{if 0 != 1 AND 0 != 7 AND 0 != 8 AND 'n' == 'n'} Ucraina: la guerra e le madri surrogate

Politica

di Giuseppe Udinov

Ucraina: la guerra e le madri surrogate

Abbonati agli albi cartacei de La Croce e all’archivio storico del quotidiano

Victoria non lo farà mai più. Lunedì mattina aveva avvolto al caldo il piccolino di sette giorni partorito tra le sirene che suonavano fuori dall’ospedale ed era stata caricata su un furgone: l’autista aveva quindi iniziato a guidare all’impazzata per schivare spari e superare posti di blocco, direzione un bunker della Biotexcom, una manciata di chilometri fuori Irpin. È lì che il colosso della maternità surrogata con sede a Kiev trasferisce i bambini nati su commissione ed è lì che Victoria doveva “consegnare” il suo bambino.

Là sotto Victoria aveva iniziato a piangere all’idea di lasciare il bambino solo, «quando riusciranno a portarlo via i suoi genitori?», si era chiesta in lacrime davanti al giornalista della Cnn, «dicono che stanno per arrivare, ma quando e quanto tempo ci vorrà nessuno può dirlo». Pensava sarebbe stato facile fare la surrogata, portare in grembo l’embrione di una coppia straniera: aveva affrontato tutto per sua figlia, partorita a soli 17 anni. Ma ora, lontana da lei (era riuscita a farla scappare in Bulgaria all’inizio dell’invasione), dopo aver passato gran parte della gravidanza a letto a causa di complicazioni, ora che era giunto il momento di dover abbandonare questo piccolo bambino e affrontare «il trauma di rinunciare a lui», Victoria aveva deciso che non avrebbe mai più fatto una cosa del genere.

Le telecamere della Cnn mostrano cullettine di plastica e copertine che avvolgono 21 neonati, un pediatra che ricorda quanto sono pagate le surrogate come Victoria (tra le 17.500 e 25 mila sterline) e sei tate che cercano di placare il loro pianto, allattarli, addormentarli cullandoli, «le bombe cadono sempre più vicino. I bambini sentono la paura e l’angoscia nella stanza», spiega Antonina. «Vorrei andarmene, perché anche io ho una famiglia. Ma non abbiamo nessuno a cui lasciare questi bambini»

Un dramma nel dramma perchè la guerra è un dramma ma la compravendita dei bimbi è una drammatica vergogna!

Abbonati agli albi cartacei de La Croce e all’archivio storico del quotidiano

17/03/2022
0510/2022
Ss. Placido e Mauro

Voglio la
Mamma

Vai alla sezione

Politica

Vai alla sezione

Articoli correlati

Politica

Sui Paesi più poveri l’impatto della guerra

L’allarme del governatore di Bankitalia, Ignazio Visco, alla riunione del Development Committee della Banca Mondiale e del Fondo monetario internazionale a Washington

Leggi tutto

Storie

La lettera di Wojtyla sull’amico Szczęsny

Custodita a Roma, a San Bartolomeo, Memoriale dei martiri del XX e XXI secolo, la lettera che Karol Wojtyla scrisse nel 1958, quando fu nominato vescovo ausiliare di Cracovia, in risposta alla famiglia del suo più caro amico nel seminario clandestino della città polacca, Szczęsny Zachuta, ucciso dai nazisti nel 1944

Leggi tutto

Politica

Argentina: no al “gender neutral” nelle scuole

L’amministrazione della capitale, Buenos Aires, ha infatto deciso di vietare agli insegnanti l’utilizzo di parole gender-neutral in classe e nelle comunicazioni coi genitori. Lo racconta il New York Times.

Leggi tutto

Chiesa

Papa: Dio è pace, mai profanarlo con l’odio

Papa Francesco interviene al Congresso dei leaders religiosi a Nur-Sultan: “Investiamo nell’istruzione, non negli armamenti. Liberiamoci dalle concezioni riduttive e rovinose che offendono il nome di Dio”.

Leggi tutto

Società

TUTTI I GRADI DELLA SCALA #FAHRENHEIT – PRIMA DEL 451

Vi sono libri che, pur segnando un’epoca, superano le barriere del tempo e, pur appartenendo a un genere, ne travalicano i limiti per diventare un classico. Fahrenheit 451 è uno di essi: forse la massima espressione del genere distopico eppure ben più di questo, al punto che lettori freddi se non ostili nei riguardi della fantascienza non saprebbero non considerarlo un capolavoro. Del resto, solo di un capolavoro possono interessare le varianti o le versioni scartate: i prodromi di un libro mediocre sono mediocri scartafacci. Ecco perché, tra l’altro, dovrebbe avere valore intrinseco leggere i racconti preparatori di Fahrenheit 451 racchiusi nel volume Era una gioia appiccare il fuoco, usciti in Italia per gli Oscar Mondadori nel 2011 a seguito della raccolta americana A pleasure to burn: Fahrenheit 451 stories, edita appena l’anno precedente. Ma se l’interesse di questo libro fosse meramente filologico si potrebbe senza indugio soprassedere. Si tratta invece di schegge narrativa potentissime, capaci di condensare in poche pagine la visionarietà e la bruciante carica umanistica del messaggio di Bradbury.

Leggi tutto

Società

Utero in affitto: un’ostetrica scrive in lettera aperta a Roberto Saviano

«Avere un figlio è un piacere [sic!] che nessuno può vedersi negato»? Una professionista dell’accompagnamento alla genitorialità risponde al filosofo.

Leggi tutto

La Croce Quotidiano, C.F. P.IVA 12050921001

© 2014-2022 La Croce Quotidiano