Politica

di la redazione

Il PDF Sardegna scende in campo per la riduzione dei prezzi del carburante

Abbonati agli albi cartacei de La Croce e all’archivio storico del quotidiano

“A

rischio ci sono migliaia di posti di lavoro e intere famiglie in difficoltà”

Il Popolo della Famiglia Sardegna interviene sullo sciopero proclamato dagli autotrasportatori sardi, a causa dell’improvviso aumento del prezzo del gasolio. Barbara Figus, coordinatrice regionale del Popolo della Famiglia: “Ci uniamo alla protesta degli autotrasportatori. Una protesta più che legittima, perché nata da un ingiusto aumento del carburante. Questa situazione non è più sostenibile e Governo e Regione Sardegna devono assolutamente trovare una soluzione, altrimenti è a serio rischio l’approvvigionamento della grande distribuzione e dei vari settori produttivi della
Sardegna. Al presidente del Consiglio Draghi e a quello della Regione Solinas, chiediamo un intervento mirato ed immediato. Dietro quei
lavoratori che rischiano di non poter lavorare, ci sono intere famiglie che potrebbero trovarsi in difficoltà da un giorno all’altro. Invitiamo tutta la politica sarda a farsi avanti, perché il settore dell’autotrasporto sardo venga tutelato e non lasciato solo così come, purtroppo, avvenuto sino ad oggi.

Sulla

vicenda è intervenuto anche Nicola Di Matteo, coordinatore nazionale e vice presidente del Popolo della Famiglia: “Trovo incredibile che a questi lavoratori non sia stata ancora concessa la defiscalizzazione del gasolio e una vera continuità territoriale. Sono diritti minimi che in altri paesi vengono garantiti da anni ormai. Questo sciopero della Sardegna è solo l’inizio. Credo che se il governo Draghi non interverrà tempestivamente, gli scioperi e le proteste aumenteranno in tutte le regioni italiane, mettendo in seria crisi la grande distribuzione organizzata e tutta la rete di supermercati presenti sul territorio nazionale.

Abbonati agli albi cartacei de La Croce e all’archivio storico del quotidiano

10/03/2022
3011/2022
Sant'Andrea

Voglio la
Mamma

Vai alla sezione

Politica

Vai alla sezione

Articoli correlati

Società

Francesco lo chiede, noi non diserteremo

Eccoci, noi della Croce di certo non disertiamo. Di questo non possiamo essere accusati.

Leggi tutto

Politica

Vadecum per il voto amministrativo delle liste PDF

Per il Popolo della Famiglia, che è un movimento politico, la prova del nove è quella con le urne. A chi ci dice che siamo quattro gatti ricordiamo i risultati delle amministrative 2016, in cui già decine di migliaia di persone scelsero di mettere la croce sul nostro simbolo sostenendo i nostri candidati sindaco, con questi risultati nelle principali città:

Leggi tutto

Politica

GLI IMPEGNI POLITICI DEL PDF ALLA RIPRESA

A ottobre si comincerà con le elezioni ad Ostia, municipio romano che con i suoi 231.723 abitanti sarebbe la tredicesima città d’Italia per popolazione, subito dopo Verona, territorio della periferia capitolina dominato dal M5S e dalle infiltrazioni mafiose, dove il governo municipale è stata sciolto due anni fa con decreto dell’esecutivo nazionale proprio per tali infiltrazioni. A novembre sarà la volta delle elezioni regionali in Sicilia e con questo si spiega il lavoro agostano del nostro coordinatore nazionale Nicola Di Matteo nell’Isola. Nei prossimi mesi si voterà poi per le regionali in Lombardia, dove il ruolo da protagonista è ovviamente svolto dal nostro segretario nazionale Gianfranco Amato, e probabilmente anche nel Lazio e in Friuli Venezia Giulia dove l’esperienza di governo a Cordenons con Lanfranco Lincetto vicesindaco ci fa ben sperare anche grazie al radicamento con Alessandro Cocco a Trieste e con i risultati ottenuti a Fontanafredda alle ultime amministrative.

Leggi tutto

Politica

Lo stato non ci pensa e lo farà la Chiesa

La diocesi di Brescia finanzia bandi diocesani per borse di studio in favore di famiglie a basso reddito che optano con i loro figli per le paritarie. Giusto ma, alla lunga, pericoloso… Il Rapporto 2017 sulla
scuola cattolica, infatti, certifica la deresponsabilizzazione dello Stato nei confronti dell’esercizio di un diritto-dovere dei genitori costituzionalmente (e internazionalmente) sancito

Leggi tutto

Politica

Una strada per liberi e forti

Nei giorni in cui c’è stato e c’è chi insistentemente afferma che il Popolo della Famiglia non serve più a niente non avendolo condotto immediatamente al seggio parlamentare, dunque meglio acconciarsi a sostenere i nuovi potenti e il governo del Trentennio, io resto sempre più convinto del progetto pidieffino e provo a delinearlo per quello che è, per quello per cui l’abbiamo fondato nel marzo 2016, per quello per cui credo che abbia ancora lo stesso inalterato senso ventotto mesi dopo e nel futuro a venire.

Leggi tutto

Politica

Come Ponzio Pilato

I giudici costituzionali hanno solo pavidamente dato un calcio alla palla facendola rotolare in tribuna. Davvero sembra incredibile che di fronte a una domanda semplice (”è incostituzionale l’articolo 580 del codice penale?”) non si sia proceduto con l’ovvia sentenza di rigetto dell’istanza. Ora il presidio, evidentemente, diventa politico.

Leggi tutto

La Croce Quotidiano, C.F. P.IVA 12050921001

© 2014-2022 La Croce Quotidiano