Media

di Raffaele Dicembrino

Alla Gregoriana nuovo volume dell’Opera Omnia di papa Ratzinger

Abbonati agli albi cartacei de La Croce e all’archivio storico del quotidiano

Ha assunto un carattere itinerante la presentazione dell’ultimo volume dell’opera omnia di Joseph Ratzinger, dal titolo “La Chiesa: segno tra i popoli” edito dalla Libreria Editrice Vaticana (LEV). Oggi a Roma l’ottavo capitolo della collana - il primo di due libri che lo compongono, appena pubblicato in italiano - è al centro di una sessione di studio presso la Pontificia Università Gregoriana organizzata assieme alla Fondazione Ratzinger. “Un momento ampio dedicato interamente allo studio di un grande teologo del Novecento come Benedetto XVI”, dice il responsabile della LEV Lorenzo Fazzini ricordando che il testo raccoglie gli scritti sul tema della Chiesa, e più in generale dell’ecumenismo, lungo un arco di cinquant’anni.

“L’ecclesiologia – aggiunge – rappresenta una questione di base nella teologia, perché naturalmente affronta il mistero della Chiesa e il mistero della vita di Cristo nella storia”. Un pezzo di storia importante che giustifica la scelta di un appuntamento di riflessione ad hoc in un contesto accademico, dopo la presentazione ufficiale avvenuta nelle settimane scorse in Vaticano. Fazzini sottolinea che “è un testo poderoso, di circa 900 pagine, sul rinnovamento della teologia e dell’ecclesiologia del Concilio Vaticano II che ha messo ancora più a fuoco la centralità del paradigma della Chiesa come popolo Dio”.

Sono tanti gli spunti per chiunque abbia interesse di accostarsi all’opera, che precede quella prodotta durante il magistero di Benedetto XVI. “Fino ad ora è stata positiva l’accoglienza da parte della stampa”, osserva ancora Fazzini aggiungendo che all’interno di questo volume ci sono due scritti proposti per la prima volta in italiano. Il primo è testo, risalente al 1969, verte sulla figura di san Francesco d’Assisi “visto come l’emblema di colui che vive un carisma personale al servizio della Comunità, al punto tale da spossessarsi di sé”. Il secondo, invece, è un’omelia pronunciata nel 1977 durante una celebrazione per Paolo VI che in quel momento veniva pubblicamente criticato anche all’interno del perimetro ecclesiale. “Ratzinger in quella occasione affermò alcune verità umane, come ad esempio il fatto che Gesù Cristo non ha promesso alla Chiesa che i suoi successori sarebbero stati perfetti, ma semplicemente degli uomini che avrebbero rappresentato e costituito il principio dell’unità della Chiesa”.

Abbonati agli albi cartacei de La Croce e all’archivio storico del quotidiano

17/03/2022
2911/2022
San Saturnino

Voglio la
Mamma

Vai alla sezione

Politica

Vai alla sezione

Articoli correlati

Politica

Cassero, il delirio continua: “La Chiesa inquina con la sua ortodossia”

Replica delirante e unitaria di tutte le associazioni LGBT a difesa della vergognosa iniziativa blasfema del circolo gay di Bologna

Leggi tutto

Storie

Matrimonio lesbico in una chiesa di Macerata

Non lo è dal punto di vista giuridico (per quanto i nominalismi contino sempre di meno e le parole al giorno d’oggi assumano talvolta significati quasi opposti a quelli che rintracciamo nei dizionari), e non lo è nemmeno dal punto di vista sostanziale: il matrimonio è l’unione di un uomo e di una donna che suggellano un patto senza data di scadenza né fini espliciti, se non quello di mostrare la propria disponibilità alla vita che potrà venire, accoglierla, proteggerla, educarla e fornire alla società intera il dono impagabile di una nuova generazione.

Leggi tutto

Chiesa

Le parole della teologia sui confini della scienza

L’incompatibilità tra fede e scienza è una questione in cui si barcamenano quanti non possono ancora accedere a Il futuro dell’universo di Francesco Brancato: qui si esplorano piuttosto le questioni lasciate aperte dalla scienza, «che deve impegnarsi ancora molto nella ricerca degli elementi fondamentali per la comprensione dell’universo, della sua origine, della sua evoluzione, del suo destino». Scienza e fede s’incontrano al crocicchio tra poesia e metafisica

Leggi tutto

Politica

Su Gerusalemme tutti contro Trump e Putin

Gerusalemme, uno strappo inutilmente pericoloso.  Neppure un solo Paese, a parte Israele, sembra appoggiare Trump nella sua mossa unilaterale. Sarà la scelta giusta?

Leggi tutto

Chiesa

Beatificazione di padre Tiburcio Arnaiz Munoz

Tiburcio Arnaiz Muñoz nacque a Valladolid, in Spagna, l’11 agosto 1865. I suoi genitori, Ezequiel e Romualda, di professione tessitori, lo portarono al fonte battesimale della parrocchia di Sant’Andrea due giorni dopo la nascita, nel giorno in cui si ricorda appunto san Tiburzio. Ad appena cinque anni, rimase orfano di padre. Sua madre, allora, cercò in ogni modo di mantenere sia lui che l’altra figlia, Gregoria, che aveva sette anni in più. Anni dopo, lui raccontò che da piccolo, una notte, ebbe un incubo: sognò di cadere all’inferno. Impaurito, chiamò sua madre, ma lei non lo sentì. Sempre più terrorizzato, invocò la Madonna Addolorata, che gli apparve dicendo: «Non cadi all’inferno né mai vi cadrai» e lo coprì col suo manto.

Leggi tutto

Politica

RAGIONARE SU UNA QUESTIONE DI METODO

Intervento del Direttore del nostro giornale in merito alla polemica sorta a seguito della pubblicazione di un articolo che ha scatenato polemiche a non finire..

Leggi tutto

La Croce Quotidiano, C.F. P.IVA 12050921001

© 2014-2022 La Croce Quotidiano