Storie

di Roberto Signori

Ucraina - Superati i due milioni e mezzo di profughi

Abbonati agli albi cartacei de La Croce e all’archivio storico del quotidiano

“Siamo stati in grado di evacuare circa 125mila persone usando i corridoi umanitari”. Lo ha detto il presidente ucraino Volodymyr Zelensky, secondo quanto riporta il Kyiv Independent. “L’impegno maggiore ora è Mariupol - ha aggiunto - Il nostro sforzo diplomatico è focalizzato sugli aiuti per raggiungere la città”.

Secondo l’ultimo conteggio delle Nazioni Unite pubblicato oggi dall’Alto Commissario per i Rifugiati, circa 100.000 persone in 24 ore hanno ingrossato le file degli sfollati in fuga dai combattimenti in Ucraina, a più di due settimane dall’invasione russa. La stima è al momento di 2.698.280. L’Europa non ha visto un flusso così rapido dalla seconda guerra mondiale, secondo Filippo Grandi. Si prevede che quattro milioni di persone potrebbero voler lasciare il Paese per sfuggire alla guerra, cifra probabilmente da rivedere al rialzo nei prossimi giorni. Prima del conflitto, l’Ucraina era popolata da più di 37 milioni di persone nei territori controllati da Kiev, che non includono la Crimea annessa alla Russia o le aree controllate dai separatisti filorussi.

La Polonia da sola ospita più della metà di tutti i rifugiati ucraini. Le guardie di frontiera polacche stimano che 1.675.000 persone siano entrate finora nel Paese di confine. da precisare che prima della crisi, la Polonia ospitava già circa 1,5 milioni di ucraini, la maggior parte dei quali si recavano a lavorare nello stato membro dell’Ue. L’Ungheria sta ospitando 246.206 persone, secondo i dati dell’UNHCR al 12 marzo, circa 10.000 in più rispetto al conteggio del giorno precedente, a dire della rapidità dei movimenti. Il Paese ha cinque valichi di frontiera e diverse città di confine, come Zahony, che hanno convertito edifici pubblici in centri di soccorso, dove i civili ungheresi offrono cibo o assistenza. La Slovacchia ha accolto 195.980 immigrati dall’Ucraina. E’ sempre dell’UNHCR la nota che riguarda le 96.000 persone arrivate in Russia dai territori separatisti filorussi di Donetsk e Lugansk, tra il 18 e il 23 febbraio. Anche la piccola Moldavia, di 2,6 milioni di abitanti, tra i più poveri d’Europa, è interessata dall’esodo degli ucraini. Si tratta di un territorio per lo più di transito verso l’Ungheria o la Romania. Per quest’ultima, le Nazioni Unite non hanno ancora aggiornato i dati: secondo le autorità rumene, 365.000 persone sono entrate e poco più di 280.000 sono uscite. Anche in questo caso, infatti, molti rifugiati decidono di spostarsi ulteriormente, una volta al sicuro.

Abbonati agli albi cartacei de La Croce e all’archivio storico del quotidiano

14/03/2022
0602/2023
Ss. Paolo Miki e compagni

Voglio la
Mamma

Vai alla sezione

Politica

Vai alla sezione

Articoli correlati

Chiesa

Messaggio del Papa alle Amministrazioni Apostoliche per i cattolici russi

L’intera comunità cattolica della Federazione Russa diventi “un seme evangelico che, con gioia e umiltà, offra una limpida trasparenza del Regno di Dio”. È la speranza di Francesco affidata ad un messaggio in occasione del 30° anniversario dell’istituzione delle Amministrazioni Apostoliche per i cattolici di rito latino in Russia, nel quale augura a tutta quella comunità di essere “in ricerca vocazionale protesa alla comunione con tutti”, perché esserne testimoni “è tanto gradito a Dio e contribuisce al bene comune dell’intera società. In particolare, la testimonianza cristiana eccelle nel farsi carico degli altri, specialmente dei più bisognosi e trascurati”.

Leggi tutto

Chiesa

La CEI e la pandemia

Il Consiglio Permanente della Conferenza episcopale italiana ha analizzato la realtà attuale, ha espresso particolare preoccupazione per la situazione in Ucraina e per la proposta referendaria italiana sull’eutanasia. Sui vaccini contro il Covid-19 ha ribadito che il principio di libertà e di autodeterminazione

Leggi tutto

Società

Gli atleti trans sempre in vantaggio

Le proteste non hanno vinto il politicamente corretto: «Più nuotatrici hanno sollevato il problema, più volte», ha raccontata un’atleta al DailyMail. «E’ decisamente imbarazzante perché Lia ha ancora parti del corpo maschili ed è ancora attratta dalle donne. Ma in pratica ci è stato detto che dobbiamo girarci e accettarlo, oppure non possiamo usare il nostro spogliatoio». Solo due o tre atlete supportano Thomas, la maggior parte ha paura di parlare e la scuola vieta agli studenti di parlare con i media.

Leggi tutto

Chiesa

Il Sud Sudan attende papa Francesco

Il Sud Sudan attende Papa Francesco

Leggi tutto

Chiesa

Costa D’Avorio - L’Arcidiocesi di Abidjan con il Papa nell’Atto di consacrazione

I fedeli ivoriani si radunano perchè “il Popolo santo di Dio faccia salire in modo unanime e accorato la supplica alla sua Madre” come scrive il Papa a proposito di quello che “Vuole essere un gesto della Chiesa universale, che in questo momento drammatico porta a Dio, attraverso la Madre sua e nostra, il grido di dolore di quanti soffrono e implorano la fine della violenza, e affida l’avvenire dell’umanità alla Regina della pace”. Il Cardinale ha reso noto che “questo sarà fatto in comunione con il Santo Padre e durante la messa serale” e, nel contempo, ha invitato i fedeli a una forte mobilitazione nella carità e nella solidarietà.

Leggi tutto

Politica

Padre Maccalli: “Davanti a Dio non ci sono figli di serie B”

In questo tempo di zoom e reportage quotidiani sulla guerra in Ukraina, aiutiamo l’opinione pubblica a non considerare nessuno ostaggi di serie B.”

Leggi tutto

La Croce Quotidiano, C.F. P.IVA 12050921001

© 2014-2023 La Croce Quotidiano