Media

di Roberto Signori

Siri diventa “neutral gender”

Abbonati agli albi cartacei de La Croce e all’archivio storico del quotidiano

Dopo anni di voci femminili per Apple, Alexa di Amazon e Cortana di Microsoft arriva un nuovo assistente vocale che non avrà la voce né di un uomo né di una donna. Il nome del nuovo assistente non è casuale: infatti Quinn è una parola che in Irlanda viene utilizzato per individui sia di sesso maschile che femminile.

La Apple ha reso nota la sua gioia per questa novità: “Siamo entusiasti di annunciare il lancio di questa nuova voce, offrendo agli utenti sempre più scelta, anche nell’assistente vocale con il quale parlare. Milioni di persone si affidano oggi a Siri, di conseguenza abbiamo lavorato duramente per rendere questa funzione il più personale possibile”.

L’opzione aggiunta dall’azienda di Cupertino permetterà di impostare una voce che, a seconda delle interpretazioni soggettive, potrà assomigliare a quella di un uomo o di una donna. In questo modo il dispositivo rimarrà neutrale dal punto di vista del sesso. Sicuramente questa innovazione creerà dibattito tra chi riterrà valida questa novità e chi la considererà addirittura controproducente.

Al momento questa soluzione “gender neutral” è limitata alla sola voce inglese americana e si attendono novità sui tempi di uscita nei prossimi Paesi. La versione 15.4 di iOS, attualmente in fase di test finale, prevedrà la “Voice 5”: la versione americana di Siri che manterrà un tono esplicitamente androgino. La nuova voce “neutra” è stata registrata partendo da una serie di voci di membri della comunità Lgbt+, al fine di avere una voce che rappresentasse una varietà più ampia rispetto alle consuete voci culturalmente connotate come maschili e femminili.

La voce è così peculiare che, secondo alcuni ascoltatori americani, risulta differente a seconda di chi la ascolti. Infatti, secondo alcuni è una voce identificabile con il genere maschile, secondo altri con quello femminile. Insomma, a seconda dell’ascoltatore può essere identificata alternativamente di un genere o dell’altro.

Problemi veramente vitali questi inerenti Siri. Ogni commento è superfluo!

Abbonati agli albi cartacei de La Croce e all’archivio storico del quotidiano

11/03/2022
1408/2022
S.Massimiliano M. Kolbe

Voglio la
Mamma

Vai alla sezione

Politica

Vai alla sezione

Articoli correlati

Chiesa

Schönborn: nella Chiesa più senso di comunità

L’arcivescovo di Vienna spiega in cosa la Chiesa dovrebbe essere diversa. Il cardinale sottolinea che “partecipare alla sofferenza degli altri è la cosa più elementare dell’uomo”.

Leggi tutto

Storie

India - Corte di Delhi respinge aborto alla 23esima settimana

Nel rispondere a un’istanza su un caso di una donna non sposata i giudici hanno osservato che “equivarrebbe a uccidere il feto” e hanno suggerito un percorso che permetta alla donna di partorire in anonimato dando il bambino in adozione.

Leggi tutto

Società

Tutto quello che non sapete sulla pillola dei 5 giorni dopo

Una donna che faccia uso prolungato della pillola estroprogestinica deve aspettarsi di abortire, statisticamente, almeno una volta ogni dieci anni. Il campione di utenti attualmente rilevato, quanto alla pillola “d’emergenza” dei 5 giorni dopo, è di sole 35 donne. Le donne che fanno ricorso alla contraccezione d’emergenza intesa come pillola del giorno dopo, assumono una dose ormonale pari a 400 vecchie pillole

Leggi tutto

Società

La guerra in Siria? Dimenticata!

Il 15 marzo del 2011 segna l’inizio della guerra in Siria. Un conflitto che ha provocato mezzo milione di morti. “Non lasciate morire la speranza” sottolinea il nunzio a Damasco, cardinale Mario Zenari, che denuncia violenze, povertà e abbandono

Leggi tutto

Storie

Siria la terra martoriata e dimenticata

Entrare in Siria, terra di cristianesimo primordiale significa cadere in ginocchio e ringraziare Dio, che non ha abbandonato il popolo siriano

Leggi tutto

Siria ed Iraq:  prime comunioni dei bambini, speranza delle Chiese

Con l’arrivo della primavera e del tempo di Pasqua, le feste per le prime comunioni dei bambini, con loro attingere al mistero sacramentale della Chiesa, vengono dovunque celebrate come un segno potente di come la grazia ha custodito la fede nelle comunità cristiane locali, negli anni di conflitti e convulsioni che hanno stravolto la vita quotidiana di moltitudini di persone sia in Iraq che in Siria, e dopo i limiti imposti alle celebrazioni liturgiche anche dall’arrivo della pandemia.

Leggi tutto

La Croce Quotidiano, C.F. P.IVA 12050921001

© 2014-2022 La Croce Quotidiano