Media

di Raffaele Dicembrino

Alla Gregoriana nuovo volume dell’Opera Omnia di papa Ratzinger

Abbonati agli albi cartacei de La Croce e all’archivio storico del quotidiano

Ha assunto un carattere itinerante la presentazione dell’ultimo volume dell’opera omnia di Joseph Ratzinger, dal titolo “La Chiesa: segno tra i popoli” edito dalla Libreria Editrice Vaticana (LEV). Oggi a Roma l’ottavo capitolo della collana - il primo di due libri che lo compongono, appena pubblicato in italiano - è al centro di una sessione di studio presso la Pontificia Università Gregoriana organizzata assieme alla Fondazione Ratzinger. “Un momento ampio dedicato interamente allo studio di un grande teologo del Novecento come Benedetto XVI”, dice il responsabile della LEV Lorenzo Fazzini ricordando che il testo raccoglie gli scritti sul tema della Chiesa, e più in generale dell’ecumenismo, lungo un arco di cinquant’anni.

“L’ecclesiologia – aggiunge – rappresenta una questione di base nella teologia, perché naturalmente affronta il mistero della Chiesa e il mistero della vita di Cristo nella storia”. Un pezzo di storia importante che giustifica la scelta di un appuntamento di riflessione ad hoc in un contesto accademico, dopo la presentazione ufficiale avvenuta nelle settimane scorse in Vaticano. Fazzini sottolinea che “è un testo poderoso, di circa 900 pagine, sul rinnovamento della teologia e dell’ecclesiologia del Concilio Vaticano II che ha messo ancora più a fuoco la centralità del paradigma della Chiesa come popolo Dio”.

Sono tanti gli spunti per chiunque abbia interesse di accostarsi all’opera, che precede quella prodotta durante il magistero di Benedetto XVI. “Fino ad ora è stata positiva l’accoglienza da parte della stampa”, osserva ancora Fazzini aggiungendo che all’interno di questo volume ci sono due scritti proposti per la prima volta in italiano. Il primo è testo, risalente al 1969, verte sulla figura di san Francesco d’Assisi “visto come l’emblema di colui che vive un carisma personale al servizio della Comunità, al punto tale da spossessarsi di sé”. Il secondo, invece, è un’omelia pronunciata nel 1977 durante una celebrazione per Paolo VI che in quel momento veniva pubblicamente criticato anche all’interno del perimetro ecclesiale. “Ratzinger in quella occasione affermò alcune verità umane, come ad esempio il fatto che Gesù Cristo non ha promesso alla Chiesa che i suoi successori sarebbero stati perfetti, ma semplicemente degli uomini che avrebbero rappresentato e costituito il principio dell’unità della Chiesa”.

Abbonati agli albi cartacei de La Croce e all’archivio storico del quotidiano

17/03/2022
0207/2022
Visitazione di Maria Santissima

Voglio la
Mamma

Vai alla sezione

Politica

Vai alla sezione

Articoli correlati

Politica

L’Argentina e l’aborto

Sembra provvidenziale questa retiterata volontà del Presidente argentino Macri di impedire la legalizzazione dell’aborto nel Paese sudamericano. Infatti, negli stessi giorni in cui il Capo di Gabinetto del Presidente della Repubblica Marcos Peña dichiara ufficialmente che, la depenalizzazione dell’omicidio del concepito nel grembo materno, «non è nei programmi» del Governo (cfr. Marcos Peña: “No está en agenda avanzar” con la legalización del aborto, “La Nación”, 22 de noviembre de 2016), il Nobel per la Letteratura Daniel Mantovani (“El ciudadano ilustre”), descrive un Paese alla ricerca delle proprie «radici europee» e «di una forte e coesiva identità nazionale» (cit. in L’Argentina, un Nobel in ritardo e la ricerca dell’identità nazionale, “Il Corriere della Sera”, 23 novembre 2016, p. 41). E quali possono essere queste “radici europee” se non quelle dell’umanesimo cristiano? Nella vigente Costituzione argentina del resto il Parlamento è chiamato fra l’altro a «dettare un regime di sicurezza sociale speciale» per il bambino anche «durante la gravidanza» (art. 75, co. 23). Per l’ordinamento nazionale appunto l’aborto è ammesso solo in caso di pericolo di vita, stupro o grave pregiudizio per la salute fisica della donna.

Leggi tutto

Media

Il gesuita James Martin ed il suo nuovo libro

Quello che è giusto è giusto: le risposte del gesuita, nel contesto di questa sola intervista, sono intelligenti, moderate e condivisibili. Desta più perplessità il tono di alcune domande del solerte articolista del quotidiano diretto da Mauro Calabresi: davvero viene da chiedersi se Paolo Rodari si ascolti o si rilegga, quando parla de “la destra cattolica” come di quelli che non sono d’accordo con Repubblica, e quindi con lui – e che (va da sé) hanno torto. Eppure non sono lontani i tempi in cui su Il Foglio lo leggevamo perplessi menar di mazza e durlindana contro la musica da discoteca (!), che infiniti addurrebbe lutti all’integrità spirituale dei giovani.

Leggi tutto

Chiesa

Perego il vescovo pilota

Don Alessandro Guerinoni ha ricevuto una dura reprimenda dal suo vescovo, burocraticamente mediata dal Vicario generale e dal Cancelliere episcopale e confezionata con tutti i timbri del caso.
Motivo? La sua ospitalità al Popolo della Famiglia nei saloni parrocchiali. Il successore di mons.Negri sembra voler attuare le trame di un’ostilità politica al movimento politico del Family Day.

Leggi tutto

Media

Come si fa a giudicare la santità in tribunale?

Abbiamo incontrato Lodovica Maria Zanet, che oltre a essere un’autrice di libri di materia teologica e spirituale e una docente presso l’università salesiana di Torino, è pure una “postulatrice”, ossia uno degli attori principali dei processi per le “cause dei santi”. A lei dunque non potevamo che porre molte domande su come “si fanno” i santi (e anche su come non si fanno).

Leggi tutto

Società

Assolto Giancarlo Ricci: psicologo, ex giudice onorario del Tribunale per i Minorenni di Milano

Un’interessante intervista con lo psicologo Giancarlo Ricci, saggista, conferenziere assolto per insufficienza di prove, dopo tre anni di udienze. Si trattava di un procedimento disciplinare in cui l’Ordine degli Psicologi contestava alcune sue affermazioni, lungo una trasmissione televisiva in cui tra l’altro affermava che “la funzione di padre e di madre è essenziale e costitutiva del percorso di crescita del figlio”.

Leggi tutto

Società

Non è un paese per bambini. Né per madri.

Alle madri è chiaramente impedito portare la propria visione della vita nei luoghi pubblici: di fatto la figura della madre è resa invisibile da mode (quella ecologista che vede l’avere figli come una violenza contro il pianeta, ad esempio), opinioni sbagliate (se hai più di due figli sei una povera idiota costretta al focolare, sei una che non conosce l’azione degli anticoncezionali, sei un’egoista) e proposte economiche imbarazzanti (i figli che dopo i 14 anni non valgono nulla, per il Ministero della Famiglia del paese).

Leggi tutto

La Croce Quotidiano, C.F. P.IVA 12050921001

© 2014-2022 La Croce Quotidiano