Storie

di Giuseppe Udinov

Cyberbullismo, offese e aggressioni ad un ragazzino

Abbonati agli albi cartacei de La Croce e all’archivio storico del quotidiano

Ennesima vergogna tra i banchi di scuola. Li ha implorati affinché la smettessero di prenderlo in giro. Di perseguitarlo a scuola e sui social. Offese di ogni genere, anche fisiche, con spintoni e danneggiamenti di libri e materiale scolastico, accompagnate anche da un’aggressione: in un’occasione la vittima è stata infatti accerchiata a ricreazione in modo che uno dei bulli potesse sferrarle un pugno allo stomaco senza essere visto. Un incubo insomma per un ragazzino di 14 anni che frequenta un liceo romano e che si è confidato giorni fa con il padre che lo aveva già visto in uno stato di prostrazione fisica e psicologica. E con un’ansia perenne che prima non c’era. «Non voglio più andare a scuola», gli ha detto il figlio che dopo un periodo lontano dai banchi è stato trasferito in un altro istituto scolastico dove ora le cose sembrano andare meglio. Nel frattempo però è scattata anche la denuncia nei confronti di tre bulli, fra i 14 e i 15 anni, che sono stati raggiunti oggi dal provvedimento di ammonimento da parte del questore Mario Della Cioppa. Loro stessi, convocati negli uffici della polizia insieme con i genitori, dovranno seguire un percorso di responsabilizzazione per comprendere quello che hanno fatto al loro coetaneo.

Le indagini sulla vicenda di cyberbullismo sono state seguite dalla polizia postale, coordinata dalla procura dei minorenni, e quindi dalla Divisione di polizia anticrimine della Questura per l’emissione del provvedimento nell’ambito del progetto Zeus. In accordo con i genitori, i tre bulli hanno accettato di seguire un percorso con un’equipe multidisciplinare composta da psicologi, educatori, mediatori, avvocati e criminologi impegnati in un ciclo di colloqui con i minorenni, che hanno lo scopo di far riflettere i ragazzi sulle loro condotte violente sul piano emotivo e cognitivo per comprenderne le ragioni e anche per prevenire che simili comportamenti possano ripetersi.

Abbonati agli albi cartacei de La Croce e all’archivio storico del quotidiano

22/03/2022
2802/2024
San Romano

Voglio la
Mamma

Vai alla sezione

Politica

Vai alla sezione

Articoli correlati

Chiesa

Bagnasco e l’impegno dei cattolici

La prolusione del Cardinale Angelo Bagnasco al Consiglio permanente della Cei è stata di impressionante nettezza. Il richiamo alla «famiglia come baricentro esistenziale da preservare» è stato condito da una serie di affermazioni che tracciano la strada all’impegno dei cattolici italiani

Leggi tutto

Società

Il nodo gordiano: la scuola

Non c’è apprendimento senza orientamento e l’orientamento è educazione. Il fanciullo lasciato a se stesso intorno agli orientamenti di fondo, ai comportamenti e agli atteggiamenti, semplicemente si fa educare dal contesto che percepisce, ma ancor più dal fondamentale abbandono che sperimenta da parte di chi gli è vicino. Come sgusciare allora dal vuoto di valori ideologicamente perseguito, o riempito di indegni surrogati, e riappropriarsi del naturale buon senso che accompagna la vita reale non ridefinita dal totalitarismo gestionale del potere costituito?

Leggi tutto

Politica

Scuola, Appendino ideologica e autoritaria

L’assessore alla Scuola Federica Patti, per cercare di limitare il clamore suscitato dalla decisione della giunta – quella di spezzare le reni agli istituti paritari – ha rilasciato un’intervista a Paola Pintus che appare la classica toppa peggiore dello strappo. Patti si esibisce allora in una serie di omissioni e di manipolazioni della legge Berlinguer 62/2000 che solo alla disonestà o all’impreparazione può attribuirsi

Leggi tutto

Storie

Di Noto ed i drammi della violenza

Non tutti i giovani non amano, ma non è più tollerabile questa forma di violenza proprio tra le nuove generazioni – prosegue don Di Noto -. Nelle scuole, tra i giovani, nelle famiglie dobbiamo parlare della inviolabilità della vita umana, è una guerra offensiva silente e devastante”.

Leggi tutto

Società

I tre diritti violentati in Alfie Evans

Il diritto alla cura, il diritto del disabile innocente, il diritto e la tutela della famiglia: questi i tre grandi beni che il sistema giudiziario
inglese sta calpestando nel suo delirio di onnipotenza. A ben vedere si tratta di beni mutuamente coimplicati: lederne uno li lede tutti.

Leggi tutto

Chiesa

Papa Francesco e l’Angelus dell’Immacolata

8 Dicembre - da Piazza San Pietro l’Angelus di Papa Francesco in occasione di questa festività così importante. Eccomi è la parola-chiave della vita. Segna il passaggio da una vita orizzontale, centrata su di sé e sui propri bisogni, a una vita verticale, slanciata verso Dio. Eccomi è essere disponibili al Signore, è la cura per l’egoismo, è l’antidoto a una vita insoddisfatta, a cui manca sempre qualcosa. Eccomi è il rimedio contro l’invecchiamento del peccato, è la terapia per restare giovani dentro. Eccomi è credere che Dio conta più del mio io. È scegliere di scommettere sul Signore, docili alle sue sorprese. Perciò dirgli eccomi è la lode più grande che possiamo offrirgli. Perché non iniziare così le giornate, con un “eccomi, Signore”? Sarebbe bello dire ogni mattina: “Eccomi, Signore, oggi si compia in me la tua volontà”. Lo diremo nella preghiera dell’Angelus, ma possiamo ripeterlo già ora, insieme: Eccomi, Signore, oggi si compia in me la tua volontà!

Leggi tutto

La Croce Quotidiano, C.F. P.IVA 12050921001

© 2014-2024 La Croce Quotidiano