Storie

di Roberto Signori

Ucraina: alloggi e trasporti per i rifugiati in Italia

Abbonati agli albi cartacei de La Croce e all’archivio storico del quotidiano

Proseguono gli arrivi in Italia di persone in fuga dal conflitto in Ucraina. Secondo i dati del Viminale, aggiornati a 36 ore fa, erano 37.447 le persone giunte in Italia: 19.002 donne, 3.298 uomini e 15.147 minori.

Le principali città di destinazione dichiarate continuano ad essere Milano, Roma, Napoli e Bologna.
Oggi, il Capo del Dipartimento della Protezione civile, Fabrizio Curcio, ha firmato un’ordinanza che prevede che i cittadini provenienti dall’Ucraina possano viaggiare gratuitamente sul nostro territorio, entro 5 giorni massimo dall’ingresso in Italia, per raggiungere il primo luogo di destinazione o di accoglienza. Il provvedimento comprende la gratuità del trasporto sui treni della società Trenitalia (Gruppo FS) che effettuano servizio di Intercity, Eurocity e Regionali, sui servizi marittimi e sulla rete autostradale.
“La fattiva collaborazione con il Ministero delle Infrastrutture e della Mobilità Sostenibili, Trenitalia e Aiscat ha portato a questa importante misura che rappresenta un ulteriore tassello nel piano di accoglienza della popolazione in fuga dalla guerra”, ha commentato Curcio. “Siamo di fronte a uno scenario delicato e complesso che il nostro Paese deve affrontare in modo sinergico”.
Nel frattempo, prosegue il censimento dei beni confiscati alle mafie da parte dell’Agenzia Nazionale per l’amministrazione e la destinazione dei beni sequestrati e confiscati alla criminalità organizzata, da destinare all’accoglienza degli ucraini.
“Sono circa 283, tra immobili e alberghi, le strutture individuate da destinare all’accoglienza dei profughi. Stiamo affinando il dato in collaborazione con i nuclei di supporto delle prefetture, in ragione delle caratteristiche specifiche del bene, e contestualmente stiamo anche verificando la disponibilità di ulteriori strutture già assegnate agli enti locali ma non ancora utilizzate”, ha riferito il prefetto Bruno Corda in una intervista.
Si tratta “di strutture presenti su quasi tutto il territorio nazionale con una concentrazione significativa nella regione siciliana, dove insiste circa un terzo del totale dei beni confiscati”

Abbonati agli albi cartacei de La Croce e all’archivio storico del quotidiano

16/03/2022
0612/2022
San Nicola vescovo

Voglio la
Mamma

Vai alla sezione

Politica

Vai alla sezione

Articoli correlati

Società

La pretesa di conquista dell’Islam

Il sondaggio di IPR Marketing sui musulmani d’Italia porta finalmente un po’ di sostanza al dibattito sull’integrazione che si protrae ormai nel solito stanco (e stancante) derby tra rossi e neri.
Un vasto sondaggio corredato da diciotto tabelle, per affrontare le questioni dell’apprendimento della lingua, la questione della donna, le aspettative politiche e le proiezioni per la media scadenza

Leggi tutto

Politica

Polonia-Ue, scontro al Parlamento europeo

Von der Leyen al premier polacco Mateusz Morawiecki: «Agiremo contro questa minaccia ai valori dell’Ue: no ai fondi del recovery senza la riforma della giustizia». «Il primato del diritto dell’Unione non può essere sopra le Costituzioni, non può violare dunque le Costituzioni», ha replicato Morawiecki: «La nostra Costituzione non consente di delegare poteri in un modo che porterebbe alla conclusione che la Polonia non è più uno Stato sovrano»,

Leggi tutto

Storie

Export record per l’industria casearia italiana

Dall’analisi dell’associazione, l’export caseario italiano cresce a due cifre in Francia (+13%), Belgio (+18%), Polonia (+22%), Romania, Paesi Bassi, Svezia e Spagna. Sempre più forte il mercato Usa, dove è stato registrato un +25%

Leggi tutto

Chiesa

Papa Francesco: “tacciano le armi”

Nel dopo Angelus, il nuovo appello del Papa per l’Ucraina: la gente comune vuole la pace ma paga sulla pelle le follie della guerra, servono corridoi umanitari per chi cerca scampo

Leggi tutto

Chiesa

Lotta alla tratta di esseri umani in Brasile

Lo Stato brasiliano deve poi garantire sufficienti stanziamenti di bilancio per rafforzare l’azione delle diverse istituzioni che sono essenziali per la repressione e la lotta a questo crimine, oltre ad eseguire efficacemente le azioni delle Politiche Nazionali sulla lotta alla tratta delle persone e di eradicazione del lavoro in schiavitù.

Leggi tutto

Politica

Italia - Armi, soldati e droni in Ucraina

Mentre il popolo “sovrano” italiano continua a chiedere la fine delle ostilità, Draghi ed il governo dei “migliori” prosegue per la sua strada di guerra ed orrore.

Leggi tutto

La Croce Quotidiano, C.F. P.IVA 12050921001

© 2014-2022 La Croce Quotidiano