Storie

di Nathan Algren

Giornata mondiale della sindrome di Down

Abbonati agli albi cartacei de La Croce e all’archivio storico del quotidiano

Dal 2011, l’Assemblea generale delle Nazioni Unite ha dichiarato il 21° giorno del terzo mese dell’anno Giornata mondiale della sindrome di Down (sdD) per sensibilizzare l’opinione pubblica in favore dell’accoglienza e del rispetto delle persone con la triplicazione del 21° cromosoma.

Tutti sanno che questa condizione genetica ha delle conseguenze sullo sviluppo psico-fisico del portatore: le persone con sdD sono “diverse”, presentano di solito un ritardo mentale più o meno lieve, e perciò sono considerate imperfette. Si dà per scontato che siano “infelici”, quindi è da pazzi egoisti metterle al mondo. Sono un peso per loro stesse, per la famiglia e per la società.

Grazie a questo ragionamento quando viene diagnosticata - con sistemi di screening prenatale sempre più efficaci e precoci - la sdD a un bambino, la madre che lo porta in grembo è invitata caldamente ad abortire. Se non lo fa va sempre più spesso incontro a stigma ed emarginazione sociale, che a certe latitudini sono tanto marcate da far registrare “l’eliminazione totale della sdD” (espressione quanto mai imprecisa, perché non sono riusciti ad eliminare la trisomia 21, ma tutte le persone che ne sono portatrici, che è cosa ben diversa). Paesi come Islanda e Danimarca si vantano d’essere “Down-free”. Nel resto d’Europa e nell’America settentrionale la percentuale media di aborti eugenetici di bambini con sdD supera decisamente il 50%, con punte dell’80%. Un vero genocidio che si consuma nel silenzio omertoso dei media e degli opinion makers, che poi, però, il 21 marzo celebrano, perché lo chiede l’Onu, la Giornata mondiale.

Le famiglie delle persone con sindrome di Down sono spesso lasciate sole, confuse e spaventate per la presenza di quel cromosoma in più. Esse invece hanno diritto di essere aiutate ad affrontare subito gli eventuali problemi del nascituro.

La scienza buona che studia le cause della trisomia 21 e i rimedi alle problematiche ad essa connesse (vanno segnalati gli studi del professor Strippoli all’Università di Bologna e il “Progetto Down” del professor Noia del Gemelli di Roma) ha diritto ad essere finanziata da uno Stato che ha “il compito di rimuovere gli ostacoli che impediscono lo sviluppo della persona umana” (art. 3 Cost, secondo comma).

Abbonati agli albi cartacei de La Croce e all’archivio storico del quotidiano

21/03/2022
0107/2022
Sant'Aronne

Voglio la
Mamma

Vai alla sezione

Politica

Vai alla sezione

Articoli correlati

Società

A Milano per parlare di famiglia

Miriano, Adinolfi, padre Botta e Scicchitano rispondono alle polemiche sul convegno in Regione Lombardia

Leggi tutto

Storie

Una lettera d’amore del generale Gorostieta

Ricordate il generale messicano impersonato da Andy Garcia in “Cristiada”?
Oggi pubblichiamo, per la prima volta in italiano, il testo di una sua toccante lettera alla moglie, scritta esattamente 80 anni fa nel triduo del Natale: è la penna di un cavaliere, monaco e guerriero al contempo, a correre sulla carta.
Amore alla moglie, alla patria e a Dio si fondono in una lezione senza tempo.

Leggi tutto

Società

Partito il processo a Cappato: perderà comunque il diritto

L’esponente radicale gioca una carta win-win: o dentro o fuori sarà lui il vincitore morale del gioco

Leggi tutto

Società

Vivere da madri per essere donne

L’ospedalizzazione ordinaria dei parti è uno dei fattori che ha contribuito all’abbattimento del tasso di mortalità neonatale, ma la medicalizzazione della gravidanza è uno di quelli che negli scorsi decenni ha portato all’alienazione delle donne dalla maternità. Mentre diventavano titolari di fantasiosi diritti, perdevano il controllo di quella dimensione peculiare che le rende uniche.

Leggi tutto

Politica

Fondo per gli indigenti, scontro al vertice comunitario

Il Presidente Sassoli si è schierato apertamente contro i tagli, dichiarando guerra al Consiglio ma l’Europa evidenzia, ancora una volta, il “poco” interesse per chi si trova in difficoltà!

Leggi tutto

Società

Una famiglia-Chiesa

Leggi tutto

La Croce Quotidiano, C.F. P.IVA 12050921001

© 2014-2022 La Croce Quotidiano