Politica

di Mario Adinolfi

CHE FASTIDIO CHE PROVO

Abbonati agli albi cartacei de La Croce e all’archivio storico del quotidiano

Che fastidio che provo per questi pacifinti che vanno in piazza con la bandiera arcobaleno e intanto godono per ogni immagine di tank russo in fiamme con attorno ucraini esultanti con gli Ak47 da noi forniti innalzati al cielo a sparare raffiche di gioia.

Che fastidio che provo per questo Zelenski che da straordinario capocomico ha ormai stregato il mondo intero e con tempi teatrali perfetti fa battere i cuori del senso di colpa occidentale, ma intanto ammette serenamente che “i morti russi sono dieci volte i nostri” e allora per chi dovrei piangere di più signor attore?

Che fastidio che provo per Putin che ha voluto trasformare una guerra regionale che dura da otto anni che a nessuno interessava in un preludio della terza guerra mondiale per misurare i limiti di ciascuno. Il fastidio è doppio perché a morire in terra ucraina ci ha mandato i soldati di leva, cioè i ragazzini ancora teenagers, che io non riesco a distinguere tanto dai 79 bambini morti tra i civili. Gli ucraini parlano di 12mila soldati russi uccisi e 18mila feriti, gli USA dimezzano la cifra che resta enorme per appena 18 giorni di guerra. È una strage di giovanissimi russi. Il fastidio è triplo dopo che Putin ha fatto arrestare due vertici dei servizi di sicurezza per la questione dei soldati di leva: che cavolo di autocrate sei se prendono decisioni del genere sotto il tuo naso?

Che fastidio che provo per coloro che hanno solo voluto irridere e disprezzare, senza fare lo sforzo di leggere davvero il discorso del patriarca Kirill che invece spiega molto delle ragioni profonde di questo conflitto: “Se l’umanità riconosce che il peccato non è una violazione della legge di Dio, se l’umanità concorda sul fatto che il peccato è una delle opzioni per il comportamento umano, è la fine della civiltà. Chi sta attaccando l’Ucraina oggi, dove la repressione e lo sterminio delle persone nel Donbass va avanti da otto anni? Siamo entrati in una lotta che non ha un significato fisico, ma metafisico”. Da decenni subiamo senza reagire in Occidente l’avanzata di una cultura vuota che ha spazzato via Dio e reso illegittima l’idea stessa di peccato: tutto deve essere accettabile, nulla è giudicabile, persino l’autodistruzione ormai la invochiamo a colpi di leggi che la rendano solamente poco dolorosa. Ci siamo venduti Dio e le ragioni fondanti, per ottenere in cambio una società profondamente infelice e atterrita, che va avanti a psicofarmaci e psicopolizia del pensiero unico. E il pazzo è Kirill che propone “una lotta dal significato metafisico”? C’è tanta distanza con Francesco che definisce quel che sta accadendo “una follia” senza attribuire colpe prioritarie all’uno o all’altro dei contendenti e con il vescovo Ricchiuti di Pax Christi che dice che è sbagliato fornire armi agli ucraini? Io una lotta vera contro una proposta di società che renderà infelicissimi perché sradicati i nostri figli, nella poltiglia somministrata del politicamente corretto, la pretendo anche dalla Chiesa Cattolica. Altro che additare Kirill: Francesco lo prenda sotto braccio e insieme conducano seri tentativi di arrivare alla pace.

Che fastidio che provo per tutti voi che gridate “pace, pace” senza dire come fare, anzi istigando la guerra perché vi piace tanto fare like dal divano alle immagini della “resistenza ucraina” specie se composta da donne col kalashnikov e vecchine che fabbricano le molotov con cui avvolgere nelle fiamme i tank russi. Insomma gridate pace ma volete la guerra e che i russi muoiano. Invece io voglio che non muoia più nessuno, che ci si incontri a Roma o Gerusalemme per riconoscere che Dombass è territorio russo, che l’Ucraina ha diritto a esistere come territorio indipendente ma neutrale rispetto a Nato e Unione Europea. Credo che su queste basi Putin accetterebbe la pace domani mattina e credo di non essere l’ unico a saperlo.

