Storie

di Roberto Signori

UK. Medico pro life vince causa legale

Abbonati agli albi cartacei de La Croce e all’archivio storico del quotidiano

In Gran Bretagna il General Medical Council (GMC) ha abbandonato la causa legale che nel maggio del 2021 aveva intentato contro il dottor Dermot Kearney, medico di estrazione cattolica, che prescriveva pillole per interrompere le procedure dell’aborto (Abortion Pills Reversal).

La APR, infatti, è un servizio non disponibile da parte del Servizio Sanitario Nazionale (NHS) e il dottor Kearney lo forniva a quelle donne che avevano già preso la prima delle due pillole abortive ma avevano cambiato idea e avevano deciso di tenere il loro bambino.

Kearney, un esperto consulente ospedaliero che fornisce anche cure mediche d’emergenza, era stato bloccato per un massimo di 18 mesi nel maggio 2021 da un Tribunale, a seguito di una denuncia del General Medical Counci. Al divieto era seguita una seconda denuncia, avanzata dal direttore di MSI Reproductive Choices (industria abortista multinazionale con sede a Londra),

L’APR comporta la somministrazione dell’ormone naturale progesterone a una donna incinta che desidera invertire gli effetti della prima pillola abortiva, il mifepristone. Dopo la decisione dei giorni scorsi e quindi il totale reintegro del dottor Kearney, la GMC non l’ha presa bene e ha dichiarato: «Gli esaminatori del caso hanno considerato deboli le informazioni fornite da MSI Reproductive Choices, openDemocracy, Safe Abortion Action Fund UK e il Royal College of Obstetricians and Gynaecologists e hanno deciso di concludere questo caso senza ulteriori azioni».

Il dottor Kearney è stato sostenuto nella sua azione legale dal Christian Legal Centre (CLC), ma anche dieci donne hanno fornito testimonianze a suo sostegno come parte della difesa legale. Ad oggi, in tutto 32 donne che hanno ricevuto il trattamento APR dal dottor Kearney e dalla sua ostetrica consulente, la dottoressa Eileen Reilly, hanno dato alla luce bambini sani. Il 55% delle madri ha dato alla luce bambini vivi dopo la somministrazione del farmaco, che è più del doppio del tasso di sopravvivenza previsto senza ricevere il trattamento,

Parlando al Daily Mail, il dottor Kearney ha detto di sentirsi «felice e sollevato. Quando guardo i bambini, quando parlo con le donne e i loro partner, mi vengono le lacrime agli occhi. Nessuna delle donne che ho aiutato si è lamentata con il GMC, e nemmeno le famiglie. Le donne stesse erano tutte molto grate, anche quando purtroppo il trattamento non ha funzionato. Faccio fatica a capire perché alcune persone si oppongono a questo trattamento. Sono stato il bersaglio di una campagna orchestrata dall’industria dell’aborto per impedire ai medici pro-vita come me di offrire il trattamento di inversione della pillola abortiva».

Abbonati agli albi cartacei de La Croce e all’archivio storico del quotidiano

12/03/2022
3009/2022
S. Girolamo

Voglio la
Mamma

Vai alla sezione

Politica

Vai alla sezione

Articoli correlati

Storie

FILIPPINE - Gli sfollati sotto la protezione di San Michele:

Nella diocesi di Malolos, il Vescovo Dennis Villarojo, sacerdoti, religiosi, operatori Caritas hanno visitato le famiglie sfollate, rifugiatesi nel santuario di San Miguel che ha aperto le porte agli sfollati, donando un riparo e un pasto caldo

Leggi tutto

Storie

Io, un’ostetrica nell’inferno degli aborti

Il corso di ostetricia che ho frequentato prevedeva diverse ore di insegnamento dei contraccettivi farmacologici, ritenuti i più sicuri ed efficaci per evitare gravidanze, innocui per la salute delle donne il cui diritto alla cosiddetta pianificazione familiare era considerato fondamentale a prescindere dalle esigenze del partner e di conseguenza senza nessuna considerazione dei metodi naturali per la conoscenza della fertilità che implicano una partecipazione attiva del partner e, a mio avviso, una più gratificante e serena vita di coppia perché la fertilità non è vista come un problema da mettere a “tacere” ma è valutata come aspetto determinante al valore di una persona. I metodi naturali ci sono stati presentati come “poco sicuri” rispetto alla pillola anticoncezionale. Ho però notizia da alcune mie colleghe che in altre scuole vengono presentati e valutati correttamente. Anche perché gli studi dimostrano che hanno un’efficacia sovrapponibile a quella dei contraccettivi ormonali, non hanno effetti collaterali e sono a costo zero. La pillola peraltro non viene mai definita una farmaco e per le giovani studenti sembra la cosa più naturale del mondo che una donna debba assumerla per stare bene con se stessa, anche indipendentemente dalla sua vita sessuale. È presentata come un aiuto che diminuendo l’attività delle ovaie ne conserva più a lungo la salute. In realtà il vero toccasana per l’apparato genitale femminile è proprio la gravidanza!

Leggi tutto

Storie

Il futuro di Vincent

Nel silenzio e nell’apparente disinteresse dei media ieri appena una dozzina di persone ha partecipato all’udienza.

Leggi tutto

Società

L’Alta Corte di Londra ha giudicato in favore della vita di Tafida Raqeeb

L’Alta Corte di Londra ha giudicato in favore della vita (prima che della famiglia) di Tafida Raqeeb. Per la prima volta in Regno Unito un giudice ha disposto il mantenimento del sostegno vitale di un paziente pediatrico in un caso di conflitto tra l’ospedale e la famiglia. La decisione è arrivata con una sentenza di non facile lettura - e per come vi è espresso il bilanciamento dei punti di vertenza e per l’estensione del testo (70 pagine, le prime 30 di sintesi delle posizioni delle parti) – e tuttavia estremamente netta a concludersi:

Leggi tutto

Chiesa

Aborto e referendum, il vescovo di San Marino: ogni uomo ha diritto a vivere

In vista del referendum di domenica 26 settembre sulla depenalizzazione dell’aborto, il vescovo della diocesi sollecita la società a interrogarsi sui suoi valori fondanti e sul diritto alla vita.

Leggi tutto

Società

L’Ecuador si divide sull’aborto

Manifestanti a favore e contro l’aborto si sono riuniti fuori dal parlamento in Ecuador.

Leggi tutto

La Croce Quotidiano, C.F. P.IVA 12050921001

© 2014-2022 La Croce Quotidiano