Politica

di Mario Adinolfi

TRA UN ANNO, IN PARLAMENTO

Abbonati agli albi cartacei de La Croce e all’archivio storico del quotidiano

Oggi il Popolo della Famiglia compie 6 anni. Coloro che erano presenti al Palazzetto delle Carte Geografiche all’assemblea costituente del partito erano trecento, siamo diventati trecentomila (219.654 certificati dal voto delle politiche 2018, quando non ci conosceva nessuno) puntiamo al milione. Non abbiamo mai avuto tanta visibilità e capacità di mobilitazione, non siamo mai stati tanto al centro del dibattito e abbiamo riportato vittorie importanti non solo con i tanti eletti sul territorio ma anche sul ddl Zan, sul quesito che per primi definimmo irricevibile per l’imbroglio di Cappato, sul referendum droghe, sul suicidio assistito nella regione Marche, fermato da noi come unico oppositore.

Da quando c’è il PdF, cioè dall’11 marzo 2016, i cosiddetti “falsi miti di progresso” non hanno segnato neanche un punto dal punto di vista normativo. Merito tutto nostro? No. Ma se non ci fossimo stati noi con la nostra tenacia e disponibilità a metterci la faccia a dimostrare agli altri che un’altra posizione era possibile, avremmo assistito certamente a un cedimento, a uno smottamento politico che avrebbe finito per fare approvare tutto.

Guardate il voto sulla legge sull’eutanasia alla Camera: è passata con 253 voti favorevoli e 117 contrari. Il centrodestra alla Camera dispone di 277 voti ufficiali (22 Coraggio Italia, 80 Forza Italia, 37 Fratelli d’Italia, 133 Lega, 5 Noi con l’Italia) più frattaglie varie dal misto. Con tutti i quattro voti favorevoli dei forzitalioti ingrati alla Elio Vito, una presenza massiccia in aula del centrodestra avrebbe schiacciato immediatamente la legge sulla morte. Ma per quei partiti lì queste leggi non sono fondamentali e allora quasi due deputati su tre sono rimasti a casa. Se aveste votato Popolo della Famiglia invece di quei partiti lì, non sarebbe successo. E non accadrà al Senato perché alzeremo la voce e li costringeremo ai posti di combattimento, romperemo loro costantemente i coglioni, li inseguiremo fino a casa e alla fine dovranno essere conseguenti al loro mandato. Vinceremo anche sulla legge sull’eutanasia anche se per loro non è una priorità, ma per noi lo è. Per questo esistiamo.

Tutta la nettezza delle nostre posizioni, assunta anche nel dire no all’infame green pass che sta causando difficoltà estreme alle famiglie e no all’armamento dell’Ucraina perché la guerra “è una follia” e fornire armi è fare la guerra, causa discussioni e violenti attacchi. Ma a quelli siamo abituati da anni, come ai tradimenti dei Giuda, che come tutti i Guida sono destinati a restare da soli e disperati a campar di chiacchiere e proclami a cui non credono manco loro. Io so che la testuggine è più salda e numerosa che mai, che di battaglia in battaglia sta completando la traversata del deserto e l’anno prossimo lo festeggeremo con i primi eletti in Parlamento, al governo del Paese. Per restituirgli onore, verità e libertà nel rispetto pieno della Costituzione repubblicana e in ossequio agli insegnamenti del Vangelo.

Siate orgogliosi pidieffini d’Italia di questi sei anni trascorsi à bout de souffle. Domenica ci ritroviamo in tv di nuovo a raccontare perché siamo diversi da tutti e perché ogni volta che si compare in un dibattito gli ascolti impennano. Con un consenso mai così intenso come oggi, basta vedere tutti i sondaggi post trasmissione. Siate orgogliosi e miti, gentili as usual, pronti a fare il bene delle famiglie italiane sempre più sofferenti e dunque sempre più bisognose di voi.

Abbonati agli albi cartacei de La Croce e all’archivio storico del quotidiano

11/03/2022
0702/2023
San Riccardo

Voglio la
Mamma

Vai alla sezione

Politica

Vai alla sezione

Articoli correlati

Chiesa

Se il PDF trova la sponda della Chiesa

Questo è semplicemente avere chiara una verità che abbiamo ricevuto e che a nostra volta dobbiamo trasmettere, una verità che non possiamo tacere, una verità che sola basta a salvarci e che ci fa autenticamente liberi.

Leggi tutto

Politica

Perché la politica italiana sembra dover insultare i suoi giovani

Il ministro del Lavoro ci ricasca: un’altra frase infelice lascia trapelare disprezzo per i disoccupati

Leggi tutto

Chiesa

Giacomo Morandi, nuovo segretario della CDF

Con il saluto al cardinal Müller, monsignor Ladaria è volato in vetta alla “Congregazione regina” della Curia Romana. Lasciando il vescovo spagnolo il suo posto di Segretario, il Sottosegretario è a sua volta asceso a coprire l’ufficio lasciato vacante dal nuovo Prefetto. Il prete modenese specializzato in teologia biblica e missiologia è l’espressione dell’indirizzo di Bergoglio per la CDF

Leggi tutto

Politica

Eppure Péguy aveva seppellito per sempre il moderatismo….

Il “moderatista” avversa quella grandezza d’animo che è il solo distintivo della vera nobiltà.

Leggi tutto

Storie

L’Ungheria del dopo voto raccontata da chi la conosce vermente

Un lettore marito di una donna ungherese racconta dal suo privilegiato punto di vista sui magiari l’elezione di domenica

Leggi tutto

Chiesa

Papa Francesco ed il sesso

Papa Francesco ha detto la sua su un tema molto delicato: il sesso. Le nostre cadute spirituali, le nostre debolezze, ci portano a usare la sessualità al di fuori di questa strada tanto bella, dell’amore tra l’uomo e la donna. Ma sono cadute come tutti i peccati. La bugia, l’ira, la gola… sono peccati: peccati capitali

Leggi tutto

La Croce Quotidiano, C.F. P.IVA 12050921001

© 2014-2023 La Croce Quotidiano