Società

di Roberto Signori

Guatemala: annullata la nuova legge che proibiva l’aborto

Abbonati agli albi cartacei de La Croce e all’archivio storico del quotidiano

Con un’improvvisa giravolta, il Parlamento del Guatemala ha deciso l’annullamento e l’archiviazione di una legge, approvata appena una settimana fa durante la Giornata internazionale della donna, che proibiva completamente l’aborto e i matrimoni omosessuali.

Denominato ‘Legge per la tutela della vita e della famiglia’, il provvedimento era stato approvato con 101 voti favorevoli e otto contrari. La decisione aveva ricevuto numerose critiche, e spinto movimenti sociali e femministi a inscenare molteplici proteste, al punto che il presidente della repubblica, Alejandro Giammattei, aveva avvertito che avrebbe posto un veto perché secondo lui questa legge violava la Costituzione e numerose convenzioni firmate dal Paese a livello internazionale.

Come riportato dal quotidiano Prensa Libre, di fronte a questa situazione la presidente del Parlamento, Shirley Rivera, ha presentato alla Giunta dei capigruppo delle forze politiche una iniziativa legislativa governativa che proponeva l’annullamento e l’archiviazione della legge. Fra le proteste dell’opposizione il nuovo provvedimento è stato sottoposto al voto ed approvato con 119 voti favorevoli.

Abbonati agli albi cartacei de La Croce e all’archivio storico del quotidiano

17/03/2022
0107/2022
Sant'Aronne

Voglio la
Mamma

Vai alla sezione

Politica

Vai alla sezione

Articoli correlati

Politica

India: assassinato pastore cristiano protestante

Secondo dati raccolti dallo “United Christian Forum” “nel 2021 quasi 500 casi di violenza anticristiana sono stati segnalati in India”

Leggi tutto

Politica

Segreto militare sui vaccini, report sulla sicurezza negati dall’Ema

L’Ema, l’Agenzia europea per i medicinali, per motivare il suo diniego alle richieste parla anche di ordine pubblico e segreto militare

Leggi tutto

Media

Mario Adinolfi ed i “segni dei tempi”

Puntata d’esordio oggi per Segni dei Tempi, la rassegna stampa di Radio Byoblu condotta da Mario Adinolfi.

Leggi tutto

Storie

India - Karnataka, feti abbandonati in strada

Secondo i medici erano intorno ai cinque mesi di gestazione ed è presumibile che siano stati uccisi dopo il rilevamento del sesso. La strage delle bambine l’altra faccia delle interruzioni di gravidanza in India.

Leggi tutto

Media

Giovanni Paolo I e l’aborto

Su Rai Storia lo speciale dedicato a Papa Luciani a cura di Paolo Mieli con la consulenza del vaticanista Andrea Tornielli

Leggi tutto

Società

La Francia in piazza per la vita

La mancanza di un progetto genitoriale espone il feto alla concreta possibilità dello scarto. Essendo stata negata la sua esistenza, l’essere soltanto «nella carne» è destinato ad essere patologizzato e assimilato a un tumore. Si scava così un abisso incolmabile tra il feto come accidente, considerato come qualcosa di contingente nel corpo della donna, e il feto «umanizzato» dalla parola della madre. Il problema è che, scrive Boltanski, «gli esseri nella carne non possono essere distinti dagli esseri per la parola». Se «ciò che costituisce un essere umano non è il feto, iscritto nel corpo, ma la sua adozione simbolica», «questa adozione suppone la possibilità di una discriminazione tra embrioni per nulla distinguibili».

Leggi tutto

La Croce Quotidiano, C.F. P.IVA 12050921001

© 2014-2022 La Croce Quotidiano