Storie

di Roberto Signori

UCRAINA - “Abbiamo bisogno soprattutto di pace oltre che di cibo”

Abbonati agli albi cartacei de La Croce e all’archivio storico del quotidiano

“Qui la vita scorre senza panico, le fabbriche lavorano, il bombardamento dell’aeroporto non ha causato vittime, hanno colpito un vecchio magazzino in disuso, e nessuno sa il perché. Ormai ci siamo abituati a correre sottoterra nei rifugi”. Sono questi alcuni degli aggiornamenti riportati da padre Mikola Orach, OFM conv., a Leopoli.

“Da noi passano i profughi che poi vanno in stazione, in genere rimangono una o due notti – prosegue il sacerdote che è parroco della chiesa di Sant’Antonio da Padova nella città ucraina -. Abbiamo una realtà di accoglienza per i profughi che rimangono in città, tra queste un convento francescano fuori Leopoli dove, in una grande casa, ospitiamo 80 profughi, di cui la metà sono bambini. Lì abbiamo organizzato una scuola online e i nostri frati, a quelli che lo vogliono, danno anche sostegno spirituale e fanno catechesi. Stiamo ricevendo tanto aiuto da Romania, Polonia e Ungheria. Ci portano vestiti, coperte, cibo. Con gli aiuti che riceviamo aiutiamo anche altre zone di guerra.”
Nella sua testimonianza padre Mikola tuttavia ha esaltato a gran voce il valore della pace: “noi però qui non abbiamo solo bisogno di cibo, ma abbiamo bisogno di pace! In città, qui a Leopoli, non sentiamo tanto la fame, ci manca la pace, la nostra vita è tanto cambiata e non abbiamo più la tranquillità. Tante persone non riescono più a dormire per gli allarmi aerei. Non c’è mai un momenti di serenità. La guerra non è romantica…”
Padre Mikola è un osservatore privilegiato del conflitto. Vive a Leopoli, città di snodo per profughi che scappano e per arrivo di volontari e armi. Nella sua testimonianza offerta a Fides il frate vuole promuovere il valore della pace e l’assoluta mancanza di romanticismo della guerra, in linea con Papa Francesco e come risposta a chi parla di guerra metafisica.

Abbonati agli albi cartacei de La Croce e all’archivio storico del quotidiano

22/03/2022
0207/2022
Visitazione di Maria Santissima

Voglio la
Mamma

Vai alla sezione

Politica

Vai alla sezione

Articoli correlati

Chiesa

Perchè la Chiesa tace ?

Serve che si capisca la straordinarietà di questo tempo, la rapidità dei tempi con cui tutto questo sta accadendo. Serve chi sappia organizzare una risposta netta e su ampia scala. Serve erigere una diga altrimenti saremo travolti senza neanche accorgercene e i deboli resteranno senza difesa alcuna e noi che sappiamo senza giustificazione alcuna. Ora serve fare, rispondere, combattere, spiegare. Serve non temere di poter essere irritanti. Ora l’essere accomodanti proprio non basta più.
Ora serve essere, e fino in fondo, cristiani.

Leggi tutto

Chiesa

Suor Serena: “nulla di quello che avevo chiesto è accaduto, eppure sono pienamente felice”

Ho deciso d’intervistare Suor Serena perché il suo sorriso è contagioso. No, non è uno scherzo. Lei ride. Ride alla vita. I suoi occhi scintillanti guardano il viso dei suoi giovani e raggiungono il loro cuore. Fu la mia bambina che, quando la vide, disse proprio: “Quella suora mi fa ridere il cuore!”, era fuor di dubbio che io avrei voluto sapere tutto, di lei. Questo è il racconto della sua vita, “impastata e stesa” da Dio.

Leggi tutto

Politica

ORA OCCORRE SOPRATTUTTO STARE UNITI

Il ddl Zan è esattamente questo, una legge che calpesta la libertà d’espressione. Non è una legge che tutela gli omosessuali dalle violenze, perché gli omosessuali sono persone e tutte le persone sono tutelati dalla legge se subiscono violenze. Se poi si intende aggredire un gay o una lesbica proprio per l’orientamento sessuale compresi le aggravati dall’articolo 61 del codice penale, che aumenta la pena per i “motivi abietti e futili” del gesto violento. Dunque, l’impostazione intenzionale dei proponenti è impedire il dissenso e la proposta alternativa a quella dello stravolgimento dell’istituto matrimoniale, della modifica del concetto stesso di famiglia come costituzionalmente definito all’articolo 29 della Carta repubblicana, dell ’ imposizione della cultura genere e omogeneità della pratica anche attraverso la pratica criminale dell’utero in affitto. Vorrei che chi si oppone a questo programma politico sia impossibilitato a esprimere le sue idee e tacciato come omofobo, se alzato la voce finirà immediatamente catalogato come istigatore all’odio e la pena arrivare arrivare fino ai sei anni di carcere.

Leggi tutto

Chiesa

Papa Francesco: ogni battezzato è chiamato all’evangelizzazione

L’intenzione di preghiera di Francesco per il mese di ottobre è per i discepoli missionari, perché tutti i cristiani siano coinvolti nella missione con la testimonianza di vita

Leggi tutto

Chiesa

Il calendario del Papa di novembre

Nel calendario reso dall’Ufficio Celebrazioni Liturgiche, tra gli altri appuntamenti anche la celebrazione per la Giornata mondiale dei poveri, istituita da Francesco nel 2016 a conclusione del Giubileo della Misericordia

Leggi tutto

Chiesa

Apertura 75ª Assemblea Generale Straordinaria della CEI

Il Papa è arrivato all’Ergife poco prima delle 16 e nel dare inizio alla conversazione privata con i vescovi CEI ha fatto avere loro un biglietto con l’immagine del Buon Pastore e il testo delle “Beatitudini del Vescovo”, fa sapere la Sala Stampa della Santa Sede.

Leggi tutto

La Croce Quotidiano, C.F. P.IVA 12050921001

© 2014-2022 La Croce Quotidiano