, tra cui “l’impatto sulla crescita, l’indebolimento osseo, il rischio di sterilità, le conseguenze emotive e psicologiche e, per le ragazze, certi sintomi che ricordano la menopausa”.

Ancora maggior prudenza si chiede per gli interventi chirurgici che toccano gli organi genitali, per “il loro carattere irreversibile”. Si segnala infine il caso non raro di uomini e donne i quali, dopo la “transizione di genere”, hanno avuto dei seri ripensamenti, fino a richiedere la “de-transizione”. Ovvero di tornare al sesso biologico originario.

Abbonati agli albi cartacei de La Croce e all’archivio storico del quotidiano

08/03/2022
0812/2022
Immacolata Concezione della Beata Vergine Maria

Voglio la
Mamma

Vai alla sezione

Politica

Vai alla sezione

Articoli correlati

Media

Il gender a Sanremo? Noi cambiamo canale

Conchita Wurst a Sanremo, senza mai aver pubblicato un album, fa “l’ospite d’onore” con cachet a sei cifre per propagandare le teorie gender. Ci prendono per cretini?

Leggi tutto

Media

Raiuno, la rete che fu “cattolica”

Dal primissimo mattino alla tarda serata, propaganda dell’ideologia gender e sostegno al “matrimonio” gay sembrano essere il core business della rete ammiraglia del servizio pubblico

Leggi tutto

Politica

I casi Englaro e Schiavo francesi fanno riflettere la politica

Anche i cugini d’Oltralpe hanno i loro problemi sul fine-vita, sebbene la legislazione vigente permetta il prodursi di casi-limite alla Terry Schiavo, cioè il noto caso di Vincent Lambert e il più recente della piccola Marwa Bouchenafa. Martedì prossimo si sentirà un’associazione per il “diritto alla vita”.

Leggi tutto

Società

Così la Francia scivola verso la GPA

«Una GPA realizzata all’estero non può di per sé impedire il riconoscimento di un legame di filiazione in Francia con la madre d’intenzione». Così la Corte di Cassazione francese ha convalidato ieri l’adozione di due gemelli nati nel 2000 da madre surrogata californiana da parte di Sylvie e Dominique Menesson. È stato il concetto di “intenzionalità genitoriale” a decidere la sentenza.

Leggi tutto

Politica

LEGGE 194: ABROGARLA NON SERVE

Quanto descritto in questo articolo non sarà di facile applicazione ma è una strada da seguire insieme al Reddito di Matenità, al Quoziente Familiare e alle altre proposte del Popolo della Famiglia. Se portata avanti con la coerenza e la fermezza che caratterizzano il PDF darà, a suo tempo, buoni frutti.

Leggi tutto

Società

La “civiltà” dei piagnistei e l’emergenza.

«La cultura del piagnisteo è il cadavere del liberalismo degli anni Sessanta, è il frutto dell’ossessione per i diritti civili e dell’esaltazione vittimistica delle minoranze.», così Robert Hughes in “La cultura del Piagnisteo

Leggi tutto

La Croce Quotidiano, C.F. P.IVA 12050921001

© 2014-2022 La Croce Quotidiano