Società

di Roberto Signori

Manifesti anti aborto, vandalizzata la sede di Pro Vita a Roma

Abbonati agli albi cartacei de La Croce e all’archivio storico del quotidiano

E’ stata vandalizzata la sede di Pro Vita & Famiglia Onlus in viale Manzoni a Roma. Ignoti hanno preso di mira le saracinesche e i muri del locale che ospita l’associazione che si impegna contro l’aborto e le pratiche illegali come l’utero in affitto.Sulle saracinesche scritte con insulti e volgarità. Era finita male la battaglia a favore delle donne in vista dell’8 marzo: era finita con la rimozione dei manifesti affissi dall’associazione intimata dalla giunta Gualtieri dopo che le femministe si erano scatenate. In particolare l’associazione “Libera di Abortire”.

Ricordiamo che Pro Vita aveva tappezzato la città con manifesti sui quali compariva una bimba nel grembo materno accanto allo slogan “Potere alle donne? Facciamole nascere!””. Con questa immagine si intendeva difendere il diritto alla vita delle donne contro un fenomeno, largamente diffuso in molte parti del mondo: gli aborti selettivi sulla base del sesso femminile del feto. Una campagna che il Campidoglio ha ordinato di stroncare. Con la seguente motivazione: i manifesti sarebbero “in contrasto con il regolamento comunale che vieta affissioni su stereotipi e disparità di genere; messaggi sessisti e violenti o mercificazione del corpo femminile”. A Roma sull’argomento vita è vitato dissentire. Non è una novità, del resto. Anche negli anni passati Virginia Raggi dichiarò guerra alle iniziative di Pro Vita ordinando di rimuovere manifesti a supporto delle battaglie dell’associazione in più occasioni.

Ma l’accusa di manifesti “sessisti” Pro Vita l’ha respinta al mittente accusando la giunta Gualtieri “di fomentare l’odio”. “I nostri manifesti non contenevano il minimo messaggio offensivo o discriminatorio – ha detto Antonio Brandi, presidente di Pro vita & famiglia onlus -: e riteniamo la giunta Gualtieri politicamente responsabile del violento attacco subito. Etichettando e censurando la nostra innocua campagna come violenta e sessista, l’assessore Lucarelli ha fomentato un clima di odio politico. Chiameremo il comune, il sindaco e l’assessore – annunciano da Pro Vita – a rispondere dei loro abusi in ogni sede giudiziaria, anche quella penale: dove difenderemo il nostro diritto costituzionale alla libertà di opinione ed espressione”. Non prima di avere chiesto all’Assessore “di condannare quanto avvenuto: chiediamo la sua solidarietà e la invitiamo nella nostra sede per toccare con mano le attività che quotidianamente Pro Vita & Famiglia porta avanti in difesa delle donne e della Vita”.

Abbonati agli albi cartacei de La Croce e all’archivio storico del quotidiano

10/03/2022
0207/2022
Visitazione di Maria Santissima

Voglio la
Mamma

Vai alla sezione

Politica

Vai alla sezione

Articoli correlati

Società

Vita da neonato

Siamo sconvolti, raccapricciati da queste storie che ci assediano e che vedono come vittime innocenti bambini. Qualcuno (pochi a dire il vero) ha avuto l’ardire di andare sul profilo della povera Ilaria a scrivere cose assurde, tipo che si vede che non amava la figlia perché sui social non ha postato nemmeno una foto della piccola (magari questo vuol dire che l’amava così tanto da preoccuparsi seriamente della tutela della sua privacy ed ha seguito gli inviti della polizia postale di non pubblicare le foto dei figli), o che di andare dal parrucchiere non se lo sarebbe certo scordato, senza sapere niente di lei (per esempio io, ve lo confesso, non vado dal parrucchiere da ben 7 anni, quindi di me questa fesseria non potreste dirla, vi avverto già).

Leggi tutto

Storie

Una riflessione spirituale sul caso Alfie

Alfie Evans e il desiderio di vivere di un bimbo che voleva “soltanto” Amore. “Al nostro bimbo sono spuntate le ali intorno alle 2.30. I nostri cuori sono spezzati. Grazie a tutti per il sostegno”, scriveva mamma Kate nel dare il triste annuncio della morte del piccolo. “Il mio gladiatore ha posato lo scudo e si è guadagnato le ali. Abbiamo il cuore spezzato. Ti voglio bene ragazzo mio”, sono state le parole commoventi del padre Tom.

Leggi tutto

Società

News sulla Violenza Ostetrica: parla la Relatrice Speciale delle Nazioni Unite (parte prima)

Il motivo principale presupposto dei maltrattamenti è la diseducazione dilagante generale. Se ognuno di noi si recasse in diversi reparti di diversi nosocomi pubblici - e anche privati - di modo tale da poter osservare, come potrebbe fare una mosca, il trattamento che viene riservato a ogni singolo paziente durante le ore del giorno e della notte e in diverse circostanze, non rimarrebbe stupito nel constatare che in ogni turno, composto da diversi operatori sanitari (medici, infermieri, ostetriche, ausiliari) vi è chi possiede tatto - e quindi comunica in una certa maniera sia coi colleghi e i sottoposti, sia coi pazienti - e chi pare proprio mostri una condotta sbagliata - con colleghi, sottoposti e/o pazienti

Leggi tutto

Chiesa

Papa Francesco: aborto e eutanasia e l’abitudine a uccidere

Il Papa: l’aborto è omicidio, la Chiesa sia vicina e compassionevole non politica A questo grido, il Papa aggiunge quello delle tante “vittime della cultura dello scarto”: “C’è lo scarto dei bambini che non vogliamo ricevere, con quella legge dell’aborto che li manda al mittente e li uccide direttamente. E oggi questo è diventato un modo ‘normale’, una abitudine che è bruttissima, è proprio un omicidio”,

Leggi tutto

Politica

Adinolfi ed il reddito di maternità per aumentare le nascite

Il reddito di maternità darebbe alle donne la possibilità di scegliere tra “lavoro interno alla famiglia retribuito ed esterno non retribuito. La donna madre va considerata come una lavoratrice. In base al nostro disegno di legge - spiega Mario Adinolfi - una madre potrebbe guadagnare 1000 euro al mese a figlio per i primi otto anni

Leggi tutto

Chiesa

Papa, udienza generale:  San Giuseppe patrono della buona morte

Papa Francesco torna a parlare dell’eutanasia: la morte va accolta, non somministrata. Inumano “accelerarla” negli anziani.

Leggi tutto

La Croce Quotidiano, C.F. P.IVA 12050921001

© 2014-2022 La Croce Quotidiano