Che fastidio che provo per coloro che pensano di piegare la Russia con le sanzioni, senza capire che la storia del popolo russo è la storia di un popolo che sa resistere alle privazioni più intense, ai sacrifici più immani, alle ristrettezze più impensabili. Sono secoli che ne danno prova: né Napoleone, né Hitler, né le recentissime e meno recenti sanzioni sanzioni occidentali antiputiniane hanno mai piegato i russi. Che hanno risorse naturali infinite, su uno spazio territoriale immenso, con una banca nazionale che stampa moneta, con migliaia di testate nucleari che affiancano un esercito potentissimo per armamenti, con una società che fa figli ed è molto giovane, culturalmente dedita al combattimento. I russi non si abbattono, i russi vanno convinti facendosi aprire la strada dai loro stessi interessi e conducendoli sulla strada delle trattative. Lo racconta la storia. Che ci dice anche che quando i russi si fecero sovietici l’unica arma per disarticolare quella pericolosa involuzione fu l’arma spirituale brandita efficacemente da San Giovanni Paolo II, che consacrò la Russia al Sacro Cuore Immacolato di Maria nel 1984, come richiesto dalla Madonna di Fatima nel 1917. Sette anni dopo la bandiera rossa con la falce e martello veniva definitivamente ammainata al Cremlino.

Di questi miei fastidi e delle soluzioni possibili alla guerra parlerò stasera in tv, come è già accaduto sere fa e come accadrà in altre sere. Per provare a far prevalere un minimo di raziocinio sulla sciocca propaganda a senso unico che dalla tv piove nelle nostre case, anche a costo di apparire sempre quello che guida contromano.

Abbonati agli albi cartacei de La Croce e all’archivio storico del quotidiano

13/03/2022
2502/2024
San Tarasio

Voglio la
Mamma

Vai alla sezione

Politica

Vai alla sezione

Articoli correlati

Storie

Un trans non può fare la tata

Non si può affidare la crescita di un bambino di pochi mesi a un trans. Dalla email si capisce che la transizione da un sesso all’altro non si è compiuta, l’Inps ha ancora tutti i documenti al maschile, quindi Alessandro è a tutti gli effetti Alessandro anche se “si sente” Alessandra. Siamo davanti dunque ad una persona che non si accetta per come è, che in questo percorso di transizione deve affrontare prove psicologiche e fisiche molto pesanti con l’assunzione continua di farmaci, che dal punto di vista fisico sostiene un iter di trasformazione molto doloroso e che fa tendere all’instabilità emotiva. Un bambino di pochi mesi può essere affidato a chiunque tranne che a persone con queste caratteristiche di instabilità. L’approdo alla diversa sessualità riconosciuta, quello che porterebbe il soggetto in questione ad avere i documenti in regola con il nome Alessandra, passa poi attraverso fasi di demolizione dei genitali maschili e di costruzione di forme genitali all’apparenza femminili che sono mediamente faticosissime da molti punti di vista, sia fisici che psicologici. Il ricorso al consumo di forti quantità di alcool e di droghe per ovviare all’inevitabile disturbo di personalità che accompagna ogni evoluzione dalla disforia di genere accertata all’approdo ad una diversa conformazione dei propri genitali, è comprovato in tutti i testi scientifici, così come la più alta propensione al suicidio dei transessuali rispetto alle altre persone.

