Media

di Roberto Signori

Per Usa Today la “donna” dell’anno è un transessuale

Abbonati agli albi cartacei de La Croce e all’archivio storico del quotidiano

Il dottor Rachel Levine, il primo funzionario federale apertamente transgender degli Stati Uniti, nominato dal presidente Joe Biden lo scorso gennaio 2021 e confermato dal Senato al posto di Assistente al Dipartimento federale alla Salute, è stato nominato una delle “Donne dell’anno” dal famoso quotidiano USA Today, come riportato nell’edizione di domenica 14 marzo, scatenando l’indignazione di moltissimi lettori e politici nazionali.

“Rachel Levine è una delle donne dell’anno di USA TODAY, un riconoscimento alle donne di tutto il paese che hanno avuto un impatto significativo”, ha scritto USA Today. Rachel Lavine si era resa “famosa” nei mesi scorsi per aver postato un video, a nome dell’amministrazione, in cui augurava buon inizio di anno scolastico a tutti gli alunni auspicando che si appassionassero al trangenderismo. Tra le altre donne nominate ci sono la vicepresidente Kamala Harris e Melinda Gates, l’ex moglie del fondatore di Microsoft Bill Gates.

USA Today è stato lodato da alcuni per aver dato questo onore a Levine. Il commento di critica più aspro è certamente stato quello di Candace Owens, giovane ed autorevole commentatrice televisiva, che ha detto: “Che cosa è una donna? Sono confusa. Non so più cosa sia una donna. È divertente e acutamente ridicolo. A proposito di tale nomina, mi torna in mente quello che dico sempre sui progressisti: sono sempre così progressivi che in realtà sono solo regressivi, giusto? È lo stesso con il femminismo. Con il primo femminismo, stavamo cercando di creare uno spazio per le donne che fosse separato dagli uomini. Volevamo che le donne facessero sport e che competessero in modo diverso. Sino a poco tempo fa avevamo donne che si allenavano da quando erano bambine fino al college, per cercare di competere contro altre donne. Ora puoi essere maschio, metterti una parrucca e dire ‘In realtà, anch’io sono una donna’ e puoi distruggere tutti i loro record perché è così progressivo che in realtà è regressivo”.

Abbonati agli albi cartacei de La Croce e all’archivio storico del quotidiano

18/03/2022
0107/2022
Sant'Aronne

Voglio la
Mamma

Vai alla sezione

Politica

Vai alla sezione

Articoli correlati

Chiesa

Non perdetevi l’inizio del film

Qualche osservazione in merito alle divisioni nel mondo cattolico sulla manifestazione del 20 giugno a San Giovanni su gender e ddl Cirinnà

Leggi tutto

Società

Tutto quello che non sapete sulla pillola dei 5 giorni dopo

Una donna che faccia uso prolungato della pillola estroprogestinica deve aspettarsi di abortire, statisticamente, almeno una volta ogni dieci anni. Il campione di utenti attualmente rilevato, quanto alla pillola “d’emergenza” dei 5 giorni dopo, è di sole 35 donne. Le donne che fanno ricorso alla contraccezione d’emergenza intesa come pillola del giorno dopo, assumono una dose ormonale pari a 400 vecchie pillole

Leggi tutto

Storie

Per Asia Bibi un futuro tutto da scoprire

L’ordine di rilascio dalla prigione di Multan - nel centro del Pakistan, dove era detenuta – viene vincolato dal governo: il portavoce del ministero degli Esteri, Muhammad Faisal, ha dichiarato che Asia Bibi “si trova in un luogo sicuro e che è ancora in Pakistan”, smentendo le notizie di una partenza della donna per l’estero. Come di concluderà questa interminabile vicenda?

Leggi tutto

Media

La Croce, uno tra i pochissimi media liberi

La ragione astratta dunque svuota le persone e le rende più facilmente manipolabili da una scienza falsamente neutra, sempre in realtà a vantaggio dei potenti del momento. Come ritiene, pro domo sua, di poter fare a meno di una crescita libera così impone i propri canoni pseudo scientifici che spogliati appunto di vissute libere ricerche incasellano la cultura in branche specialistiche vivisezionate

Leggi tutto

Media

La suora eroica del Myanmar tra le 100 donne del 2021

L’immagine di suor Ann Rose Nu Tawng che affrontava i militari per chiedere loro di non uccidere i manifestanti ha fatto il giro del mondo

Leggi tutto

Chiesa

Papa Francesco e le tristezza della guerra

La risposta di Gesù a chi gli fa del male non è la vendetta o il rancore, ma la gentilezza e la mitezza di chi porge l’altra guancia e apre una breccia nel cuore del nemico. Così anche i cristiani sono chiamati a non cedere all’odio. La guerra non è mai la soluzione

Leggi tutto

La Croce Quotidiano, C.F. P.IVA 12050921001

© 2014-2022 La Croce Quotidiano