Società

di Roberto Signori

No dei giudici al doppio cognome per i figli di coppie gay

Abbonati agli albi cartacei de La Croce e all’archivio storico del quotidiano

No al doppio cognome per il figlio di due mamme. Anche la Corte d’appello di Torino segue la linea del Tribunale rigettando il ricorso presentato dal Comune che sosteneva la validità del percorso intrapreso di riconoscimento e trascrizione dei figli delle coppie omogenitoriali.

Al momento, a Torino, sono 79 i bambini di coppie omogenitoriali iscritti all’anagrafe. Il primo, nel 2018, L’amministrazione comunale torinese, come hanno fatto altre in passato, si muove secondo il proprio orientamento politico ed etico. Genitore è il padre (o la madre) biologico e non anche il suo partner dello stesso sesso che coopera all’educazione e al mantenimento del bambino. Con la sentenza 12193 del 2019 la Cassazione a sezioni riunite stabilì l’impossibilità di trascrivere gli atti di nascita (e altri provvedimenti simili) prodotti all’estero quando il bambino ai quali si riferiscono è nato con la pratica dell’utero in affitto, che nel nostro Paese è reato. Il verdetto però non può applicarsi al caso di Torino, che riguarda due donne, ma quella della Suprema Corte è una sentenza che comunque costituisce un riferimento per i giudici ordinari. Il ricorso a un atto amministrativo (qual è l’iscrizione all’anagrafe) non può violare la legge vigente né surrogare a un ipotetico vuoto. «L’obiettivo di salvaguardare l’interesse del minore non deve coinvolgere in alcun modo l’incentivazione di pratiche che violano la dignità in particolare della donna» ha sottolineato il presidente emerito della Consulta Cesare Mirabelli in un’intervista ad Avvenire, del marzo dello scorso anno. La decisione su una eventuale nuova legge per normare i casi di figli di coppie omogenitoriali spetta alla politica.

Di genitorialità di persone dello stesso sesso si è occupata la Corte Costituzionale nella sentenza 230/2020, scaturita dal caso di due donne di Venezia unite civilmente, le quali dopo la procreazione assistita all’estero si erano viste negare dal loro Comune la trascrizione del certificato di nascita del bambino, un atto nel quale venivano entrambe menzionate come “genitori”, autorizzate a farlo dalla legge vigente nel Paese dove il piccolo era stato concepito in provetta.

A oggi a Torino sono 79 i bambini di coppie omogenitoriali iscritti allo stato civile: la città è stata la prima in Italia, nell’aprile del 2018 – durante l’amministrazione guidata da Chiara Appendino –, a riconoscere i figli di coppie dello stesso sesso. Tre coppie (due costituite da donne, tra cui l’attuale assessore comunale alla mobilità Chiara Foglietta, una da uomini) vengono registrate dal Comune come “genitori” dei figli concepiti attraverso fecondazione eterologa e utero in affitto, una forzatura della legge.

Abbonati agli albi cartacei de La Croce e all’archivio storico del quotidiano

08/03/2022
0207/2022
Visitazione di Maria Santissima

Voglio la
Mamma

Vai alla sezione

Politica

Vai alla sezione

Articoli correlati

Società

No della Cassazione ai matrimoni gay

Sentenza fondamentale che dice con nettezza: “La Costituzione e l’Europa non impongono al legislatore norme sul matrimonio omosex”

Leggi tutto

Storie

La storia di Joan bimbo da tutelare

Era stato brandito come la “mascotte” dell’Umbria Pride, il bambino a cui Chiara e Laura hanno deliberatamente negato la possibilità di avere una vita normale a contatto con l’uomo da cui discende, e in più gli hanno scientemente parcellizzato la figura materna, poiché una ha dato l’utero, l’altra l’ovulo con cui il bambino è stato fabbricato. Ora la trascrizione dell’atto di nascita.

Leggi tutto

Politica

Giù le mani da Babbo Natale

Inquietante e fazioso spot che vede protagonista Babbo Natale spacciato come gay da una campagna pubblicitaria scandinava. Non hanno rispetto neppure per i bambini

Leggi tutto

Media

Gli ossequi mediatici al “doppio cognome”

Gli ossequi mediatici al “doppio cognome”

Leggi tutto

Società

Sposatevi e figliate… spieghiamolo bene

Uno scritto privato di una nostra autrice è diventato virale sui social (addirittura venendo spacciato per “omelia di Natale” di un sacerdote). La stessa s’interroga oggi sul contenuto di quel testo che ha innescato la viralità. Non si fanno classifiche tra le madri e le non-madri, o tra le casalinghe e le donne in carriera: però la vita esige un vero impegno per la fecondità.

Leggi tutto

Storie

La Corte Europea dà ragione alla pasticceria

I pasticcieri rifiutarono di fare una torta per matrimonio gay. La Corte Europea dà ragione alla pasticceria

Leggi tutto

La Croce Quotidiano, C.F. P.IVA 12050921001

© 2014-2022 La Croce Quotidiano