Storie

di Giuseppe Udinov

Gujarat: archiviate le accuse alle Missionarie della Carità

Abbonati agli albi cartacei de La Croce e all’archivio storico del quotidiano

Nello Stato indiano del Gujarat il tribunale locale ha accantonato il procedimento legale aperto contro la casa delle Missionarie della Carità di Vadodara per le accuse di conversioni forzate avanzate nei loro confronti. La decisione archivia una delle azioni portate avanti con maggior clamore dai nazionalisti indù negli ultimi mesi nella campagna anti-conversioni, con protagonista lo stesso Comitato che si occupa della tutela dei minori, sempre più spesso utilizzato per accuse nei confronti delle istituzioni educative cristiane.

La vicenda era cominciata il 9 dicembre con un’ispezione del Comitato al Nirmala Shishu Bhavan, un centro di accoglienza gestito dalle suore di Madre Teresa dove sono ospitate 48 ragazze, 22 delle quali fisicamente o mentalmente disabili. Il 12 dicembre era stato il Comitato stesso a presentare una denuncia alla polizia di Makarpura accusando le suore di voler convertire le ragazze, violando così la legge anti-conversioni in vigore nel Gujarat dal 2003. Insieme alla denuncia veniva chiesto di trasferire le ospiti in un’altra struttura di accoglienza, strappandole alle cure delle suore.

Le accuse si sono rivelate talmente infondate che è stato lo stesso procuratore a riconoscere nel memoriale inviato al tribunale che non c’è nessuna base seria per procedere contro le Missionarie della Carità. Dalla casa di accoglienza di Vadodara sr. Clarissa commenta ad AsiaNews: “Dio ci è stato vicino anche se abbiamo dovuto affrontare questa difficile situazione. Siamo grate a Lui e a tutti coloro che ci hanno espresso vicinanza, comprese tante persone di altre fedi che ci hanno incoraggiato ad andare avanti nel nostro lavoro. Continueremo a svolgere il nostro servizio in favore dei più poveri tra i poveri”. L’amministratore apostolico della locale diocesi di Baroda, mons. Stanislaus Fernandes, aggiunge ad AsiaNews: “Per il momento il procedimento è accantonato per mancanza di prove. Questo è motivo di sollievo, ma vogliamo ricorrere comunque all’Alta Corte affinché venga definitivamente chiuso”.

Se in Gujarat questa vicenda sembra destinata a chiudersi, lo stesso non si può purtroppo dire della campagna anti-cristiana dei fondamentalisti indù. Nei giorni scorsi un nuovo grave episodio si è verificato a Delhi dove Kelom Tet, un pastore evangelico che vive nell’area di Fatehpuri Berri, ha denunciato alla polizia di essere stato malmenato e umiliato da un gruppo di sconosciuti che lo accusavano di operare conversioni. Hanno cercato di strappargli la sua Bibbia e lo hanno costretto a cantare un’invocazione indù.

Abbonati agli albi cartacei de La Croce e all’archivio storico del quotidiano

09/03/2022
1608/2022
San Rocco confessore

Voglio la
Mamma

Vai alla sezione

Politica

Vai alla sezione

Articoli correlati

Politica

CON UN ATTO DI ARROGANTE IMPERIO

Ora sta ai cristiani, in Italia in particolare ai cattolici, decidere come reagire davanti a questa furibonda offensiva che nega il diritto stesso di agire come cristiani in ambito politico proclamando alcune banalissime idee che sono alla base della nostra fede. Per ognuno di noi la vita umana va difesa fin dal suo concepimento, Papa Francesco è arrivato ad affermare che “abortire è come affittare un sicario” ed è una frase che se fosse stata pronunciata da un candidato del principale partito di governo ne avrebbe comportato l’immediata espulsione con la relativa cancellazione del diritto all’elettorato passivo.

Leggi tutto

Chiesa

Papa Francesco all’Angelus: “Giù la maschera”

E’ un invito a cercare ogni giorno la verità di Gesù, la riflessione di Papa Francesco prima della recita dell’Angelus, dalla finestra dello studio nel Palazzo apostolico, nell’ultima domenica dell’Anno liturgico.

Leggi tutto

Storie

Hong Kong: cattolici e protestanti chiedono l’amnistia per i detenuti

La speranza è anche che papa Francesco sottoscriva la petizione presentata alle autorità della città.

Leggi tutto

Storie

India - Statue cristiane danneggiate per una fake news

Colpito un santuario nella diocesi di Guntur nel mirino dei nazionalisti indù perché (falsamente) sostengono che una croce sia stata eretta scalzando un tempio indù.

Leggi tutto

Società

Rivoglio ginocchia sbucciate e schiamazzi soavi

Siamo schiavi o padroni delle tecnologie in campo virtuale?

Leggi tutto

Politica

India - Proposta una “Legge anti-conversione” a Haryana

Nello stato indiano di Haryana è stata presentata una proposta di legge per regolare la conversione religiosa

Leggi tutto

La Croce Quotidiano, C.F. P.IVA 12050921001

© 2014-2022 La Croce Quotidiano