Chiesa

di Tommaso Ciccotti

La dimensione ecumenica della visita di Papa Francesco in Sudan

Abbonati agli albi cartacei de La Croce e all’archivio storico del quotidiano

Alla notizia della prossima visita di Papa Francesco nel paese abbiamo nominato un Comitato di quattro rappresentanti della Conferenza episcopale di Sudan e Sud Sudan (SSCBC) per avviare i preparativi. Questo Comitato si unirà al panel organizzato dal governo per lavorare congiuntamente”. E’ quanto ha dichiarato l’Arcivescovo Stephen Ameyu Martin Mulla, ordinario dell’Arcidiocesi di Juba, in merito ai preparativi della SSCBC per la visita del Papa in Sud Sudan.

“Come Nazione e come Chiesa, ci sentiamo onorati per l’annuncio della visita del Santo Padre” ha affermato l’Arcivescovo Ameyu, che ricopre anche il ruolo di Amministratore apostolico della diocesi di Torit, Sud Sudan. “Sarà un momento di grande rilievo per tutti i sud sudanesi per mobilitarsi a favore della pace e della riconciliazione. Auspichiamo che con la sua visita, il Papa incoraggi tutti noi a percorrere la strada del dialogo, della pace e della giustizia per il consolidamento della pace nel paese”.

“La visita di Papa Francesco ha una dimensione ecumenica. Infatti, saranno presenti anche l’Arcivescovo di Canterbury e il Moderatore della Chiesa Presbiteriana Scozzese”. Il desiderio del Papa di visitare il Sud Sudan è maturato in occasione dell’incontro svoltosi in Vaticano nell’aprile del 2019, con l’Arcivescovo di Canterbury Justin Welby e i leader politici del Sud Sudan, nel corso del quale Francesco li ha implorati di costruire la pace.

“Siamo molto felici e non vediamo l’ora di ricevere il nostro Santo Padre, Papa Francesco, in Sud Sudan”, ha fatto eco il Vescovo Charles Sampa Kasonde, della diocesi di Solwezi, in Zambia, Presidente dell’Associazione delle Conferenze Episcopali dell’Africa Orientale (AMECEA). “Questo viaggio è in qualche modo un adempimento della sua promessa oltre che una garanzia del suo amore per i sud sudanesi e del suo impegno per garantire che la pace regni sulla terra”, ha concluso il Vescovo sudanese.

Abbonati agli albi cartacei de La Croce e all’archivio storico del quotidiano

18/03/2022
2811/2022
San Giacomo della Marca

Voglio la
Mamma

Vai alla sezione

Politica

Vai alla sezione

Articoli correlati

Chiesa

Sacerdoti oggi

Vi sembrerà impossibile, lo so. Anche a me oggi, a 45 anni, fa ancora lo stesso effetto. A volte mi sveglio di notte da incubi spaventosi e mi domando: ma è stato tutto vero o me lo sono inventato io? Durante l’esperienza del liceo e poi dell’università ci ho provato a staccarmi. Per fortuna allora non esistevano i cellulari. Ma vi posso assicurare che la sua presenza era totalizzante anche a distanza. Non esagero se vi dico che ci sono state settimane e mesi nelle quali mi arrivano non meno di trenta telefonate al giorno tutte sue. Ero suo e non era immaginabile che io prendessi il volo per sempre. Mi controllava. Durante la fase della tesi di laurea ho iniziato a soffrire di attacchi di panico. Quest’anno festeggio i 22 anni di convivenza con questa brutta bestia che ti schianta il cuore e il fisico. La vita è sempre stata una vista passata a scappare. A fare non-scelte. Compresa quella di entrare in seminario dopo la laurea in filosofia. E ne ero convinto in un certo senso, ero convinto di avere la vocazione. In realtà non era così: scappavo ancora una volta dal mostro. A venticinque anni che cosa potevo fare nella vita? Non ero capace di fare niente. E allora perché non entrare in seminario? Il prete sapevo farlo, figuriamoci, con tutta l’esperienza di anni e anni passata a fare ogni cosa in parrocchia ed in oratorio! E poi, forse, se fossi diventato prete avrei finalmente avuto la scusa giusta per allontanarmi dal mostro. Il Vescovo mi avrebbe spedito a chilometri di distanza dal prete-mostro e allora la mia prigione sarebbe finita. In seminario ci sono restato 9 mesi. Il periodo più importante e decisivo per la mia vita. Decisivo per affrontare di petto per la prima volta chi ero davvero e che cosa volevo davvero diventare.

Leggi tutto

Società

La bioetica per tutti, parla Giorgia Brambilla

Moglie, mamma, madre di bimbi piccoli e prima ancora ostetrica. Poi la passione per la bioetica che diventa ricerca e insegnamento, e infine il manuale con Rubbettino

Leggi tutto

Chiesa

Papa Francesco: chi lavora nei media reimpari ad ascoltare

In occasione della Giornata mondiale delle comunicazioni sociali 2022, Papa Francesco lancia un invito ai professionisti del settore: la ricerca della verità comincia dall’ascolto

Leggi tutto

Chiesa

Grecia: Papa Francesco incontra i giovani

Papa Francesco incontra ragazzi e ragazze di tutta la Grecia, a conclusione del suo viaggio apostolico.

Leggi tutto

Chiesa

Papa all’Angelus: “Portate la gioia di Gesù”

Il Papa all’Angelus nella quarta domenica d’Avvento esorta a percorrere l’ultimo tratto del cammino verso il Natale sull’esempio di Maria

Leggi tutto

Chiesa

Cantalamessa: la vita di Gesù, un dono a Dio

Il predicatore pontificio ha tenuto la seconda meditazione del tempo di Quaresima: al Padre arriva l’offerta pagata da uno solo, Cristo. Ma chi ha sottoscritto un impegno “ha poi il dovere di onorare la propria firma”

Leggi tutto

La Croce Quotidiano, C.F. P.IVA 12050921001

© 2014-2022 La Croce Quotidiano