Società

di Nathan Algren

Erbil: Maria, 20 anni, uccisa dai parenti per la conversione al cristianesimo

Abbonati agli albi cartacei de La Croce e all’archivio storico del quotidiano

Dal Kurdistan iracheno arriva la notizia dell’omicidio di una giovane di circa 20 anni per mano di un familiare. La sua unica “colpa”?? Aver scelto - lei, proveniente da una famiglia musulmana - di convertirsi al cristianesimo e farsi chiamare con nuovo nome: Maria. A conferma che il cammino di tolleranza e convivenza nel Paese, seppur bene avviato grazie anche alla visita lo scorso anno di papa Francesco e all’opera del patriarca di Baghdad il cardinale Louis Raphael Sako, sono ancora oggi un traguardo da raggiungere. E neppure il nord, la regione curda relativamente più tranquilla e capace in passato di ospitare decine di migliaia di cristiani e yazidi (oltre ai musulmani) in fuga dallo Stato islamico, è aliena da sacche di violenze di matrice confessionale.

La vittima - massacrata a colpi di coltello - si chiamava Eman Sami Maghdid, sebbene da tempo usasse il nome cristiano di “Maria” anche sui social, dove era molto popolare e seguita.

Il delitto è avvenuto nei pressi dell’aeroporto internazionale di Erbil, non distante da Ankawa, distretto a prevalenza cristiana di Erbil. Ad ucciderla sarebbe stato lo zio, con la complicità del fratello. In un primo momento era emersa la notizia dell’arresto di entrambi i presunti assassini, poi le Forze dell’ordine hanno parlato di un solo fermo (lo zio). La ragazza era famosa per la sua lotta per i diritti delle donne, attivismo che - assieme alla conversione al cristianesimo - avrebbe sancito la “condanna” dei familiari i quali parlano invece di “controversie” e “dissidi” interni.

I familiari “dicono che il cristianesimo non è la ragione” alla base dell’omicidio, legato invece “al fatto di voler vivere da sola, aver lasciato dopo quattro anni un marito che era stata costretta a sposare all’età di 12 anni, voler essere libera”. Poi “non voleva mettere il velo, non voleva più seguire le tradizioni islamiche” e questo avrebbe armato la mano dei parenti, fino ad ucciderla. “Anche il padre - prosegue la fonte - dicono sia un venditore di frutta e verdura, quando in realtà ha un ruolo di imam ed è una personalità religiosa ben conosciuta all’interno della comunità islamica”.

“Hanno trovato il corpo - prosegue - legato da un nastro, gettato ai bordi della strada, con numerosi colpi di coltello”. Maria era una persona aperta, viveva con una amica ed era parte di una commissione che lottava per i diritti delle donne arabe e irachene.

Abbonati agli albi cartacei de La Croce e all’archivio storico del quotidiano

11/03/2022
1108/2022
Santa Chiara

Voglio la
Mamma

Vai alla sezione

Politica

Vai alla sezione

Articoli correlati

Media

Il dramma di uno showbiz divenuto amorale cronico

A forza di non fare moralismo siamo diventati amorali, indifferenti, forse persino incapaci di distinguere il bene dal male. La vicenda di Fausto Brizzi, che appare la vittima sacrificale designata a fare da capro espiatoio al traballante armadio del cinemino italiota, pieno di scheletri, faccia riflettere.

Leggi tutto

Storie

Cina - Jiangsu: raid della polizia contro scuole cristiane

Colpita l’Abeka Accademy di Suzhou e un istituto privato di Zhenjiang. Decine le persone arrestate, compresi bambini e genitori.

Leggi tutto

Media

La suora eroica del Myanmar tra le 100 donne del 2021

L’immagine di suor Ann Rose Nu Tawng che affrontava i militari per chiedere loro di non uccidere i manifestanti ha fatto il giro del mondo

Leggi tutto

Storie

Eutanasia: si uccidono anche i malati di Covid

Una nuova interpretazione da parte del Ministero della Salute della Nuova Zelanda della legge sul suicidio assistito recentemente promulgata, infatti, dimostra che la cultura della morte ha preso a pretesto il Covid per allargare il suo potere sui malati, ora uccisi con l’eutanasia proprio e anche perché affetti da Covid.

Leggi tutto

Società

Cristianofobia in Francia

Quasi novecento atti anti-cristiani in un anno, quasi 1700 atti anti-religiosi nello stesso periodo. Anche in Francia, i cristiani restano i fedeli più sotto attacco, con un trend che va dai 700 ai 900 atti anti-cristiani l’anno che non accenna a diminuire

Leggi tutto

Storie

MALAYSIA - Atti di vandalismo in una cattedrale cattolica in Borneo

Un uomo ha compiuto atti vandalici nella cattedrale cattolica di San Francesco Saverio, a Keningau, intorno alle 7:30 del 7 luglio, dopo la messa mattutina

Leggi tutto

La Croce Quotidiano, C.F. P.IVA 12050921001

© 2014-2022 La Croce Quotidiano