Politica

di la redazione

PDF Sardegna e doppio cognome

Abbonati agli albi cartacei de La Croce e all’archivio storico del quotidiano

Il Popolo della Famiglia Sardegna interviene sulla vicenda di Greta (nome di fantasia), la bambina che a Sassari ha ricevuto nel gennaio 2021, dopo una sentenza del Tribunale dei minori, l’autorizzazione ad avere un secondo cognome appartenente, non alla madre biologica, ma al compagno del padre e ha concesso a quest’ultimo pari diritti sulla tutela della bambina.

Barbara Figus, coordinatrice regionale del Popolo della Famiglia, ha dichiarato di trovare incredibile che il Tribunale dei minori abbia assecondato il capriccio di due persone adulte che si ostinano a definirsi famiglia, ma che famiglia non sono affatto. La piccola Greta ha il sacrosanto diritto di vivere con una madre e un padre. Ricordiamo che la pratica dell’utero in affitto che i due signori hanno utilizzato per far nascere la bambina, qui in Italia è reato ed è punibile con una sanzione di un milione di euro. Come partito da sempre a difesa della Famiglia, chiediamo che il Tribunale, in futuro, eviti di esprimersi in maniera ideologica e faccia di tutto per ottenere il vero bene dei minori.

Abbonati agli albi cartacei de La Croce e all’archivio storico del quotidiano

16/03/2022
0912/2022
San Siro vescovo

Voglio la
Mamma

Vai alla sezione

Politica

Vai alla sezione

Articoli correlati

Politica

La fame di Ivan, paravento di una sconfitta politica

A proposito di due recenti apparizioni televisive del sottosegretario alle Riforme

Leggi tutto

Chiesa

Una madre che protegge i propri figli

Che la dialettica degli strumenti di produzione dovesse portare, con l’abolizione della famiglia, alla scomparsa della prostituzione è un assunto indeducibile. Ma una volta eliminati i principi morali familiari che davano un senso al sesso, quest’ultimo è straripato e porta rovina ovunque

Leggi tutto

Politica

Le ragioni di un popolo che si è messo in cammino

Lunga intervista in presa diretta con il direttore del nostro quotidiano, nella veste politica di fondatore e presidente del Popolo della Famiglia: a porgli le domande e raccogliere le risposte è Paul Freeman, il coordinatore dell’Associazione Culturale Cattolica Zammeru Maskil, editrice del noto sito “ilcattolico.it”. La conversazione spazia dalle motivazioni che hanno portato alla fondazione del movimento politico alle ragioni che ne suggeriscono il suo assetto attuale. Il PdF si rifà a un’eredità politica e culturale in cui l’era del personalismo dei leader era ancora di là da venire.

Leggi tutto

Società

Yann Moix: “non potrei mai amare una cinquantenne”

Yann Moix: “Potrebbe mai amare una donna di 50 anni?“, “Ah no, non esageriamo, è impossibile“. “Ma si rende conto che è orribile?”, domanda allora la giornalista. E lui risponde: “Dico la verità, a 50 anni non potrei mai amare una donna di 50”. “Ma perché?”, continua l’intervistatrice. “Le trovo troppo vecchie, forse quando avrò 60 anni ne sarò capace, allora una donna di 50 mi sembrerà giovane”. A dire queste frasi in un’intervista a Marie Claire è lo scrittore francese Yann Moix, che di anni ne ha proprio 50 e non è certo Brad Pitt. Non contento, poi ha rincarato la dose:  “Le 50enni per me sono invisibili, preferisco i corpi della donne giovani, tutto qua. Punto. Il corpo di una donna di 25 anni è straordinario, quello di una donna di 50 anni non lo è affatto”.

Leggi tutto

Politica

Mancano le parole d’ordine ed il centro-destra si schianta

Dopo questi ballottaggi si palesano tutti i limiti dell’offerta politica del centrodestra italiano: non facciamoci ingannare dalla bassa affluenza elettorale, il popolo moderato se ci fossero state proposte politiche all’altezza delle aspettative si sarebbe certamente mobilitato

Leggi tutto

Politica

De Carli: “inaccettabile che anziani faentini debbano vaccinarsi a Ravenna”

Mirko De Carli, consigliere comunale del Popolo della Famiglia a Riolo Terme: “È inaccettabile pensare che una persona di 84 anni debba essere ripetutamente invitato a vaccinare al centro vaccinale dell’Esp di Ravenna. Essendoci un punto di vaccinazione fruibile a Faenza invitiamo il sistema di prenotazione, attivo anche presso le farmacie, a fissare la somministrazione della dose vaccinale presso l’hub più vicino alla residenza dell’anziano”

Leggi tutto

La Croce Quotidiano, C.F. P.IVA 12050921001

© 2014-2022 La Croce Quotidiano