Leggi tutto

Politica

Il quadro politico e l’occasione unica

La sconfitta di Matteo Renzi al referendum del 4 dicembre 2016, vorrei dire anche l’iscrizione di Tiziano Renzi nel registro indagati con telefonino messo sotto controllo a partire dal 5 dicembre 2016 (che fa il paio con la decadenza di Silvio Berlusconi dalla carica di senatore che rende compiuto l’assalto della magistratura al leader il 27 novembre 2013), la tenuta del Movimento Cinque Stelle che si dimostra realtà non transitoria ma destinata a divenare una sorta di paradossale “partito rivoluzionario istituzionale” e soprattutto la sentenza della Corte Costituzionale del 25 gennaio 2017 che cancella il ballottaggio tra liste dalla legge elettorale nota come Italicum, disegnano un sistema politico ignoto ai più perché mai messo alla prova secondo i nuovi meccanismi. Sarà bene invece immaginarli e capirli in anticipo, per comprendere quanto fragorosa sia la novità e quanto sia unica (vorrei dire miracolosa) l’occasione concessa al Popolo della Famiglia, probabilmente ultima per una riorganizzazione in soggetto politico autonomo di quella moltitudine di italiani che hanno dimostrato il loro attaccamento ai principi non negoziabili in occasione della partecipazione massiccia ai Family Day del 2015 e del 2016.
Per costoro la legislatura che con ogni probabilità si chiuderà alla fine del 2017 è stata la vera e propria prova generale del disastro incipiente. In quattro anni un sistema politico reso improvvisamente molto fragile dal nuovo tripolarismo all’italiana, che ha trovato come risposta al grillismo quella piuttosto asfittica della collaborazione tra centrodestra e centrosinistra attuata in varie forme (larghe intese con tutti o quasi al governo, patto del Nazareno,

Leggi tutto

Società

Se il Cile chiama il segretario del PdF per l’accademia e per l’agorà

Una serie di conferenze all’Università Cattolica è l’occasione per un’incursione nella politica

Leggi tutto

Media

La nostra risposta: fare 5 cose

Contro il Popolo della Famiglia e i suoi dirigenti, invece, c’è una furia feroce che probabilmente è degna di miglior causa. Per la lobby che noi apertamente sfidiamo, per la sua politica contro la vita e contro la famiglia, per la visione del mondo che vuole trasformare le persone in cose, c’è un solo nemico da attaccare con tutte le energie fino a zittirlo: il Pdf. Torniamo alla domanda. Perché? Perché siamo ostinati e organizzati. Due fattori molto temuti: ostinazione e organizzazione. Sanno che ormai in ogni angolo del Paese c’è un nucleo territoriale organizzato del Popolo della Famiglia. Si tratta del frutto di due anni di lavoro casa per casa, compiuto dal Pdf attraverso l’esperienza di ben tre tornate amministrative ma anche con la presenza quotidiana e fattiva di monitoraggio di quel che accade. E così ogni settimana in Italia ci sono almeno dieci iniziative con dirigenti del Popolo della Famiglia che incontrano persone sul territorio, più di cinquecento all’anno. Ci sono gli iscritti, ci sono le liste, ci sono i candidati, ci sono 48.750 firme da raccogliere che saranno agevolmente raccolte, ci sono centinaia di migliaia di voti che certamente i nostri militanti otterranno alle prossime politiche sui 945 coraggiosi che candidandosi alla Camera e al Senato diranno: fate una croce sul simbolo del Popolo della Famiglia, tutto il resto l’abbiamo già sperimentato e ha portato al disastro attuale.

Leggi tutto

Politica

Almeno si vergognino un po’

Noi siamo e saremo in campo. Con la determinazione e la serenità che ci contraddistinguono da anni. E se dovessi di nuovo incontrarti per caso, caro Massimo, sapendo che tu non verrai a salutarmi, lo farò io. Tra fratelli mi dicono si debba fare così. L’ultima volta che l’ho fatto il “vice” ti ha fatto scrivere un surreale comunicato in cui ti sei un po’ pateticamente dovuto giustificare per avermi salutato, specificando che era un saluto senza significato politico. Ora si capisce ancora meglio il perché di quel ridicolo comunicato e da quali interessi precisi (e paure di perdere l’agognata poltrona) fosse mosso. Spero che almeno, ora, a gioco scoperto, ti vergognerai un po’.

Leggi tutto

Politica

Una forzista-grillina alla presidenza del Senato?

Bocciato Paolo Romani, bocciata la proposta d’incontro con Berlusconi. Giorgia Meloni è scomparsa, Silvio Berlusconi è ridimensionato come mai prima d’ora: giganteggia Matteo Salvini, che però a Forza Italia deve concedere qualcosa. E questa propone ora per seconda carica dello Stato Anna Maria Bernini, che nel 2015 esultò quando la Consulta autorizzò la diagnosti pre-impianto.

Leggi tutto

La Croce Quotidiano, C.F. P.IVA 12050921001

© 2014-2024 La Croce Quotidiano