Storie

di Roberto Signori

Ucraina - Superati i due milioni e mezzo di profughi

Abbonati agli albi cartacei de La Croce e all’archivio storico del quotidiano

“Siamo stati in grado di evacuare circa 125mila persone usando i corridoi umanitari”. Lo ha detto il presidente ucraino Volodymyr Zelensky, secondo quanto riporta il Kyiv Independent. “L’impegno maggiore ora è Mariupol - ha aggiunto - Il nostro sforzo diplomatico è focalizzato sugli aiuti per raggiungere la città”.

Secondo l’ultimo conteggio delle Nazioni Unite pubblicato oggi dall’Alto Commissario per i Rifugiati, circa 100.000 persone in 24 ore hanno ingrossato le file degli sfollati in fuga dai combattimenti in Ucraina, a più di due settimane dall’invasione russa. La stima è al momento di 2.698.280. L’Europa non ha visto un flusso così rapido dalla seconda guerra mondiale, secondo Filippo Grandi. Si prevede che quattro milioni di persone potrebbero voler lasciare il Paese per sfuggire alla guerra, cifra probabilmente da rivedere al rialzo nei prossimi giorni. Prima del conflitto, l’Ucraina era popolata da più di 37 milioni di persone nei territori controllati da Kiev, che non includono la Crimea annessa alla Russia o le aree controllate dai separatisti filorussi.

La Polonia da sola ospita più della metà di tutti i rifugiati ucraini. Le guardie di frontiera polacche stimano che 1.675.000 persone siano entrate finora nel Paese di confine. da precisare che prima della crisi, la Polonia ospitava già circa 1,5 milioni di ucraini, la maggior parte dei quali si recavano a lavorare nello stato membro dell’Ue. L’Ungheria sta ospitando 246.206 persone, secondo i dati dell’UNHCR al 12 marzo, circa 10.000 in più rispetto al conteggio del giorno precedente, a dire della rapidità dei movimenti. Il Paese ha cinque valichi di frontiera e diverse città di confine, come Zahony, che hanno convertito edifici pubblici in centri di soccorso, dove i civili ungheresi offrono cibo o assistenza. La Slovacchia ha accolto 195.980 immigrati dall’Ucraina. E’ sempre dell’UNHCR la nota che riguarda le 96.000 persone arrivate in Russia dai territori separatisti filorussi di Donetsk e Lugansk, tra il 18 e il 23 febbraio. Anche la piccola Moldavia, di 2,6 milioni di abitanti, tra i più poveri d’Europa, è interessata dall’esodo degli ucraini. Si tratta di un territorio per lo più di transito verso l’Ungheria o la Romania. Per quest’ultima, le Nazioni Unite non hanno ancora aggiornato i dati: secondo le autorità rumene, 365.000 persone sono entrate e poco più di 280.000 sono uscite. Anche in questo caso, infatti, molti rifugiati decidono di spostarsi ulteriormente, una volta al sicuro.

Abbonati agli albi cartacei de La Croce e all’archivio storico del quotidiano

14/03/2022
1308/2022
Ss. Ponziano e Ippolito

Voglio la
Mamma

Vai alla sezione

Politica

Vai alla sezione

Articoli correlati

Storie

TURCHI, CURDI E LA BONINO PRIMA DELL’APERICENA

Abbiamo una insopprimibile necessità di iscriverci a una curva, perché sui social così possiamo distillare perle di saggezza che ovviamente sono solo maldestre copiature dei riassunti del mainstream, ingaggiando feroci quanto inutili flames con gli appartenenti alla fazione opposta. Ne muore, così, la reale e profonda comprensione dei fenomeni che sono sempre complessi persino se parliamo di Temptations Island, figuriamoci se ci azzardiamo a discettare di una guerra.
Allora, proviamo a spiegarla questa guerra. Così ci risparmieremo scene oscene tipo il massacro sui social di Under e Demiral, due ragazzi turchi che giocano nella Roma e nella Juve che come tantissimi ragazzi turchi sono cresciuti considerando quella curda come una grave minaccia e ora si schierano con la loro patria salutando i loro coetanei connazionali in guerra.

Leggi tutto

Chiesa

Maria e lo sguardo della speranza

Nella Giornata internazionale della donna, il pensiero del Papa su twitter va a quante vivono la grande sofferenza derivante dai conflitti, dalle caresti

Leggi tutto

Società

ARGENTINA - No al crimine della tratta in Ucraina e nel mondo

Sono già stati segnalati tentativi di reclutamento da parte di reti di trafficanti al confine polacco con l’Ucraina. Anche nella parte ucraina, trafficanti offrono trasporto, lavoro e luogo di accoglienza “gratuitamente” agli sfollati, nei paesi dell’Europa occidentale.

Leggi tutto

Politica

Dal Consiglio d’Europa nessun sostegno a Erevan

Dall’Europa sono arrivate condanne sia all’Armenia sia all’Azerbaigian per il conflitto del 2020.

Leggi tutto

Chiesa

Allarme della Chiesa per gli effetti delle sanzioni in Siria

Il vescovo di Aleppo Georges Abou Khazen non ha dubbi: le sanzioni occidentali sono una “condanna a morte” per il popolo siriano

Leggi tutto

Chiesa

Papa Francesco e le tristezza della guerra

La risposta di Gesù a chi gli fa del male non è la vendetta o il rancore, ma la gentilezza e la mitezza di chi porge l’altra guancia e apre una breccia nel cuore del nemico. Così anche i cristiani sono chiamati a non cedere all’odio. La guerra non è mai la soluzione

Leggi tutto

La Croce Quotidiano, C.F. P.IVA 12050921001

© 2014-2022 La Croce Quotidiano